Rifletti, oggi, su una persona che conosci che sembra non solo essere intrappolata nel ciclo del peccato ed ha perso la speranza

Sono venuti portando da lui un paralitico portato da quattro uomini. Non potendo avvicinarsi a Gesù a causa della folla, aprirono il tetto sopra di lui. Dopo aver sfondato, calarono il materassino su cui giaceva il paralitico. Marco 2: 3–4

Questo paralitico è un simbolo di certe persone nella nostra vita che sembrano incapaci di rivolgersi a nostro Signore con i propri sforzi. È chiaro che il paralitico voleva la guarigione, ma non è stato in grado di venire al nostro Signore con i suoi sforzi. Pertanto, gli amici di questo paralitico lo portarono da Gesù, aprirono il tetto (poiché c’era una folla così grande) e calarono l’uomo davanti a Gesù.

La paralisi di quest’uomo è un simbolo di un certo tipo di peccato. È un peccato per il quale qualcuno desidera il perdono ma è incapace di rivolgersi a nostro Signore con i propri sforzi. Ad esempio, una dipendenza seria è qualcosa che può dominare così tanto la vita di una persona da non poter superare questa dipendenza con i propri sforzi. Hanno bisogno dell’aiuto degli altri anche solo per potersi rivolgere al nostro Signore per chiedere aiuto.

Ciascuno di noi deve considerarsi gli amici di questo paralitico. Troppo spesso quando vediamo qualcuno che è intrappolato in una vita di peccato, semplicemente lo giudichiamo e ci allontaniamo da lui. Ma uno dei più grandi atti di carità che possiamo offrire a un altro è aiutare a fornire loro i mezzi di cui hanno bisogno per vincere il loro peccato. Questo può essere fatto dal nostro consiglio, dalla nostra incrollabile compassione, da un orecchio che ascolta e da qualsiasi atto di fedeltà a quella persona durante il momento del bisogno e della disperazione.

Come tratti le persone che sono intrappolate nel ciclo del peccato manifesto? Alzi gli occhi al cielo e ti giri? Oppure decidi fermamente di essere lì per dar loro speranza e per assisterli quando hanno poca o nessuna speranza nella vita per vincere il loro peccato? Uno dei doni più grandi che puoi fare a un altro è il dono della speranza essendo lì per loro per aiutarli a rivolgersi completamente a nostro Signore.

Rifletti, oggi, su una persona che conosci che sembra non solo essere intrappolata nel ciclo del peccato, ma ha anche perso la speranza di vincere quel peccato. Abbandonati in preghiera al nostro Signore e impegnati nell’atto caritatevole di fare qualsiasi cosa e tutto il possibile per aiutarli a rivolgersi completamente al nostro divino Signore.

Mio prezioso Gesù, riempi il mio cuore di carità verso coloro che hanno più bisogno di Te ma sembrano incapaci di vincere il peccato della loro vita che li allontana da Te. Possa il mio incrollabile impegno nei loro confronti essere un atto di carità che dia loro la speranza di cui hanno bisogno per consegnare la loro vita a Te. Usami, caro Signore, la mia vita è nelle tue mani. Gesù io credo in te.

Meditazione del giorno: l'unico vero segno della croce

Meditazione del giorno: l'unico vero segno della croce

Meditazione del giorno: pregare il Padre nostro

Meditazione del giorno: pregare il Padre nostro

Meditazione del giorno: la Chiesa prevarrà sempre

Meditazione del giorno: la Chiesa prevarrà sempre

Meditazione del giorno: 40 giorni nel deserto

Meditazione del giorno: 40 giorni nel deserto

Meditazione del giorno: il potere trasformante del digiuno

Meditazione del giorno: il potere trasformante del digiuno

Meditazione del giorno: l'amore profondo scaccia la paura

Meditazione del giorno: l'amore profondo scaccia la paura

Sesta domenica del tempo ordinario: tra le prime a testimoniare

Sesta domenica del tempo ordinario: tra le prime a testimoniare