Risposte bibliche alle domande sul peccato

Per una parola così piccola, molto è impacchettato nel significato del peccato. La Bibbia definisce il peccato come la rottura o la trasgressione della legge di Dio (1 Giovanni 3: 4). Viene anche descritto come disobbedienza o ribellione contro Dio (Deuteronomio 9: 7), così come indipendenza da Dio. La traduzione originale significa “mancare il segno” del santo standard di Dio di giustizia .

L’amartiologia è la branca della teologia che si occupa dello studio del peccato. Indaga su come ha avuto origine il peccato, su come influenza la razza umana, i diversi tipi e gradi di peccato e i risultati del peccato.

Mentre l’origine di base del peccato non è chiara, sappiamo che è venuto nel mondo quando il serpente, Satana, ha tentato Adamo ed Eva e hanno disobbedito a Dio (Genesi 3; Romani 5:12). L’essenza del problema derivava dal desiderio umano di essere come Dio .

Pertanto, ogni peccato ha le sue radici nell’idolatria: il tentativo di mettere qualcosa o qualcuno al posto del Creatore. Molto spesso, qualcuno è se stesso. Mentre Dio permette il peccato, non è l’autore del peccato. Tutti i peccati sono un’offesa a Dio e ci separano da lui (Isaia 59: 2).

Cos’è il peccato originale?
Mentre il termine “peccato originale” non è espressamente indicato nella Bibbia, la dottrina cristiana del peccato originale si basa su versetti che includono Salmo 51: 5, Romani 5: 12-21 e 1 Corinzi 15:22. Come risultato della caduta di Adamo, il peccato è entrato nel mondo. Adamo, il capo o la radice della razza umana, fece sì che ogni uomo dopo di lui nascesse in uno stato peccaminoso o in una condizione caduta. Il peccato originale, quindi, è la radice del peccato che contamina la vita dell’uomo. Tutti gli umani hanno adottato questa natura peccaminosa attraverso l’atto originale di disobbedienza di Adamo.Il peccato originale viene spesso definito “peccato ereditato”.

Tutti i peccati sono uguali a Dio?
La Bibbia sembra indicare che ci sono gradi di peccato: alcuni sono più detestabili da Dio di altri (Deuteronomio 25:16; Proverbi 6: 16-19). Tuttavia, quando si tratta delle conseguenze eterne del peccato, sono tutte uguali. Ogni peccato, ogni atto di ribellione, porta alla condanna e alla morte eterna (Romani 6:23).

Come affrontiamo il problema del peccato?
Abbiamo già stabilito che il peccato è un problema serio. Questi versetti ci lasciano senza dubbio:

Isaia 64: 6: Tutti noi siamo diventati come uno che è impuro, e tutti i nostri atti giusti sono come sporchi stracci … (NIV)
Romani 3: 10-12: … Non c’è nessuno giusto, nemmeno uno; non c’è nessuno che capisca, nessuno che cerchi Dio. Tutti si sono allontanati, insieme sono diventati inutili; non c’è nessuno che faccia del bene, nemmeno uno. (NIV)
Romani 3:23: Poiché tutti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio. (NIV)
Se il peccato ci separa da Dio e ci condanna a morte, come possiamo liberarci dalla sua maledizione? Fortunatamente Dio ha fornito una soluzione tramite suo Figlio, Gesù Cristo, dal quale i credenti possono cercare la redenzione .

Come possiamo giudicare se qualcosa è peccato?
Molti peccati sono chiaramente indicati nella Bibbia. Ad esempio, i Dieci Comandamenti ci danno un quadro chiaro delle leggi di Dio. Offrono regole di comportamento di base per la vita spirituale e morale. Molti altri versetti della Bibbia presentano esempi diretti di peccato, ma come possiamo sapere se qualcosa è un peccato quando la Bibbia non è chiara? La Bibbia presenta linee guida generali per aiutarci a giudicare il peccato quando siamo incerti.

