Quattro motivi per cui penso che Gesù sia realmente esistito

Una manciata di studiosi oggi e un gruppo molto più ampio di commentatori di Internet sostengono che Gesù non è mai esistito. I sostenitori di questa posizione, noti come mitici, affermano che Gesù è una figura puramente mitica inventata dagli scrittori del Nuovo Testamento (o dai suoi successivi copisti). In questo post offrirò le quattro ragioni principali (dal più debole al più forte) che convincermi che Gesù di Nazareth era una persona reale senza fare affidamento sui racconti evangelici della sua vita.

È la posizione principale nel mondo accademico.

Ammetto che questo è il più debole dei miei quattro motivi, ma lo elenco per mostrare che non esiste un dibattito serio tra la stragrande maggioranza degli studiosi nei settori relativi alla questione dell’esistenza di Gesù. John Dominic Crossan, che ha co-fondato lo scettico Seminario di Gesù, nega che Gesù sia risorto dai morti ma è fiducioso che Gesù fosse una persona storica. Scrive: “Che [Gesù] sia stato crocifisso è sicuro come qualsiasi cosa storica possa mai essere” ( Jesus: A Revolutionary Biography , p. 145). Bart Ehrman è un agnostico che è schietto nel suo rifiuto del mitismo. Ehrman insegna all’Università della Carolina del Nord ed è ampiamente considerato un esperto dei documenti del Nuovo Testamento. Scrive: “L’idea che Gesù esistesse è sostenuta praticamente da tutti gli esperti del pianeta” ( Gesù esisteva?, p. 4).

L’esistenza di Gesù è confermata da fonti extra-bibliche.

Lo storico ebreo del I secolo Giuseppe Flavio menziona due volte Gesù. Il riferimento più breve è nel libro 20 delle sue antichità degli ebrei e descrive la lapidazione dei trasgressori della legge nel 62 d.C. Uno dei criminali è descritto come “il fratello di Gesù, che era chiamato Cristo, il cui nome era Giacomo”. Ciò che rende questo passaggio autentico è che manca di termini cristiani come “il Signore”, si inserisce nel contesto di questa sezione delle antichità, e il passaggio si trova in ogni copia del manoscritto delle Antichità .

Secondo lo studioso del Nuovo Testamento Robert Van Voorst nel suo libro Jesus Outside the New Testament , “La stragrande maggioranza degli studiosi sostiene che le parole ‘fratello di Gesù, che era chiamato Cristo’, sono autentiche, così come l’intero passaggio in cui si trova trovato “(p. 83).

Il passaggio più lungo del libro 18 è chiamato Testimonium Flavianum . Gli studiosi sono divisi su questo passaggio perché, mentre menziona Gesù, contiene frasi che furono quasi certamente aggiunte dai copisti cristiani. Queste includono frasi che non sarebbero mai state usate da un ebreo come Giuseppe Flavio, come dire di Gesù: “Era il Cristo” o “è apparso di nuovo vivo il terzo giorno”.

I mitici sostengono che l’intero passaggio è un falso perché è fuori contesto e interrompe la precedente narrativa di Giuseppe Flavio. Ma questa visione trascura il fatto che gli scrittori nel mondo antico non usavano le note a piè di pagina e spesso vagavano su argomenti non correlati nei loro scritti. Secondo lo studioso del Nuovo Testamento James DG Dunn, il passaggio è stato chiaramente soggetto a redazione cristiana, ma ci sono anche parole che i cristiani non userebbero mai di Gesù. Questi includono chiamare Gesù “un uomo saggio” o riferirsi a se stessi come una “tribù”, il che è una prova evidente che Josephus originariamente scrisse qualcosa di simile al seguente:

In quel momento apparve Gesù, un uomo saggio. Perché faceva azioni sorprendenti, un insegnante di persone che ricevevano la verità con piacere. E ottenne un seguito sia da molti ebrei che da molte di origine greca. E quando Pilato, a causa di un’accusa fatta dai leader tra noi, lo condannò alla croce, quelli che lo avevano amato in precedenza non cessarono di farlo. E fino ad oggi la tribù dei cristiani (dal nome di lui) non si è estinta. ( Jesus Remembered , p. 141).

Inoltre, lo storico romano Tacito registra nei suoi Annali che, dopo il grande incendio di Roma, l’imperatore Nerone attribuì la colpa a un gruppo disprezzato di persone chiamato Cristiani. Tacito identifica così questo gruppo: “Christus, il fondatore del nome, fu messo a morte da Ponzio Pilato, procuratore della Giudea durante il regno di Tiberio.” Scrive Bart D. Ehrman, “Il rapporto di Tacito conferma ciò che sappiamo da altre fonti, che Gesù fu giustiziato per ordine del governatore romano di Giudea, Ponzio Pilato, qualche volta durante il regno di Tiberio ”( Il Nuovo Testamento: Introduzione storica alle scritture paleocristiane , 212).

