Ragazza dopo un ictus sfida la prognosi medica e contro ogni previsione ricomincia a camminare

Per i medici, la ragazza 11enne, Natalie Bentos- Pereira dopo un ictus, non avrebbe più camminato. Contro ogni previsione Natalie si rialza.

Natalie

Natalie è una ragazza di 11 anni della Carolina del Sud, che a soli 11 anni nel 2017, ha subito un ictus della colonna vertebrale. Un giorno Natalie si svegliò con il mal di schiena, ma decise comunque di proseguire le sue giornate senza pensarci troppo, fino a quando il dolore diventò troppo forte.

I genitori la portarono in ospedale, e la diagnosi fu terribile. Per i medici , la loro bambina, non avrebbe più camminato.

Margaret e Gerardo, non si arresero, e decisero di tenere nascosta la prognosi alla figlia. Cominciarono così a rivolgersi ad altri medici, per continuare a sperare. Ma la risposta era sempre la stessa, la ragazza non avrebbe camminato mai più. I coraggiosi genitori di Natalie allora decisero di sfidare queste previsioni, e di dimostrare loro che si sbagliavano.

Natalie non si arrende e si rimette in piedi

Cominciò così per Natalie un lungo percorso di terapia e riabilitazione, che durò tre anni, durante i quali la ragazza non si arrese neanche un minuto, fino a quando cominciò a camminare di nuovo con il deambulatore.

Da lì la ragazza passò alla terapia in acqua e per lei che amava nuotare, era un momento davvero felice. Contro ogni previsione, questa ragazza coraggiosa, che non si è mai arresa, ha ricominciato a camminare, un passo dopo l’altro, dimostrando a tutti che a volte la volontà può arrivare dove la scienza si ferma.

Ora Natalie è un’adolescente che frequenta il liceo, e sogna il suo futuro, come tutte le persone più fortunate di lei.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Fightnatfight (@fightnatfight)

A volte si parla di miracoli, di angeli, di un qualcosa che non si vede, ma nel quale si può credere e che aiuta ad andare avanti. Qualunque cosa accada nella vita, non bisogna mai arrendersi, perché la vera differenza potete farla solo voi, con la volontà e la voglia di vivere.

Articoli correlati