Rifletti, oggi, su qualsiasi situazione in cui ti trovi faccia a faccia con il male

“Alla fine, mandò suo figlio da loro, pensando: ‘Rispetteranno mio figlio.’ Ma quando gli inquilini videro il figlio, si dissero l’un l’altro: ‘Questo è l’erede. Vieni, uccidiamolo e acquisiamo la sua eredità. Lo presero, lo gettarono fuori dalla vigna e lo uccisero “. Matteo 21: 37-39

Questo passaggio della parabola degli inquilini è scioccante. Se fosse accaduto nella vita reale, il padre che ha mandato suo figlio nella vigna a raccogliere i prodotti sarebbe rimasto scioccato al di là di ogni immaginazione dal fatto che i malvagi inquilini hanno ucciso anche suo figlio. Naturalmente, se avesse saputo che sarebbe successo, non avrebbe mai mandato suo figlio in questa situazione malvagia.

Questo passaggio, in parte, rivela la differenza tra pensiero razionale e pensiero irrazionale. Il padre ha mandato suo figlio perché pensava che gli inquilini sarebbero stati razionali. Presumeva che gli sarebbe stato offerto un rispetto di base, ma invece si trovò faccia a faccia con il male.

Trovarsi di fronte a un’estrema irrazionalità, che è radicata nel male, può essere scioccante, disperante, spaventoso e confuso. Ma è importante che non cadiamo in nessuno di questi. Invece, dobbiamo sforzarci di essere abbastanza prudenti da discernere il male quando lo incontriamo. Se il padre di questa storia fosse stato più consapevole del male con cui aveva a che fare, non avrebbe mandato suo figlio.

Così è con noi. A volte, dobbiamo essere pronti a nominare il male per quello che è piuttosto che tentare di affrontarlo con razionalità. Il male non è razionale. Non può essere ragionato o negoziato con. Deve semplicemente essere contrastato e contrastato con molta forza. Ecco perché Gesù conclude questa parabola dicendo: “Cosa farà il proprietario della vigna a quei fittavoli quando verrà?” Gli risposero: “Egli metterà quegli uomini disgraziati a una morte miserabile” ( Matteo 21: 40-41 ).

Rifletti, oggi, su qualsiasi situazione in ​​cui ti trovi faccia a faccia con il male. Impara da questa parabola che ci sono molte volte nella vita in cui la razionalità vince. Ma ci sono volte in cui la potente ira di Dio è l’unica risposta. Quando il male è “puro”, deve essere confrontato in modo diretto con la forza e la saggezza dello Spirito Santo. Cerca di discernere tra i due e non aver paura di nominare il male per quello che è quando è presente.

Signore, dammi saggezza e discernimento. Aiutami a cercare risoluzioni razionali con coloro che sono aperti. Dammi anche il coraggio di cui ho bisogno per essere forte e vigoroso con la tua grazia quando è la tua volontà. Ti do la mia vita, caro Signore, usami come vuoi. Gesù io credo in te.

Riflessione sul Vangelo del giorno: 23 Gennaio 2021

Riflessione sul Vangelo del giorno: 23 Gennaio 2021

Rifletti, oggi, sul tuo dovere di condividere il Vangelo con gli altri

Rifletti, oggi, sul tuo dovere di condividere il Vangelo con gli altri

Il commento al Vangelo di oggi 20 Gennaio 2021 di don Luigi Maria Epicoco

Il commento al Vangelo di oggi 20 Gennaio 2021 di don Luigi Maria Epicoco

Rifletti, oggi, sulla tua anima e sui tuoi rapporti con gli altri con la massima onestà possibile

Rifletti, oggi, sulla tua anima e sui tuoi rapporti con gli altri con la massima onestà possibile

Riflessione al vangelo del giorno: 19 Gennaio 2021

Riflessione al vangelo del giorno: 19 Gennaio 2021

Rifletti, oggi, sul tuo approccio al digiuno e ad altre pratiche penitenziali

Rifletti, oggi, sul tuo approccio al digiuno e ad altre pratiche penitenziali

Rifletti, oggi, sull'importanza di rimproverare con sicurezza il maligno

Rifletti, oggi, sull'importanza di rimproverare con sicurezza il maligno