Rifletti, oggi, sulla tua anima e sui tuoi rapporti con gli altri con la massima onestà possibile

Poi disse ai farisei: “È lecito fare il bene di sabato piuttosto che fare il male, per salvare la vita piuttosto che per distruggerla?” Ma rimasero in silenzio. Guardandoli intorno con rabbia e addolorato per la loro durezza di cuore, Gesù disse all’uomo: “Stendi la mano”. Lo stese e la sua mano fu ripristinata. Marco 3: 4–5

Il peccato danneggia la nostra relazione con Dio. Ma la durezza di cuore è ancora più dannosa perché perpetua il danno causato dal peccato. E più il cuore è duro, più il danno è permanente.

Nel passaggio sopra, Gesù era arrabbiato con i farisei. Spesso la passione dell’ira è peccaminosa, derivante dall’impazienza e dalla mancanza di carità. Ma altre volte, la passione della rabbia può essere buona quando è motivata dall’amore per gli altri e dall’odio per il loro peccato. In questo caso, Gesù era addolorato dalla durezza di cuore dei farisei e quel dolore motiva la sua santa ira. La sua rabbia “santa” non ha causato critiche irrazionali; piuttosto, spinse Gesù a curare quest’uomo alla presenza dei farisei in modo che ammorbidissero i loro cuori e credessero in Gesù. Purtroppo, non ha funzionato. La riga successiva del Vangelo dice: “I farisei uscirono e si consultarono immediatamente con gli erodiani contro di lui per metterlo a morte” ( Marco 3: 6 ).

La durezza di cuore dovrebbe essere fortemente evitata. Il problema è che coloro che sono duri di cuore di solito non sono aperti al fatto che sono duri di cuore. Sono ostinati e testardi e spesso ipocriti. Pertanto, quando le persone soffrono di questo disturbo spirituale, è difficile per loro cambiare, specialmente se affrontate.

Questo brano evangelico ti offre un’importante opportunità per guardare nel tuo cuore con onestà. Solo tu e Dio dovete far parte di quell’introspezione interiore e di quella conversazione. Inizia riflettendo sui farisei e sul povero esempio che danno. Da lì, prova a guardarti con grande onestà. Sei ostinato? Sei indurito nelle tue convinzioni al punto da non essere nemmeno disposto a considerare che a volte potresti sbagliarti? Ci sono persone nella tua vita con le quali sei entrato in un conflitto che ancora permane? Se una qualsiasi di queste cose suona vera, allora potresti davvero soffrire del male spirituale di un cuore indurito.

Rifletti, oggi, sulla tua anima e sui tuoi rapporti con gli altri con la massima onestà possibile. Non esitare ad abbassare la guardia e ad essere aperto a ciò che Dio potrebbe volerti dire. E se rilevi anche la minima tendenza verso un cuore indurito e ostinato, supplica il nostro Signore di entrare per ammorbidirlo. Un cambiamento come questo è difficile, ma le ricompense di un simile cambiamento sono incalcolabili. Non esitare e non aspettare. Alla fine vale la pena cambiare.

Mio amorevole Signore, in questo giorno mi apro a un esame del mio cuore e prego che Tu mi aiuti ad essere sempre aperto al cambiamento quando necessario. Aiutami, soprattutto, a vedere qualsiasi durezza che posso avere nel mio cuore. Aiutami a superare ogni ostinazione, testardaggine e ipocrisia. Dammi il dono dell’umiltà, caro Signore, in modo che il mio cuore possa diventare più simile al tuo. Gesù io credo in te.

Meditazione del giorno: Trasfigurato nella gloria

Meditazione del giorno: Trasfigurato nella gloria

La gratitudine: un gesto che cambia la vita

La gratitudine: un gesto che cambia la vita

La perfezione dell'amore, meditazione del giorno

La perfezione dell'amore, meditazione del giorno

Maltrattamenti: come guarire dalle conseguenze

Maltrattamenti: come guarire dalle conseguenze

Oltre il perdono, meditazione del giorno

Oltre il perdono, meditazione del giorno

Fare l'elemosina è una forma corretta di carità?

Fare l'elemosina è una forma corretta di carità?

Meditazione del giorno: 40 giorni nel deserto

Meditazione del giorno: 40 giorni nel deserto