Rifletti, oggi, sulla tua chiamata a pregare la nostra Beata Madre Maria

“Ecco, io sono la serva del Signore. Possa essere fatto di me secondo la tua parola. ” Luca 1: 38a (Anno B)

Cosa significa essere una “serva del Signore?” La parola “ancella” significa “servo”. E Maria si identifica come una serva. In particolare, un servitore del Signore. Nel corso della storia, alcune “ancelle” sono state schiave senza alcun diritto. Erano proprietà dei loro proprietari e dovevano fare ciò che gli veniva detto. In altri tempi e culture, un’ancella era una serva più per scelta, godendo di determinati diritti. Tuttavia, tutte le ancelle sono inferiori al servizio di un superiore.

La nostra Beata Madre, tuttavia, è un nuovo tipo di ancella. Perché? Perché quella che era chiamata a servire era la Santissima Trinità. Era certamente un’inferiore al servizio di una superiore. Ma quando colui che servi perfettamente ha un amore perfetto per te e ti guida in modi che ti edificano, elevano la tua dignità e ti trasformano in santità, allora è saggio oltre ogni descrizione non solo servire questo superiore, ma diventare liberamente uno schiavo. , abbassandoti il ​​più profondamente possibile davanti a un tale superiore. Non dovrebbero esserci esitazioni in questa profondità di servitù!

La servitù della nostra Beata Madre, quindi, è nuova in quanto è la forma di servitù più radicale, ma è anche scelta liberamente. E l’effetto reciproco su di lei della Santissima Trinità fu di dirigere tutti i suoi pensieri e le sue azioni, tutte le sue passioni e desideri e ogni singola parte della sua vita alla gloria, al compimento e alla santità della vita.

Dobbiamo imparare dalla saggezza e dalle azioni della nostra Beata Madre. Ha sottomesso tutta la sua vita alla Santissima Trinità, non solo per il suo bene, ma anche per dare l’esempio a ciascuno di noi. La nostra preghiera più profonda e quotidiana deve diventare quella della sua: “Sono la serva del Signore. Possa essere fatto di me secondo la tua parola. ” Seguire il suo esempio non solo ci unirà profondamente al nostro Dio Uno e Trino, ma avrà anche un effetto simile su di noi rendendoci strumenti del Salvatore del mondo. Diventeremo sua “madre” nel senso che porteremo Gesù nel nostro mondo per gli altri. Che gloriosa chiamata ci è stata data per imitare questa santissima Madre di Dio.

Rifletti, oggi, sulla tua chiamata a pregare questa preghiera della nostra Beata Madre. Rifletti sulle parole, considera il significato di questa preghiera e sforzati di farne la tua preghiera oggi e ogni giorno. Imitatela e comincerete a condividere più pienamente la sua gloriosa vita di grazia.

Carissima Madre Maria, prega per me affinché io possa imitare il tuo perfetto “Sì” alla Santissima Trinità. Possa la tua preghiera diventare la mia preghiera e possano anche gli effetti della tua resa come ancella del Signore influenzare profondamente la mia vita. Signore, Gesù, possa la Tua volontà perfetta, in unione con la volontà del Padre e dello Spirito Santo, essere fatta nella mia vita oggi e sempre. Gesù io credo in te.

Meditazione: di fronte alla croce con coraggio e amore

Meditazione: di fronte alla croce con coraggio e amore

Il suicidio: segnali d'allarme e prevenzione

Il suicidio: segnali d'allarme e prevenzione

Meditazione del giorno: la vera grandezza

Meditazione del giorno: la vera grandezza

Relazioni a distanza, come gestirle?

Relazioni a distanza, come gestirle?

Meditazione: la misericordia va in entrambe le direzioni

Meditazione: la misericordia va in entrambe le direzioni

Meditazione del giorno: Trasfigurato nella gloria

Meditazione del giorno: Trasfigurato nella gloria

Fare l'elemosina è una forma corretta di carità?

Fare l'elemosina è una forma corretta di carità?