Di solito, quando siamo in dubbio sul peccato, la nostra prima tendenza è di chiedere se qualcosa è male o sbagliato. Vorrei suggerire di pensare nella direzione opposta. Invece, poniti queste domande basate sulla Scrittura:

È una buona cosa per me e gli altri? Questo è utile? Mi avvicinerà a Dio? Rafforzerà la mia fede e la mia testimonianza? (1 Corinzi 10: 23-24)
La prossima grande domanda da porsi è: questo glorificherà Dio? Dio benedirà questa cosa e la userà per i suoi scopi? Sarà gradito e onorato a Dio? (1 Corinzi 6: 19–20; 1 Corinzi 10:31)
Puoi anche chiedere, in che modo questa cosa influenzerà la mia famiglia e i miei amici? Sebbene possiamo avere libertà in Cristo in un’area, non dobbiamo mai lasciare che le nostre libertà facciano inciampare un fratello più debole. (Romani 14:21; Romani 15: 1) Inoltre, poiché la Bibbia ci insegna a sottometterci a coloro che detengono l’autorità su di noi (genitori, coniuge, insegnante), possiamo chiedere: i miei genitori hanno un problema con questa cosa? ? Sono disposto a presentare questo a coloro che sono al comando su di me?
Alla fine, in tutte le cose, dobbiamo lasciare che la nostra coscienza davanti a Dio ci conduca per ciò che è giusto e sbagliato su questioni che non sono chiare nella Bibbia. Possiamo chiedere: ho la libertà in Cristo e una chiara coscienza davanti al Signore di fare qualunque cosa sia in questione? Il mio desiderio è sottomesso alla volontà del Signore? (Colossesi 3:17, Romani 14:23)
Quale atteggiamento dovremmo avere verso il peccato?
La verità è che tutti pecchiamo. La Bibbia lo rende evidente nelle Scritture come Romani 3:23 e 1 Giovanni 1:10. Ma la Bibbia dice anche che Dio odia il peccato e ci incoraggia come cristiani a smettere di peccare: “Coloro che sono nati nella famiglia di Dio non praticano il peccato, perché la vita di Dio è in essi”. (1 Giovanni 3: 9, NLT ) A complicare ulteriormente la questione sono i passi biblici che sembrano suggerire che alcuni peccati sono discutibili e che il peccato non è sempre “bianco e nero”. Ciò che è un peccato per un cristiano, per esempio, potrebbe non essere un peccato per un altro cristiano.Quindi, alla luce di tutte queste considerazioni, quale atteggiamento dovremmo avere nei confronti del peccato?

Qual è il peccato imperdonabile?
Marco 3:29 dice: “Ma chi bestemmia contro lo Spirito Santo non sarà mai perdonato; è colpevole di un peccato eterno. (NIV) La blasfemia contro lo Spirito Santo è citata anche in Matteo 12: 31-32 e Luca 12:10 Questa domanda sul peccato imperdonabile ha sfidato e sconcertato molti cristiani nel corso degli anni.

Ci sono altri tipi di peccato?
Peccato imputato – Il peccato imputato è uno dei due effetti che il peccato di Adamo ebbe sulla razza umana. Il peccato originale è il primo effetto. Come risultato del peccato di Adamo, tutte le persone entrano nel mondo con una natura caduta. Inoltre, la colpa del peccato di Adamo è attribuita non solo ad Adamo, ma a ogni persona che lo seguì. Questo è peccato imputato. In altre parole, tutti meritiamo la stessa punizione di Adamo. Il peccato imputato distrugge la nostra posizione davanti a Dio, mentre il peccato originale distrugge il nostro carattere. Sia il peccato originale che quello imputato ci mettono sotto il giudizio di Dio.

Sins of Omission and Commission – Questi peccati si riferiscono a peccati personali. Un peccato di commissione è qualcosa che facciamo (commettiamo) con l’atto della nostra volontà contro il comando di Dio. Un peccato di omissione è quando non riusciamo a fare qualcosa comandato da Dio (omettere) attraverso un atto consapevole della nostra volontà.

Peccati mortali e peccati veniali – I peccati mortali e veniali sono termini cattolici romani. I peccati veniali sono offese insignificanti contro le leggi di Dio, mentre i peccati mortali sono offese gravi in ​​cui la punizione è spirituale, la morte eterna.

Chiesa: la verginità consacrata

Chiesa: la verginità consacrata

Discussione del giorno "sesso prima del matrimonio"

Discussione del giorno "sesso prima del matrimonio"

Chiesa: differenza tra madrina e comare di fazzoletto

Chiesa: differenza tra madrina e comare di fazzoletto

l'incesto: perché la chiesa lo condanna?

l'incesto: perché la chiesa lo condanna?

3 cose da fare per avere un rapporto con Dio

3 cose da fare per avere un rapporto con Dio

Santa Faustina ci dice come pregare per gli altri

Santa Faustina ci dice come pregare per gli altri

Il peccato mortale: quello che devi sapere e perchè non trascurarlo

Il peccato mortale: quello che devi sapere e perchè non trascurarlo