Rifletti, oggi, sulle parole e sulla presenza chiare, inconfondibili, trasformatrici e vivificanti del Salvatore del mondo

Gesù disse alle folle: “A cosa paragonerò questa generazione? È come i bambini che si siedono nei mercati e si gridano l’un l’altro: “Ti abbiamo suonato il flauto, ma non hai ballato, abbiamo cantato un canto funebre ma non hai pianto”. Matteo 11: 16-17

Cosa intende Gesù quando dice “Abbiamo suonato il flauto per te …” e “abbiamo cantato un canto funebre …?” I Padri della Chiesa identificano chiaramente questo “flauto” e “canto lamento” come la parola di Dio che è stata predicata dai profeti dell’antichità. Tanti vennero prima di Gesù per preparare la via, ma tanti non ascoltarono. Giovanni Battista era l’ultimo e il più grande profeta, e chiamava le persone al pentimento, ma pochi ascoltavano. Quindi, Gesù sottolinea questa triste verità.

Ai nostri giorni, abbiamo molto di più dei profeti dell’Antico Testamento. Abbiamo l’incredibile testimonianza dei santi, l’insegnamento infallibile della Chiesa, il dono dei sacramenti e la vita e l’insegnamento del Figlio di Dio stesso, come riportato nel Nuovo Testamento. Eppure, purtroppo, così tanti si rifiutano di ascoltare. Tanti non riescono a “ballare” e “piangere” in risposta al Vangelo.

Dobbiamo “danzare” nel senso che il dono di Cristo Gesù, mediante la Sua vita, morte e risurrezione, dovrebbe essere la causa della nostra gioia e adorazione eterna. Coloro che conoscono e amano veramente il Figlio di Dio sono pieni di gioia! Inoltre, dobbiamo “piangere” a causa degli innumerevoli peccati nelle nostre vite e nelle vite di coloro che ci circondano. Il peccato è reale e prevalente e un santo dolore è l’unica risposta appropriata. La salvezza è reale. L’inferno è reale. Ed entrambe queste verità richiedono da noi una risposta totale.

Nella tua vita, fino a che punto hai permesso al Vangelo di influenzarti? Quanto sei attento alla voce di Dio così come è stata pronunciata nella vita dei santi e attraverso la nostra Chiesa? Sei in sintonia con la voce di Dio mentre ti parla nel profondo della tua coscienza in preghiera? Stai ascoltando? Rispondendo? A seguire? E dare tutta la tua vita al servizio di Cristo e della sua missione?

Rifletti, oggi, sulle parole e sulla presenza chiare, inconfondibili, trasformatrici e vivificanti del Salvatore del mondo. Rifletti su quanto sei stato attento nella vita a tutto ciò che ha detto chiaramente e alla Sua stessa presenza. Se non ti ritrovi a “danzare” per la gloria di Dio e a “piangere” per i peccati evidenti della tua vita e nel nostro mondo, allora impegnati di nuovo a una sequela radicale di Cristo. Alla fine, la Verità che Dio ha detto nel corso dei secoli e la Sua santa e divina presenza sono tutto ciò che conta.

Mio glorioso Signore Gesù, riconosco la tua presenza divina nella mia vita e nel mondo che mi circonda. Aiutami ad essere più attento agli innumerevoli modi in cui mi parli e vieni da me ogni giorno. Quando scopro te e la tua santa parola, riempimi di gioia. Quando vedo il mio peccato e i peccati del mondo, dammi il vero dolore in modo che io possa lavorare instancabilmente per combattere il mio stesso peccato e portare il Tuo amore e la Tua misericordia a coloro che hanno più bisogno. Gesù io credo in te.

Fare l'elemosina è una forma corretta di carità?

Fare l'elemosina è una forma corretta di carità?

Meditazione del giorno: pregare per la volontà di Dio

Meditazione del giorno: pregare per la volontà di Dio

Meditazione del giorno: l'unico vero segno della croce

Meditazione del giorno: l'unico vero segno della croce

Meditazione del giorno: pregare il Padre nostro

Meditazione del giorno: pregare il Padre nostro

Meditazione del giorno: la Chiesa prevarrà sempre

Meditazione del giorno: la Chiesa prevarrà sempre

Meditazione del giorno: 40 giorni nel deserto

Meditazione del giorno: 40 giorni nel deserto

Dio ci aiuta a rispondere ai disagi adolescenziali

Dio ci aiuta a rispondere ai disagi adolescenziali