Rifletti, oggi, su qualsiasi peccato che hai commesso che abbia avuto conseguenze dolorose nella tua vita

Immediatamente la sua bocca fu aperta, la sua lingua liberata e parlò benedicendo Dio. Luca 1:64

Questa linea rivela la felice conclusione dell’iniziale incapacità di Zaccaria di credere in ciò che Dio gli ha rivelato. Ricordiamo che nove mesi prima, mentre Zaccaria stava adempiendo al suo dovere sacerdotale di offrire un sacrificio nel Sancta Sanctorum del Tempio, ricevette la visita del glorioso Arcangelo Gabriele, che sta davanti a Dio. Gabriele rivelò a Zaccaria la buona notizia che sua moglie avrebbe concepito nella sua vecchiaia e che questo bambino sarebbe stato quello che avrebbe preparato il popolo d’Israele per il prossimo Messia. Che incredibile privilegio sarebbe stato! Ma Zaccaria non credette. Di conseguenza, l’Arcangelo lo ha reso muto per i nove mesi di gravidanza di sua moglie.

Le pene del Signore sono sempre doni della Sua grazia. Zaccaria non fu punito per dispetto o per motivi punitivi. Invece, questa punizione era più simile a una penitenza. Gli fu data l’umile penitenza di perdere la capacità di parlare per nove mesi per una buona ragione. Sembra che Dio sapesse che Zaccaria aveva bisogno di nove mesi per riflettere in silenzio su ciò che aveva detto l’Arcangelo. Aveva bisogno di nove mesi per riflettere sulla gravidanza miracolosa di sua moglie. E aveva bisogno di nove mesi per riflettere su chi sarebbe stato questo bambino. E quei nove mesi produssero l’effetto desiderato di una piena conversione del cuore.

Dopo la nascita del bambino, ci si aspettava che questo primogenito prendesse il nome dal padre, Zaccaria. Ma l’Arcangelo aveva detto a Zaccaria che il bambino si sarebbe chiamato Giovanni. Pertanto, l’ottavo giorno, il giorno della circoncisione di suo figlio, quando fu presentato al Signore, Zaccaria scrisse su una tavoletta che il nome del bambino era Giovanni. Questo era un atto di fede e un segno che era completamente passato dall’incredulità alla fede. Ed è stato questo atto di fede che ha sciolto il suo dubbio precedente.

Ognuna delle nostre vite sarà segnata dall’incapacità di credere al livello di fede più profondo. Per questo motivo Zaccaria è per noi un modello di come dobbiamo affrontare i nostri fallimenti. Li affrontiamo consentendo alle conseguenze dei fallimenti passati di cambiarci in bene. Impariamo dai nostri errori e andiamo avanti con nuove risoluzioni. Questo è ciò che fece Zaccaria, e questo è ciò che dobbiamo fare se vogliamo imparare dal suo buon esempio.

Rifletti, oggi, su qualsiasi peccato che hai commesso che abbia avuto conseguenze dolorose nella tua vita. Mentre mediti su quel peccato, la vera domanda è dove vai da qui. Permetti a quel peccato passato, o mancanza di fede, di dominare e controllare la tua vita? O usi i tuoi fallimenti passati per prendere nuovi propositi e decisioni per il futuro in modo da imparare dai tuoi errori? Ci vogliono coraggio, umiltà e forza per imitare l’esempio di Zaccaria. Cerca di portare queste virtù nella tua vita oggi.

Signore, so che mi manca la fede nella mia vita. Non riesco a credere a tutto ciò che mi dici. Di conseguenza, spesso non riesco a mettere in pratica le Tue parole. Caro Signore, quando soffro a causa della mia debolezza, aiutami a sapere che questa e tutte le sofferenze possono portare a darti gloria se rinnovo la mia fede. Aiutami, come Zaccaria, a tornare sempre a Te e usami come strumento della tua gloria manifesta. Gesù io credo in te.

Maltrattamenti: come guarire dalle conseguenze

Maltrattamenti: come guarire dalle conseguenze

Oltre il perdono, meditazione del giorno

Oltre il perdono, meditazione del giorno

Fare l'elemosina è una forma corretta di carità?

Fare l'elemosina è una forma corretta di carità?

Meditazione del giorno: pregare per la volontà di Dio

Meditazione del giorno: pregare per la volontà di Dio

Meditazione del giorno: l'unico vero segno della croce

Meditazione del giorno: l'unico vero segno della croce

Meditazione del giorno: pregare il Padre nostro

Meditazione del giorno: pregare il Padre nostro

Meditazione del giorno: Quaresima un tempo di vera preghiera

Meditazione del giorno: Quaresima un tempo di vera preghiera