Rifletti oggi su Giobbe, lascia che la sua vita ti ispiri

Giobbe parlò, dicendo: La vita dell’uomo sulla terra non è forse un lavoro ingrato?

Le mie giornate sono più veloci della navetta di un tessitore; finiscono senza speranza. Ricorda che la mia vita è come il vento; Non vedrò più la felicità. Giobbe 7: 1 , 6–7

La cosa buffa è che, non appena la lettura sarà terminata durante la messa, l’intera congregazione risponderà: “Grazie a Dio!” Veramente? Vale la pena ringraziare Dio per questa lettura? Vogliamo davvero ringraziare Dio per un’espressione di tale dolore? Sicuramente lo facciamo!

Giobbe esprimeva chiaramente sentimenti che a volte tutti noi affrontiamo. Parla di una notte insonne. Sentimenti di perdita di speranza. Mesi di miseria. Eccetera. Si spera che questi sentimenti non siano all’ordine del giorno. Ma sono reali e tutti li sperimentano a volte.

La chiave per comprendere questo passaggio è guardare l’intera vita di Giobbe. Anche se si sentiva in questo modo, non ha diretto le sue decisioni. Non cedette alla disperazione finale; non si è arreso; ha perseverato. Ed è stato ripagato! Rimase fedele a Dio durante la sua tragedia di perdere tutto ciò che era prezioso per lui e non perse mai fede e speranza nel suo Dio. Nella sua ora più buia, anche i suoi amici andarono da lui dicendogli che era stato punito da Dio e che tutto era perduto per lui. Ma lui non ascoltava.

Ricorda le potenti parole di Giobbe: “Il Signore dà e il Signore toglie, benedetto sia il nome del Signore!” Giobbe lodò Dio per le cose buone che aveva ricevuto nella vita, ma quando furono portate via, continuò a benedire e lodare Dio. Questa è la lezione e l’ispirazione più importanti della vita di Giobbe. Non si è arreso al modo in cui si è sentito nella lettura sopra. Non lasciò che la disperazione con cui era tentato lo dissuadesse dal lodare e adorare Dio. Lo ha lodato in TUTTE le cose!

La tragedia di Giobbe è avvenuta per un motivo. Era per insegnarci questa lezione essenziale su come affrontare i pesanti fardelli che la vita ci può gettare. È interessante notare che, per coloro che portano pesanti fardelli, Giobbe è una vera ispirazione. Perché? Perché possono relazionarsi a lui. Possono riguardare il suo dolore e imparare dalla sua perseveranza nella speranza.

Rifletti, oggi, su Giobbe. Lascia che la sua vita ti ispiri. Se trovi che un particolare fardello nella vita ti appesantisca, cerca comunque di lodare e adorare Dio. Dai a Dio la gloria dovuta al Suo nome semplicemente perché è dovuta al Suo nome e non perché lo fai o non hai voglia di farlo. In questo, scoprirai che il tuo pesante fardello porta al tuo rafforzamento. Diventerai più fedele rimanendo fedele quando è molto difficile farlo. È stato Giobbe e puoi farlo anche tu!

Signore, quando la vita è dura e il fardello è grande, aiutami ad approfondire la mia fede in Te e il mio amore per Te. Aiutami ad amarti e ad adorarti perché è bene e giusto fare in ogni cosa. Ti amo, mio ​​Signore, e scelgo di lodarti sempre! Gesù io credo in te.

Meditazione del giorno: l'unico vero segno della croce

Meditazione del giorno: l'unico vero segno della croce

Meditazione del giorno: pregare il Padre nostro

Meditazione del giorno: pregare il Padre nostro

Meditazione del giorno: la Chiesa prevarrà sempre

Meditazione del giorno: la Chiesa prevarrà sempre

Meditazione del giorno: 40 giorni nel deserto

Meditazione del giorno: 40 giorni nel deserto

Meditazione del giorno: il potere trasformante del digiuno

Meditazione del giorno: il potere trasformante del digiuno

Meditazione del giorno: l'amore profondo scaccia la paura

Meditazione del giorno: l'amore profondo scaccia la paura

Sesta domenica del tempo ordinario: tra le prime a testimoniare

Sesta domenica del tempo ordinario: tra le prime a testimoniare