Riflessione sul Vangelo del giorno: 23 Gennaio 2021

Gesù entrò in casa con i suoi discepoli. Di nuovo la folla si radunò, rendendo loro impossibile persino mangiare. Quando i suoi parenti seppero di questo, decisero di prenderlo, perché dissero: “È fuori di testa”. Marco 3: 20-21

Quando consideri le sofferenze di Gesù, molto probabilmente i tuoi pensieri si rivolgono prima alla crocifissione. Da lì, puoi pensare alla sua flagellazione alla colonna, al trasporto della croce e agli altri eventi che hanno avuto luogo dal momento del suo arresto fino alla sua morte. Tuttavia, c’erano molte altre sofferenze umane che il nostro Signore ha sopportato per il nostro bene e per il bene di tutti. Il brano evangelico sopra ci presenta una di queste esperienze.

Sebbene il dolore fisico sia abbastanza indesiderabile, ci sono altre sofferenze che possono essere altrettanto difficili da sopportare, se non più difficili. Una di queste sofferenze è essere fraintesi e trattati dalla tua stessa famiglia come se fossi fuori di testa. Nel caso di Gesù, sembra che molti membri della sua famiglia allargata, esclusa naturalmente sua madre, fossero piuttosto critici nei confronti di Gesù. Forse erano gelosi di Lui e avevano una qualche forma di invidia, o forse erano imbarazzati da tutta l’attenzione che stava ricevendo. Qualunque sia il caso, è chiaro che gli stessi parenti di Gesù cercarono di impedirgli di servire le persone che desideravano profondamente stare con Lui. Alcuni dei membri della sua famiglia allargata inventarono la storia che Gesù era “fuori di testa” e cercarono di porre fine alla sua popolarità.

La vita familiare dovrebbe essere una comunità di amore, ma per alcuni diventa una fonte di dolore e dolore. Perché Gesù permise a Se stesso di sopportare questa forma di sofferenza? In parte, per essere in grado di relazionarti con qualsiasi sofferenza che sopporti a causa della tua stessa famiglia. Inoltre, la sua perseveranza ha anche riscattato questa forma di sofferenza, rendendo possibile alla tua famiglia ferita di condividere quella redenzione e grazia. Così, quando ti rivolgi a Dio in preghiera con le tue lotte familiari, sarai consolato nel sapere che la Seconda Persona della Santissima Trinità, Gesù, l’Eterno Figlio di Dio, comprende la tua sofferenza dalla sua stessa esperienza umana. Conosce il dolore che tanti membri della famiglia provano per esperienza diretta.

Rifletti, oggi, su qualsiasi modo in cui hai bisogno di consegnare a Dio un po ‘di dolore nella tua famiglia. Rivolgiti al nostro Signore che comprende pienamente le tue lotte e invita la sua presenza potente e compassionevole nella tua vita in modo che possa trasformare tutto ciò che sopporti nella sua grazia e misericordia.

Mio compassionevole Signore, hai sopportato molto in questo mondo, incluso il rifiuto e lo scherno di quelli della tua stessa famiglia. Ti offro la mia famiglia e soprattutto il dolore che è stato presente. Per favore, vieni a redimere tutte le lotte familiari e porta guarigione e speranza a me ea tutti coloro che ne hanno più bisogno. Gesù io credo in te.

Meditazione del giorno: la vera grandezza

Meditazione del giorno: la vera grandezza

Relazioni a distanza, come gestirle?

Relazioni a distanza, come gestirle?

Meditazione: la misericordia va in entrambe le direzioni

Meditazione: la misericordia va in entrambe le direzioni

Meditazione del giorno: Trasfigurato nella gloria

Meditazione del giorno: Trasfigurato nella gloria

La gratitudine: un gesto che cambia la vita

La gratitudine: un gesto che cambia la vita

La perfezione dell'amore, meditazione del giorno

La perfezione dell'amore, meditazione del giorno

Meditazione del giorno: l'unico vero segno della croce

Meditazione del giorno: l'unico vero segno della croce