Rifletti, oggi, sul Dono della Comprensione

Detto ciò, i loro occhi furono aperti e lo riconobbero, ma scomparve alla loro vista. Poi si dissero l’un l’altro: “I nostri cuori non bruciavano dentro di noi mentre ci parlava lungo la strada e ci apriva le Scritture?” Luca 24: 31–32 (Anno A)

Quindi aprì le loro menti per comprendere le Scritture. Luca 24:45 (Anno B)

Questi due passaggi sopra, dalle due successive apparizioni di Gesù agli Apostoli, produssero una benedizione unica. In ogni storia, Gesù ha aperto le menti degli Apostoli alle Scritture in un modo nuovo. Erano uomini normali a cui veniva dato uno straordinario dono di comprensione. Non è venuto da loro a causa del lungo studio e del duro lavoro. Piuttosto, è venuto a loro come risultato della loro apertura alla potente azione di Cristo nella loro vita. Gesù ha svelato loro i misteri del Regno dei Cieli. Di conseguenza, improvvisamente capirono verità che non potevano mai essere apprese da sole.

Quindi è con noi. I misteri di Dio sono vasti e vasti. Sono profondi e in trasformazione. Ma così spesso non riusciamo a capire. Spesso non riusciamo nemmeno a voler capire.

Pensa a quelle cose nella tua vita ora o nel tuo passato che ti hanno lasciato confuso. Hai bisogno di un dono speciale dello Spirito Santo per dare un senso a loro. E hai bisogno di questo dono per dare un senso anche alle molte cose buone di Dio che si trovano nelle Scritture. Questo è il dono dell’intesa. È un dono spirituale che ci svela i molti misteri della vita.

Senza il dono dell’intesa, siamo lasciati soli a cercare di dare un senso alla vita. Ciò è particolarmente vero quando ci troviamo di fronte a difficoltà e sofferenza. Come è possibile, ad esempio, che un Dio onnipotente e onnipotente possa permettere al bene e all’innocente di soffrire? In che modo Dio può sembrare assente a volte dalla tragedia umana?

La verità è che non è assente. È coinvolto centralmente in tutte le cose. Ciò che dobbiamo ricevere è la comprensione delle vie profonde e misteriose di Dio. Dobbiamo comprendere le Scritture, la sofferenza umana, le relazioni umane e l’azione divina nelle nostre vite. Ma questo non accadrà mai se non permettiamo a Gesù di aprire le nostre menti.

Permettere a Gesù di aprire le nostre menti richiede fede e arrendersi. Significa che crediamo prima e capiamo dopo. Significa che ci fidiamo di Lui anche se non vediamo. Sant’Agostino una volta disse: “La fede è credere a ciò che non vedi. La ricompensa della fede è vedere ciò in cui credi. ” Sei disposto a credere senza vedere? Sei disposto a credere nella bontà e nell’amore di Dio anche se la vita, o una situazione particolare nella vita, non ha senso?

Rifletti, oggi, sul Dono della Comprensione. Credere in Dio significa credere in una persona. Crediamo in Lui anche se ci troviamo confusi su circostanze particolari. Ma questo dono di credere, il dono di fede, apre le porte a una profondità di comprensione che non potremmo mai arrivare da soli.

Signore, dammi il dono dell’intesa. Aiutami a conoscerti e a capire le tue azioni nella mia vita. Aiutami a rivolgermi soprattutto a te nei momenti più preoccupanti della vita. Gesù io credo in te.

Oltre il perdono, meditazione del giorno

Oltre il perdono, meditazione del giorno

Fare l'elemosina è una forma corretta di carità?

Fare l'elemosina è una forma corretta di carità?

Meditazione del giorno: pregare per la volontà di Dio

Meditazione del giorno: pregare per la volontà di Dio

Meditazione del giorno: l'unico vero segno della croce

Meditazione del giorno: l'unico vero segno della croce

Meditazione del giorno: pregare il Padre nostro

Meditazione del giorno: pregare il Padre nostro

Meditazione del giorno: la Chiesa prevarrà sempre

Meditazione del giorno: la Chiesa prevarrà sempre

Meditazione del giorno: comprendere i misteri del cielo

Meditazione del giorno: comprendere i misteri del cielo