Rifletti, oggi, sulla tua chiamata nella vita a imitare l’umiltà di Giovanni Battista

E questo è ciò che ha proclamato: “Uno più potente di me viene dopo di me. Non sono degno di chinarmi e di allentare le cinghie dei suoi sandali “. Marco 1: 7

Giovanni Battista era considerato da Gesù come uno dei più grandi esseri umani che abbiano mai camminato sulla faccia della Terra (vedere Matteo 11:11 ). Eppure nel passaggio sopra, Giovanni afferma chiaramente di non essere nemmeno degno di “chinarsi e allentare le cinghie” dei sandali di Gesù. Questa è l’umiltà nella massima misura!

Cosa ha reso San Giovanni Battista così grande? Era la sua potente predicazione? La sua personalità dinamica e attraente? A modo suo con le parole? Il suo bell’aspetto? I suoi numerosi seguaci? Certamente non era nessuna delle precedenti. Ciò che ha reso Giovanni veramente grande è stata l’umiltà con cui ha indicato tutti a Gesù.

Una delle più grandi lotte umane nella vita è l’orgoglio. Tendiamo a voler attirare l’attenzione su noi stessi. La maggior parte delle persone lotta con la tendenza a dire agli altri quanto sono bravi e perché hanno ragione. Vogliamo attenzione, riconoscimento e lode. Spesso lottiamo con questa tendenza perché l’elevazione di sé ha un modo di farci sentire importanti. E una tale “sensazione” fa sentire bene, in una certa misura. Ma ciò che la nostra natura umana decaduta spesso non riesce a riconoscere è che l’umiltà è uno dei più grandi attributi che possiamo avere ed è, di gran lunga, la più grande fonte di grandezza nella vita.

L’umiltà si trova chiaramente in queste parole e azioni di Giovanni Battista nel brano sopra. Sapeva chi era Gesù. Ha indicato Gesù e ha rivolto gli occhi dei suoi seguaci da se stesso al suo Signore. Ed è questo atto di indirizzare gli altri a Cristo che ha il doppio effetto di elevarlo a una grandezza che l’orgoglio egocentrico non potrà mai raggiungere.

Cosa potrebbe esserci di più grande dell’atto di indicare ad altri il Salvatore del mondo? Cosa potrebbe esserci di più grande che aiutare gli altri a scoprire il loro scopo nella vita arrivando a conoscere Cristo Gesù come loro Signore e Salvatore? Cosa potrebbe esserci di più grande che esortare gli altri a una vita di resa disinteressata all’unico e solo Dio di misericordia? Cosa potrebbe esserci di più grande che elevare la Verità sulle bugie egoistiche della nostra natura umana decaduta?

Rifletti, oggi, sulla tua chiamata nella vita a imitare l’umiltà di Giovanni Battista. Se vuoi che la tua vita abbia un vero valore e significato, allora usa la tua vita per elevare il Salvatore del mondo il più possibile agli occhi di chi ti circonda. Indica gli altri a Gesù, metti Gesù al centro della tua vita e umilia te stesso davanti a Lui. In questo atto di umiltà, la tua vera grandezza verrà scoperta e troverai lo scopo centrale della vita.

Mio glorioso Signore, tu e solo tu sei il Salvatore del mondo. Tu e solo tu sei Dio. Dammi la saggezza dell’umiltà affinché io possa dedicare la mia vita a indirizzare gli altri a Te in modo che molti possano conoscerti come il loro vero Signore e Dio. Non sono degno di Te, mio ​​Signore. Tuttavia, nella tua misericordia, mi usi comunque. Ti ringrazio e dedico la mia vita alla proclamazione del tuo santo nome. Gesù io credo in te.

Il suicidio: segnali d'allarme e prevenzione

Il suicidio: segnali d'allarme e prevenzione

Meditazione del giorno: la vera grandezza

Meditazione del giorno: la vera grandezza

Relazioni a distanza, come gestirle?

Relazioni a distanza, come gestirle?

Meditazione: la misericordia va in entrambe le direzioni

Meditazione: la misericordia va in entrambe le direzioni

Meditazione del giorno: Trasfigurato nella gloria

Meditazione del giorno: Trasfigurato nella gloria

La gratitudine: un gesto che cambia la vita

La gratitudine: un gesto che cambia la vita

Meditazione del giorno: pregare per la volontà di Dio

Meditazione del giorno: pregare per la volontà di Dio