Rifletti, oggi, sull’amore che Gesù aveva anche per chi lo trattava male

E alcuni uomini portarono su una barella un uomo che era paralizzato; stavano cercando di portarlo dentro e metterlo alla sua presenza. Ma non trovando un modo per farlo entrare a causa della folla, salirono sul tetto e lo calarono sulla barella attraverso le tegole nel mezzo davanti a Gesù. Luca 5: 18-19

È interessante notare che, mentre questi amici pieni di fede dell’uomo paralizzato lo calavano dal tetto di fronte a Gesù, Gesù era circondato da farisei e insegnanti della legge “da ogni villaggio della Galilea, della Giudea e di Gerusalemme” ( Luca 5:17 ). I capi religiosi sono venuti a frotte. Erano tra i più istruiti degli ebrei e per caso erano tra quelli che si erano radunati per vedere Gesù parlare quel giorno. Ed era in parte a causa del gran numero di loro riuniti attorno a Gesù che gli amici del paralitico non potevano raggiungere Gesù senza questa mossa radicale di aprire il tetto.

Allora cosa fa Gesù quando vede il paralitico calato davanti a Lui dal tetto? Ha detto al paralitico che i suoi peccati erano stati perdonati. Purtroppo, quelle parole sono state immediatamente accolte con severe critiche interiori da parte di questi leader religiosi. Dissero tra loro: “Chi è colui che parla bestemmie? Chi se non Dio solo può perdonare i peccati? ” ( Luca 5:21 )

Ma Gesù conosceva i loro pensieri e decise di fare un altro atto per il bene di questi capi religiosi. Il primo atto di Gesù, perdonare i peccati dei paralitici, è stato per il bene del paralitico. Ma la guarigione fisica del paralitico, cosa interessante, sembra essere principalmente per questi farisei e insegnanti della legge pomposi e ipocriti. Gesù guarisce l’uomo in modo che “sappiano che il Figlio dell’uomo ha l’autorità sulla terra di perdonare i peccati” ( Luca 5:24 ). Non appena Gesù compie questo miracolo, il Vangelo ci dice che tutti furono “colpiti da soggezione” e glorificarono Dio. Apparentemente, questo includeva i capi religiosi giudicanti.

Allora cosa ci insegna? Mostra quanto Gesù amasse profondamente questi capi religiosi nonostante il loro eccezionale orgoglio e giudizio. Voleva conquistarli. Voleva che si convertissero, si umiliassero e si volgessero a Lui. È piuttosto facile mostrare amore e compassione a chi è già paralizzato, rifiutato e umiliato. Ma ci vuole una quantità incredibile di amore per interessarsi profondamente anche degli orgogliosi e degli arroganti.

Rifletti, oggi, sull’amore che Gesù aveva per questi capi religiosi. Anche se sono venuti a trovargli da ridire, a giudicarlo falsamente e hanno cercato continuamente di intrappolarlo, Gesù non ha mai smesso di tentare di conquistarli. Mentre pensi a questa misericordia del nostro Signore, considera anche la persona nella tua vita che è più difficile da amare e impegnati ad amarla con tutto il tuo cuore a imitazione del nostro divino Signore.

Mio misericordiosissimo Signore, dammi un cuore di perdono e misericordia per gli altri. Aiutami, in particolare, ad avere una profonda preoccupazione per coloro che trovo più difficili da amare. A imitazione della Tua divina misericordia, rafforzami affinché agisca con un amore radicale per tutti affinché possano conoscerti più profondamente. Gesù io credo in te.

Maltrattamenti: come guarire dalle conseguenze

Maltrattamenti: come guarire dalle conseguenze

Oltre il perdono, meditazione del giorno

Oltre il perdono, meditazione del giorno

Fare l'elemosina è una forma corretta di carità?

Fare l'elemosina è una forma corretta di carità?

Meditazione del giorno: pregare per la volontà di Dio

Meditazione del giorno: pregare per la volontà di Dio

Meditazione del giorno: l'unico vero segno della croce

Meditazione del giorno: l'unico vero segno della croce

Meditazione del giorno: pregare il Padre nostro

Meditazione del giorno: pregare il Padre nostro

Meditazione del giorno: Quaresima un tempo di vera preghiera

Meditazione del giorno: Quaresima un tempo di vera preghiera