Sacerdote cattolico in Nigeria trovato morto dopo il rapimento

Il corpo di un prete cattolico è stato scoperto sabato in Nigeria, il giorno dopo essere stato rapito da uomini armati.

L’Agenzia Fides, il servizio di informazione delle Pontificie Opere Missionarie, ha riferito il 18 gennaio che p. John Gbakaan “è stato presumibilmente giustiziato con un machete in modo così brutale che l’identificazione era quasi impossibile”.

Il sacerdote della diocesi di Minna, nella cintura centrale della Nigeria, è stato aggredito da uomini non identificati la sera del 15 gennaio. Stava viaggiando con il fratello minore lungo Lambata-Lapai Road nello Stato del Niger dopo una visita alla madre a Makurdi, Stato di Benue.

Secondo Fides, i rapitori hanno inizialmente chiesto 30 milioni di naira (circa 70.000 dollari) per il rilascio dei due fratelli, riducendo successivamente la cifra a cinque milioni di naira (circa 12.000 dollari).

I media locali hanno detto che il corpo del sacerdote è stato trovato legato a un albero il 16 gennaio. Anche il suo veicolo, una Toyota Venza, è stato recuperato. Suo fratello è ancora disperso.

Dopo l’omicidio di Gbakaan, i leader cristiani hanno chiesto al governo federale della Nigeria di agire per fermare gli attacchi al clero.

I media locali hanno citato il Rev. John Joseph Hayab, vice presidente dell’Associazione Cristiana della Nigeria nel nord della Nigeria, dicendo: “Stiamo semplicemente implorando il governo federale e tutte le agenzie di sicurezza di fare tutto il necessario per portare questo male a un Stop.”

“Tutto ciò che chiediamo al governo è protezione dagli uomini malvagi che stanno distruggendo le nostre vite e le nostre proprietà”.

L’incidente è l’ultimo di una serie di rapimenti di clero nel paese più popoloso dell’Africa.

Il 27 dicembre, il vescovo Moses Chikwe, ausiliare dell’arcidiocesi di Owerri, è stato rapito insieme al suo autista. È stato rilasciato dopo cinque giorni di prigionia.

Il 15 dicembre, p. Valentine Oluchukwu Ezeagu, un membro dei Figli di Maria Madre della Misericordia, è stato rapito nello Stato di Imo mentre si recava al funerale di suo padre nel vicino Stato di Anambra. È stato rilasciato il giorno successivo.

A novembre, p. Matthew Dajo, sacerdote dell’arcidiocesi di Abuja, è stato rapito e rilasciato dopo 10 giorni di prigionia.

Hayab ha affermato che l’ondata di rapimenti stava scoraggiando i giovani dal perseguire vocazioni sacerdotali.

“Oggi nel nord della Nigeria, molte persone vivono nella paura e molti giovani hanno paura di diventare pastori perché la vita dei pastori è in grave pericolo”, ha detto.

“Quando banditi o rapitori si rendono conto che le loro vittime sono sacerdoti o pastori, sembra che uno spirito violento si impossessi del loro cuore per chiedere più riscatto e in alcuni casi arriva fino al punto di uccidere la vittima”.

L’ACI Africa, partner giornalistico africano della Cna, ha riferito che il 10 gennaio l’arcivescovo Ignatius Kaigama di Abuja ha affermato che i rapimenti darebbero al Paese “una cattiva fama” a livello internazionale.

“Lasciato incontrollato dalle autorità nigeriane, questo atto vergognoso e disgustoso continuerà a dare una cattiva reputazione alla Nigeria e spaventare i visitatori e gli investitori del paese”, ha detto.

Pubblicando il suo rapporto annuale della World Watch List la scorsa settimana, il gruppo di difesa Open Doors ha affermato che la sicurezza in Nigeria si è deteriorata al punto che il paese è entrato nella top 10 dei peggiori paesi per la persecuzione dei cristiani.

A dicembre, il Dipartimento di Stato americano ha elencato la Nigeria tra i peggiori paesi per la libertà religiosa, descrivendo la nazione dell’Africa occidentale come un “paese di particolare preoccupazione”.

Questa è una designazione formale riservata alle nazioni in cui si stanno verificando le peggiori violazioni della libertà religiosa, gli altri paesi sono Cina, Corea del Nord e Arabia Saudita.

Il passo è stato lodato dalla guida dei Cavalieri di Colombo.

Il Cavaliere Supremo Carl Anderson ha affermato che “i cristiani della Nigeria hanno sofferto gravemente per mano di Boko Haram e di altri gruppi”.

Ha suggerito che gli omicidi e i rapimenti di cristiani in Nigeria “rasentano il genocidio”.

Ha detto: “I cristiani della Nigeria, sia cattolici che protestanti, meritano attenzione, riconoscimento e sollievo ora. I cristiani della Nigeria dovrebbero poter vivere in pace e praticare la loro fede senza paura

Un uomo muore in ginocchio davanti all'altare nella chiesa

Un uomo muore in ginocchio davanti all'altare nella chiesa

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Vaticano prevede un deficit di quasi 50 milioni di euro a causa delle perdite del COVID

Il Vaticano prevede un deficit di quasi 50 milioni di euro a causa delle perdite del COVID