I Padri della Chiesa primitiva non descrivono l’eresia mitica.

Coloro che negano l’esistenza di Gesù di solito sostengono che i primi cristiani credevano che Gesù fosse solo una figura di salvatore cosmico che comunicava ai credenti attraverso le visioni. Successivamente i cristiani aggiunsero poi i dettagli apocrifi della vita di Gesù (come la sua esecuzione sotto Ponzio Pilato) per radicarlo nella Palestina del I secolo. Se la teoria del mitico è vera, allora ad un certo punto della storia cristiana ci sarebbe stata una rottura o una vera rivolta tra i nuovi convertiti che credevano in un vero Gesù e l’opinione dell’establishment “ortodosso” che Gesù non è mai esistito.

La cosa curiosa di questa teoria è che i primi padri della Chiesa come Ireneo adoravano sradicare l’eresia. Hanno scritto enormi trattati che criticano gli eretici e tuttavia in tutti i loro scritti l’eresia che Gesù non è mai esistito non è mai menzionata. In effetti, nessuno nell’intera storia del cristianesimo (nemmeno i primi critici pagani come Celso o Luciano) hanno seriamente sostenuto un mitico Gesù fino al XVIII secolo.

Altre eresie, come lo gnosticismo o il donatismo, erano come quella protuberanza ostinata sul tappeto. Potresti eliminarli in un posto solo per farli riapparire secoli dopo, ma la mitica “eresia” non si trova da nessuna parte nella Chiesa primitiva. Quindi, cosa c’è di più probabile: che la Chiesa primitiva cacciasse e distrusse ogni membro del cristianesimo mitico al fine di impedire la diffusione dell’eresia e convenientemente non ne scrisse mai, o che i primi cristiani non erano mitici e quindi non c’era nulla per i Padri della Chiesa fare una campagna contro? (Alcuni mitici sostengono che l’eresia del docetismo includesse un mitico Gesù, ma non trovo questa affermazione convincente. Vedi questo post sul blog per una buona confutazione di quell’idea).

San Paolo conosceva i discepoli di Gesù.

Quasi tutti i mitici ammettono che St. Paul era una persona reale, perché abbiamo le sue lettere. In Galati 1: 18-19, Paolo descrive il suo incontro personale a Gerusalemme con Pietro e Giacomo, “il fratello del Signore”. Sicuramente se Gesù fosse un personaggio immaginario, uno dei suoi parenti lo avrebbe saputo (nota che in greco il termine per fratello potrebbe anche significare parente ). I mitici offrono diverse spiegazioni per questo passaggio che Robert Price considera parte di ciò che chiama “L’argomento più potente contro la teoria di Cristo-Mito”. ( The Christ Myth Theory and Its Problems , p. 333).

Earl Doherty, un mitico, afferma che il titolo di James probabilmente si riferiva a un gruppo monastico ebraico preesistente che si definiva “i fratelli del Signore” di cui James potrebbe essere stato il leader ( Gesù: Né Dio né Uomo , p. 61 ). Ma non abbiamo prove a conferma che un gruppo simile esistesse a Gerusalemme in quel momento. Inoltre, Paolo critica i Corinzi per aver professato fedeltà a un certo individuo, persino Cristo, e di conseguenza ha creato divisione all’interno della Chiesa (1 Corinzi 1: 11-13). È improbabile che Paolo loderebbe James per essere stato membro di una fazione così divisiva (Paul Eddy e Gregory Boyd, The Jesus Legend , p. 206).

Price afferma che il titolo potrebbe essere un riferimento all’imitazione spirituale di Cristo da parte di Giacomo. Fa appello a un fanatico cinese del diciannovesimo secolo che si autodefinì “fratellino di Gesù” come prova della sua teoria secondo cui “fratello” potrebbe significare seguace spirituale (p. 338). Ma un esempio così lontano dal contesto della Palestina del primo secolo rende il ragionamento di Price piuttosto difficile da accettare rispetto a una semplice lettura del testo.

In conclusione, penso che ci siano molte buone ragioni per pensare che Gesù sia realmente esistito ed è stato il fondatore di una setta religiosa nella Palestina del I secolo. Ciò include le prove che abbiamo da fonti extra-bibliche, i Padri della Chiesa e la testimonianza diretta di Paolo. Capisco molto di più che si possa scrivere su questo argomento, ma penso che questo sia un buon punto di partenza per coloro che sono interessati al dibattito (principalmente basato su Internet) sul Gesù storico.

Articoli correlati