Rifletti, oggi, su quanto sia risoluta la tua devozione al nostro Signore

Disse ai suoi discepoli di tenere pronta una barca per lui a causa della folla, in modo che non lo schiacciassero. Ne aveva curati molti e, di conseguenza, coloro che avevano malattie premevano su di lui per toccarlo. Marco 3: 9–10

È affascinante riflettere sull’entusiasmo che tante persone avevano verso Gesù. Nel passaggio sopra, vediamo che Gesù chiese ai suoi discepoli di avere una barca pronta per lui in modo che non sarebbe stato schiacciato mentre insegnava alla folla. Aveva curato molti ammalati e la folla lo premeva per cercare di toccarlo semplicemente.

Questa scena ci fornisce un’illustrazione di ciò che deve accadere nella nostra vita interiore riguardo a nostro Signore. Si può dire che le persone fossero risolute nella loro devozione a Gesù e ferventi nel loro desiderio per Lui. Certo, il loro desiderio potrebbe essere stato motivato in qualche modo egoisticamente dal desiderio di cure fisiche dei loro disturbi e di quelli dei loro cari, ma nondimeno la loro attrazione era reale e potente, spingendoli a concentrarsi completamente su nostro Signore.

Anche la scelta di Gesù di salire su una barca e allontanarsi un po ‘dalla folla fu un atto d’amore. Perché? Perché questo atto ha permesso a Gesù di aiutarli a concentrarsi nuovamente sulla sua missione più profonda. Anche se ha fatto miracoli per compassione e per manifestare il suo potere onnipotente, il suo obiettivo principale era insegnare alle persone e condurle alla piena verità del messaggio che stava predicando. Pertanto, separandosi da loro, furono invitati ad ascoltarlo piuttosto che cercare di toccarlo per il bene di un miracolo fisico. Per Gesù, la totalità spirituale che desiderava dare alla folla aveva un significato molto più importante di qualsiasi guarigione fisica che egli stesso diede.

Nella nostra vita, Gesù può “separarsi” da noi in modi alquanto superficiali in modo che saremo più aperti allo scopo più profondo e più trasformante della Sua vita. Ad esempio, può rimuovere certi sentimenti di consolazione o permetterci di affrontare qualche prova attraverso la quale sembra essere meno presente per noi. Ma quando ciò accade, è sempre così che ci rivolgeremo a Lui a un livello più profondo di fiducia e apertura in modo da essere attratti più profondamente in una relazione d’amore.

Rifletti, oggi, su quanto sia risoluta la tua devozione al nostro Signore. Da lì, medita, inoltre, se sei più attaccato ai buoni sentimenti e alle consolazioni che cerchi o se la tua devozione è più profonda, concentrati maggiormente sul messaggio trasformante che nostro Signore vuole predicarti. Vedi te stesso su quella riva, ascoltando Gesù parlare e permetti alle sue sante parole di trasformare la tua vita più profondamente.

Mio Dio salvatore, mi rivolgo a Te, oggi, e cerco di essere risoluto nel mio amore e devozione per Te. Aiutami, prima di tutto, ad ascoltare la Tua Parola trasformante e a permettere a quella Parola di diventare il fulcro centrale della mia vita. Gesù io credo in te.

La perversione: attribuita alla Chiesa Cattolica

La perversione: attribuita alla Chiesa Cattolica

La croce: simbolo religioso della cristianità

La croce: simbolo religioso della cristianità

Il mese di marzo è dedicato a San Giuseppe

Il mese di marzo è dedicato a San Giuseppe

Il buddismo alla luce della nostra fede cattolica

Il buddismo alla luce della nostra fede cattolica

I pettegolezzi sono un peccato?

I pettegolezzi sono un peccato?

Chiesa: la verginità consacrata

Chiesa: la verginità consacrata

Santa Faustina ci dice come pregare per gli altri

Santa Faustina ci dice come pregare per gli altri