Rifletti, oggi, sulla tua missione di invitare il tuo Signore a dimorare in te

In quei giorni Maria partì e si recò in fretta sulla montagna fino a una città di Giuda, dove entrò in casa di Zaccaria e salutò Elisabetta. Luca 1: 39–40

Oggi ci viene presentata la gloriosa storia della Visitazione. Quando Mary era incinta di circa due mesi, viaggiò per stare con sua cugina Elisabetta che avrebbe partorito entro un mese. Sebbene si possa dire molto su questo come un atto di amore familiare dato da Maria ad Elisabetta, il fulcro centrale diventa immediatamente il prezioso Bambino nel grembo di Maria.

Immagina la scena. Mary aveva appena percorso circa 100 miglia. Molto probabilmente era esausta. Quando finalmente fosse arrivata, sarebbe stata sollevata e gioiosa per il completamento del suo viaggio. Ma Elisabetta dice qualcosa di molto stimolante in quel momento, che eleva la gioia di tutti i presenti, inclusa la gioia di Madre Maria. Elisabetta dice: “Poiché nel momento in cui il suono del tuo saluto è giunto alle mie orecchie, il bambino nel mio grembo ha sussultato di gioia” ( Luca 1:44). Di nuovo, immagina la scena. Fu questo piccolo bambino nel grembo di Elisabetta, Giovanni Battista, che subito percepì la presenza del Signore e sussultò di gioia. Ed è stata Elisabetta che ha subito percepito la gioia nel suo bambino che viveva nel suo grembo. Quando Elisabetta lo espresse a Maria, che era già felice di aver completato il suo viaggio, Maria fu improvvisamente tanto più felice nel rendersi conto di aver portato Elisabetta e Giovanni il Salvatore del mondo vivendo nel suo grembo.

Questa storia dovrebbe insegnarci molto su ciò che è più importante nella vita. Sì, è importante raggiungere gli altri con amore. È importante prendersi cura dei nostri parenti e amici quando hanno più bisogno di noi. È importante sacrificare il nostro tempo e le nostre energie per il bene degli altri, perché attraverso questi atti di umile servizio, condividiamo certamente l’amore di Dio. Ma soprattutto, dobbiamo portare lo stesso Cristo Gesù agli altri. Elisabetta non era piena di gioia prima di tutto perché Maria era lì per aiutarla nella sua gravidanza. Piuttosto, era felicissima soprattutto perché Maria le aveva portato Gesù, il suo Signore, che viveva nel suo grembo.

Anche se non portiamo Cristo allo stesso modo della nostra Beata Madre, dobbiamo comunque fare di questa la nostra missione centrale nella vita. Primo, dobbiamo promuovere un amore e una devozione al nostro Signore così profondi che Egli dimori veramente dentro di noi. Quindi, dobbiamo portare Colui che dimora in noi agli altri. Questo è senza dubbio il più grande atto di carità che potremo mai offrire a un altro.

Rifletti, oggi, non solo sulla tua missione di invitare il tuo Signore a dimorare in te come fece la nostra Beata Madre, ma anche sul tuo dovere cristiano di portare poi Colui che dimora in te agli altri. Gli altri incontrano Cristo che vive dentro di te con gioia? Sentono la Sua presenza nella tua vita e rispondono con gratitudine? Indipendentemente dalla loro risposta, impegnati in questa santa chiamata di portare Cristo agli altri come atto di amore più profondo.

Signore, per favore dimora dentro di me. Vieni e trasformami con la tua santa presenza. Mentre vieni da me, aiutami a diventare poi un missionario della tua presenza divina portandoti agli altri perché possano incontrare la gioia della tua presenza. Rendimi uno strumento puro, caro Signore, e usami per ispirare tutti coloro che incontro ogni giorno. Gesù io credo in te.

Meditazione: di fronte alla croce con coraggio e amore

Meditazione: di fronte alla croce con coraggio e amore

Il suicidio: segnali d'allarme e prevenzione

Il suicidio: segnali d'allarme e prevenzione

Meditazione del giorno: la vera grandezza

Meditazione del giorno: la vera grandezza

Relazioni a distanza, come gestirle?

Relazioni a distanza, come gestirle?

Meditazione: la misericordia va in entrambe le direzioni

Meditazione: la misericordia va in entrambe le direzioni

Meditazione del giorno: Trasfigurato nella gloria

Meditazione del giorno: Trasfigurato nella gloria

Fare l'elemosina è una forma corretta di carità?

Fare l'elemosina è una forma corretta di carità?