Rifletti,oggi,sulle parole che Gesù disse ad Andrea “vieni e seguimi”

Mentre Gesù camminava lungo il mare di Galilea, vide due fratelli, Simone, chiamato Pietro, e suo fratello Andrea, che gettavano la rete in mare; erano pescatori. Disse loro: “Seguitemi, e vi farò pescatori di uomini”. Matteo 4: 18-19

Oggi onoriamo uno degli Apostoli: Sant’Andrea. Andrea e suo fratello Pietro erano pescatori che presto avrebbero intrapreso una nuova forma di pesca. Presto sarebbero diventati “pescatori di uomini”, come disse Gesù. Ma prima di essere inviati in questa missione dal nostro Signore, dovevano diventare suoi seguaci. E questo accadde quando nostro Signore fu il primo pescatore di questi uomini.

Si noti che in questo Vangelo, Gesù stava semplicemente camminando e “vide” questi due fratelli che lavoravano duramente nella loro occupazione. Prima, Gesù “li vide”, e poi li chiamò. Vale la pena riflettere su questo sguardo di nostro Signore.

Immagina la profonda verità che nostro Signore ti guarda continuamente con amore divino, cercando il momento in cui rivolgi la tua attenzione a Lui. Il suo sguardo è perpetuo e profondo. Il suo sguardo è quello che desidera che tu lo segui, che abbandoni tutto per ascoltare il suo gentile invito non solo a seguirlo, ma per poi andare avanti e invitare gli altri nel cammino della fede.

Quando iniziamo questo tempo di Avvento, dobbiamo permettere che la chiamata di Andrea e Pietro diventi anche la nostra chiamata. Dobbiamo permetterci di notare Gesù mentre ci guarda, vede chi siamo, è consapevole di tutto di noi e poi pronuncia una parola di invito. Ti dice: “Seguimi …” Questo è un invito che deve permeare ogni aspetto della tua vita. “Venire dopo” Gesù significa lasciare tutto il resto alle spalle e fare dell’atto di seguire nostro Signore l’unico scopo della tua vita.

Purtroppo, molte persone prestano poca attenzione a questa chiamata nella loro vita. Poche persone Lo sentono parlare e meno rispondono, e ancora meno rispondono con il completo abbandono della loro vita. L’inizio dell’Avvento è un’opportunità per valutare ancora una volta la tua reattività alla chiamata del nostro Signore.

Rifletti, oggi, su Gesù che ti ha detto queste parole. Per prima cosa, medita sulla domanda se gli hai detto “Sì” con tutti i poteri della tua anima. Secondo, rifletti su coloro che il nostro Signore vuole che tu inviti al viaggio. A chi ti sta mandando Gesù per invitare? Chi, nella tua vita, è aperto alla sua chiamata? Chi Gesù vuole attirare a Sé attraverso di te? Imitiamo questi Apostoli mentre dissero “Sì” al nostro Signore, anche se non capirono immediatamente tutto ciò che ciò avrebbe comportato. Di ‘”Sì” oggi e sii pronto e disposto a fare qualsiasi cosa accada in questo glorioso viaggio di fede.

Mio caro Signore, ti dico “Sì” oggi. Sento che mi chiami e scelgo di rispondere con la massima generosità e abbandono alla tua santa e perfetta volontà. Dammi il coraggio e la saggezza di cui ho bisogno per non trattenere nulla da Te e dalla Tua chiamata divina nella mia vita. Gesù io credo in te

Fare l'elemosina è una forma corretta di carità?

Fare l'elemosina è una forma corretta di carità?

Meditazione del giorno: pregare per la volontà di Dio

Meditazione del giorno: pregare per la volontà di Dio

Meditazione del giorno: l'unico vero segno della croce

Meditazione del giorno: l'unico vero segno della croce

Meditazione del giorno: pregare il Padre nostro

Meditazione del giorno: pregare il Padre nostro

Meditazione del giorno: la Chiesa prevarrà sempre

Meditazione del giorno: la Chiesa prevarrà sempre

Meditazione del giorno: 40 giorni nel deserto

Meditazione del giorno: 40 giorni nel deserto

Dio ci aiuta a rispondere ai disagi adolescenziali

Dio ci aiuta a rispondere ai disagi adolescenziali