Rifletti, oggi, sul fatto che Gesù ti metterebbe in guardia dal parlare a voce troppo alta della tua visione di Chi Egli è

E i loro occhi furono aperti. Gesù li avvertì severamente: “Guardate che nessuno lo sappia”. Ma uscirono e diffusero la sua parola in tutto quel paese. Matteo 9: 30–31

Chi è Gesù? A questa domanda è molto più facile rispondere oggi rispetto a quando Gesù camminava sulla Terra. Oggi siamo benedetti da innumerevoli santi che ci hanno preceduto che hanno pregato e intelligentemente insegnato molto sulla persona di Gesù. Sappiamo che Egli è Dio, la Seconda Persona della Santissima Trinità, il Salvatore del mondo, il Messia promesso, l’Agnello sacrificale e molto altro ancora.

Il vangelo sopra viene dalla conclusione del miracolo in cui Gesù guarì due ciechi. Questi uomini furono sopraffatti dalla loro cura e la loro emozione li sopraffece. Gesù ordinò loro di “Fare in modo che nessuno lo sappia” guarigione miracolosa. Ma la loro eccitazione non poteva essere contenuta. Non è che fossero intenzionalmente disobbedienti a Gesù; piuttosto, non sapevano come esprimere la loro sincera gratitudine se non parlare agli altri di ciò che Gesù aveva fatto.

Una delle ragioni per cui Gesù disse loro di non parlare ad altri di Lui è perché Gesù sapeva che non capivano appieno chi fosse. Sapeva che la loro testimonianza su di Lui non lo avrebbe presentato nel modo più veritiero. Era l’Agnello di Dio. Il salvatore. Il messia. L’agnello sacrificale. Era Colui che venne in questo mondo per redimerci con lo spargimento del Suo sangue. Molte persone, tuttavia, volevano solo un “messia” nazionalista o un operatore di miracoli. Volevano uno che li salvasse dall’oppressione politica e li rendesse una grande nazione terrena. Ma questa non era la missione di Gesù.

Spesso possiamo anche cadere nella trappola di fraintendere chi è Gesù e chi vuole essere nella nostra vita. Possiamo volere un “dio” che ci salverà solo dalle nostre lotte quotidiane, dalle ingiustizie e dalle difficoltà temporali. Possiamo volere un “dio” che agisca in accordo con la nostra volontà e non viceversa. Vogliamo un “dio” che ci guarisca e ci liberi da ogni fardello terreno. Ma Gesù insegnò chiaramente per tutta la vita che avrebbe sofferto e sarebbe morto. Ci ha insegnato che dobbiamo prendere le nostre croci e seguirlo. E ci ha insegnato che dobbiamo morire, abbracciare la sofferenza, offrire misericordia, porgere l’altra guancia e trovare la nostra gloria in ciò che il mondo non capirà mai.

Rifletti, oggi, sul fatto che Gesù ti metterebbe in guardia dal parlare a voce troppo alta della tua visione di Chi Egli è. Hai difficoltà a presentare un “dio” che in realtà non è Dio? O sei arrivato a conoscere la stessa Persona di Cristo nostro Signore a tal punto da poter dare testimonianza a Colui che è morto. Ti vanti solo della Croce? Proclamate Cristo crocifisso e predicate solo la saggezza più profonda dell’umiltà, della misericordia e del sacrificio? Rimettiti a un vero annuncio di Cristo, mettendo da parte ogni immagine confusa del nostro Dio salvifico.

Mio vero e salvifico Signore, mi affido a Te e prego di arrivare a conoscerti e ad amarti come sei. Dammi gli occhi di cui ho bisogno per vederti e la mente e il cuore di cui ho bisogno per conoscerti e amarti. Rimuovi da me ogni falsa visione di Chi Sei e sostituisci dentro di me una vera conoscenza di Te, mio ​​Signore. Quando vengo a conoscerti, mi offro a Te perché tu possa usarmi per proclamare a tutti la tua grandezza. Gesù io credo in te.

Il suicidio: segnali d'allarme e prevenzione

Il suicidio: segnali d'allarme e prevenzione

Meditazione del giorno: la vera grandezza

Meditazione del giorno: la vera grandezza

Relazioni a distanza, come gestirle?

Relazioni a distanza, come gestirle?

Meditazione: la misericordia va in entrambe le direzioni

Meditazione: la misericordia va in entrambe le direzioni

Meditazione del giorno: Trasfigurato nella gloria

Meditazione del giorno: Trasfigurato nella gloria

La gratitudine: un gesto che cambia la vita

La gratitudine: un gesto che cambia la vita

Meditazione del giorno: pregare per la volontà di Dio

Meditazione del giorno: pregare per la volontà di Dio