gesù benedice

Rifletti, oggi, su qualsiasi persona della tua vita con cui discuti regolarmente

I farisei si fecero avanti e iniziarono a discutere con Gesù, chiedendogli un segno dal cielo per metterlo alla prova. Sospirò dal profondo del suo spirito e disse: “Perché questa generazione cerca un segno? In verità vi dico, nessun segno sarà dato a questa generazione “. Marco 8: 11-12 Gesù aveva compiuto molti miracoli. Guarì i malati, ridò la vista ai ciechi, l’udito ai sordi e sfamò migliaia di persone solo con pochi pesci e pani. Ma anche dopo tutto ciò, i farisei vennero a discutere con Gesù e chiesero un segno dal cielo. La risposta di Gesù è piuttosto unica. “Sospirò dal profondo del suo spirito …” Questo sospiro era un’espressione del Suo santo dolore per la durezza del cuore dei farisei. Se avessero gli occhi della fede, non avrebbero bisogno di un altro miracolo. E se Gesù avesse compiuto un “segno dal cielo” per loro, anche questo non li avrebbe aiutati. E così Gesù fa l’unica cosa che può: sospirò. A volte, questo tipo di reazione è l’unica buona. Tutti noi possiamo affrontare situazioni nella vita in cui gli altri ci confrontano con durezza e testardaggine. Quando ciò accadrà, saremo tentati di discutere con loro, condannarli, cercare di convincerli che abbiamo ragione e simili. Ma a volte una delle reazioni più sacre che possiamo avere alla durezza del nostro cuore di un altro è provare un dolore profondo e santo. Dobbiamo anche “sospirare” dal profondo del nostro spirito.

Quando si è duri di cuore, parlare e discutere in modo razionale si rivelerà di scarso aiuto. La durezza di cuore è anche ciò che tradizionalmente chiamiamo il “peccato contro lo Spirito Santo”. È un peccato di ostinazione e testardaggine. In tal caso, c’è poca o nessuna apertura alla verità. Quando si sperimenta questo nella vita di un altro, il silenzio e un cuore addolorato sono spesso la migliore reazione. I loro cuori devono essere ammorbiditi e il tuo profondo dolore, condiviso con compassione, può essere una delle uniche risposte che possono aiutare a fare la differenza. Rifletti, oggi, su qualsiasi persona della tua vita con cui discuti regolarmente, specialmente riguardo a questioni di fede. Esamina il tuo approccio e valuta la possibilità di cambiare il modo in cui ti relazioni con loro. Respingi i loro argomenti irrazionali e lascia che vedano il tuo cuore nello stesso modo in cui Gesù permise al Suo cuore divino di risplendere in un santo sospiro. Pregate per loro, abbiate speranza e lasciate che il vostro dolore aiuti a sciogliere i cuori più ostinati. Preghiera: Mio compassionevole Gesù, il tuo cuore era pieno della più profonda compassione per i farisei. Quella compassione Ti ha portato ad esprimere un santo dolore per la loro ostinazione. Dammi il tuo stesso cuore, caro Signore, e aiutami a piangere non solo per i peccati degli altri, ma anche per i miei peccati, specialmente quando sono ostinata di cuore. Sciogli il mio cuore, caro Signore, e aiutami ad essere anche uno strumento del Tuo santo dolore per coloro che hanno bisogno di questa grazia. Gesù io credo in te.

La famiglia: quanto è importante oggi?

La famiglia: quanto è importante oggi?

Meditazione del giorno: un potente contrasto

Meditazione del giorno: un potente contrasto

Meditazione: di fronte alla croce con coraggio e amore

Meditazione: di fronte alla croce con coraggio e amore

Il suicidio: segnali d'allarme e prevenzione

Il suicidio: segnali d'allarme e prevenzione

Meditazione del giorno: la vera grandezza

Meditazione del giorno: la vera grandezza

Relazioni a distanza, come gestirle?

Relazioni a distanza, come gestirle?

Maltrattamenti: come guarire dalle conseguenze

Maltrattamenti: come guarire dalle conseguenze