Rifletti, oggi, su coloro che conosci nella vita e in tutti cercare la presenza di Dio

“Non è lui il falegname, il figlio di Maria, e il fratello di Giacomo, di Giuseppe, di Giuda e di Simone? E le sue sorelle non sono qui con noi? ” E si sono offesi di lui. Marco 6: 3

Dopo aver viaggiato per la campagna compiendo miracoli, insegnando alle folle e guadagnando molti seguaci, Gesù tornò a Nazaret dove crebbe. Forse i suoi discepoli erano entusiasti di tornare con Gesù al suo luogo natale pensando che i suoi stessi cittadini sarebbero stati felicissimi di rivedere Gesù a causa delle molte storie dei suoi miracoli e dell’insegnamento autorevole. Ma presto i discepoli avrebbero avuto una bella sorpresa.

Dopo essere arrivato a Nazareth, Gesù entrò nella sinagoga per insegnare e insegnò con un’autorità e una saggezza che confondevano la gente del posto. Dissero tra loro: “Dove ha preso tutto questo quest’uomo? Che tipo di saggezza gli è stata data? ” Erano confusi perché conoscevano Gesù. Era il falegname locale che ha lavorato per anni con suo padre che era un falegname. Era il figlio di Maria e conoscevano per nome gli altri suoi parenti.

La principale difficoltà incontrata dai cittadini di Gesù era la loro familiarità con Gesù. Lo conoscevano. Sapevano dove viveva. Lo conoscevano mentre cresceva. Conoscevano la sua famiglia. Sapevano tutto di lui. Pertanto, si chiedevano come potesse essere qualcosa di speciale. Come poteva ora insegnare con autorità? Come poteva ora fare miracoli? Così, sono rimasti sbalorditi e hanno lasciato che quello stupore si trasformasse in dubbio, giudizio e critica.

La stessa tentazione è qualcosa con cui tutti abbiamo a che fare più di quanto possiamo realizzare. Spesso è più facile ammirare uno sconosciuto da lontano che uno che conosciamo bene. Quando sentiamo parlare per la prima volta di qualcuno che sta facendo qualcosa di ammirevole, è facile unirsi a quell’ammirazione. Ma quando sentiamo buone notizie su qualcuno che conosciamo bene, possiamo facilmente essere tentati dalla gelosia o dall’invidia, dall’essere scettici e persino critici. Ma la verità è che ogni santo ha una famiglia. E ogni famiglia ha potenzialmente fratelli e sorelle, cugini e altri parenti attraverso i quali Dio farà grandi cose. Questo non dovrebbe sorprenderci, dovrebbe ispirarci! E dovremmo rallegrarci quando coloro che ci sono vicini e con i quali abbiamo familiarità vengono usati con forza dal nostro buon Dio.

Rifletti, oggi, su coloro che conosci nella vita, specialmente sulla tua stessa famiglia. Esamina se lotti o meno con la capacità di vedere oltre la superficie e accetta che Dio abita in tutti. Dobbiamo costantemente cercare di scoprire la presenza di Dio tutto intorno a noi, soprattutto nella vita di coloro che conosciamo molto bene.

Mio onnipresente Signore, grazie per gli innumerevoli modi in cui sei presente nelle vite di coloro che mi circondano. Dammi la grazia di vederti e di amarti nella vita di coloro che mi sono più vicini. Quando scopro la Tua gloriosa presenza nelle loro vite, riempimi di profonda gratitudine e aiutami a riconoscere il Tuo amore che esce dalle loro vite. Gesù io credo in te.

Relazioni a distanza, come gestirle?

Relazioni a distanza, come gestirle?

Meditazione: la misericordia va in entrambe le direzioni

Meditazione: la misericordia va in entrambe le direzioni

Meditazione del giorno: Trasfigurato nella gloria

Meditazione del giorno: Trasfigurato nella gloria

La gratitudine: un gesto che cambia la vita

La gratitudine: un gesto che cambia la vita

La perfezione dell'amore, meditazione del giorno

La perfezione dell'amore, meditazione del giorno

Maltrattamenti: come guarire dalle conseguenze

Maltrattamenti: come guarire dalle conseguenze

Meditazione del giorno: pregare il Padre nostro

Meditazione del giorno: pregare il Padre nostro