Riflessione del 12 Gennaio 2021: affrontare il maligno

Martedì della prima settimana delle
letture del tempo ordinario per oggi

Nella loro sinagoga c’era un uomo con uno spirito impuro; gridò: “Che cosa hai a che fare con noi, Gesù di Nazareth? Sei venuto a distruggerci? So chi sei: il Santo di Dio! ” Gesù lo rimproverò e disse: “Silenzio! Esci da lui! ” Marco 1: 23–25

Ci furono numerose volte in cui Gesù affrontò direttamente i demoni nelle Scritture. Ogni volta li rimproverava ed esercitava la Sua autorità su di loro. Il passaggio sopra illustra uno di questi casi.

Il fatto che il diavolo si mostri più e più volte nei Vangeli ci dice che il maligno è reale e deve essere affrontato in modo appropriato. E il modo appropriato per trattare il maligno e i suoi compagni demoni è rimproverarli con l’autorità di Cristo Gesù stesso in modo calmo ma definitivo e autorevole.

È molto raro che il maligno si manifesti pienamente a noi nel modo in cui ha fatto nel passaggio sopra a Gesù. Il demone parla direttamente attraverso quest’uomo, il che indica che l’uomo era completamente posseduto. E sebbene non vediamo spesso questa forma di manifestazione, non significa che il maligno sia meno attivo oggi. Invece, mostra che l’autorità di Cristo non viene esercitata dai fedeli cristiani nella misura necessaria per combattere il maligno. Invece, spesso ci rannicchiamo di fronte al male e non riusciamo a sostenere con fiducia e carità la nostra posizione con Cristo.

Perché questo demone si è manifestato in modo così visibile? Perché questo demone si è confrontato direttamente con l’autorità di Gesù. Il diavolo di solito preferisce rimanere nascosto e ingannevole, presentandosi come un angelo di luce in modo che le sue vie malvagie non siano conosciute chiaramente. Quelli che controlla spesso non sanno nemmeno quanto siano influenzati dal maligno. Ma quando il maligno si confronta con la pura presenza di Cristo, con la verità del Vangelo che ci rende liberi e con l’autorità di Gesù, questo confronto spesso costringe il maligno a reagire manifestando il suo male.

Rifletti, oggi, sul fatto che il maligno è costantemente all’opera intorno a noi. Considera le persone e le circostanze della tua vita in cui la pura e santa Verità di Dio viene attaccata e respinta. È in quelle situazioni, più di ogni altra, che Gesù vuole conferirti la sua autorità divina per affrontare il male, rimproverarlo e prenderne autorità. Questo viene fatto principalmente attraverso la preghiera e una profonda fiducia nel potere di Dio. Non aver paura di permettere a Dio di usarti per affrontare l’attività del maligno in questo mondo.

Signore, dammi coraggio e saggezza quando affronto l’attività del maligno in questo mondo. Dammi la saggezza per discernere la sua mano all’opera e dammi il coraggio di affrontarlo e rimproverarlo con il tuo amore e la tua autorità. Possa la tua autorità essere viva nella mia vita, Signore Gesù, e possa io diventare ogni giorno uno strumento migliore della venuta del tuo regno mentre affronto il male presente in questo mondo. Gesù io credo in te.

Meditazione: di fronte alla croce con coraggio e amore

Meditazione: di fronte alla croce con coraggio e amore

Il suicidio: segnali d'allarme e prevenzione

Il suicidio: segnali d'allarme e prevenzione

Meditazione del giorno: la vera grandezza

Meditazione del giorno: la vera grandezza

Relazioni a distanza, come gestirle?

Relazioni a distanza, come gestirle?

Meditazione: la misericordia va in entrambe le direzioni

Meditazione: la misericordia va in entrambe le direzioni

Meditazione del giorno: Trasfigurato nella gloria

Meditazione del giorno: Trasfigurato nella gloria

Fare l'elemosina è una forma corretta di carità?

Fare l'elemosina è una forma corretta di carità?