San Giosafat,Santo del giorno per il 12 novembre

Santo del giorno per il 12 novembre
(1580 circa – 12 novembre 1623)

La storia di San Giosafat

Nel 1964, le foto di giornale di Papa Paolo VI che abbracciava Atenagora I, il patriarca ortodosso di Costantinopoli, segnarono un passo significativo verso la guarigione di una divisione nella cristianità che ha attraversato più di nove secoli.

Nel 1595, il vescovo ortodosso di Brest-Litovsk nell’attuale Bielorussia e altri cinque vescovi in ​​rappresentanza di milioni di ruteni, cercarono il ricongiungimento con Roma. John Kunsevich, che nella vita religiosa prese il nome di Josaphat, avrebbe dedicato la sua vita e sarebbe morto per la stessa causa. Nato nell’attuale Ucraina, andò a lavorare a Wilno e fu influenzato dal clero aderente all’Unione di Brest del 1596. Divenne monaco basiliano, poi sacerdote, e ben presto divenne famoso come predicatore e asceta.

È diventato vescovo di Vitebsk in età relativamente giovane e ha dovuto affrontare una situazione difficile. La maggior parte dei monaci, temendo interferenze nella liturgia e nei costumi, non voleva l’unione con Roma. Per sinodi, istruzione catechetica, riforma del clero e esempio personale, tuttavia, Josaphat ebbe successo in winSt

ning la maggior parte degli ortodossi in quella zona al sindacato.

Ma l’anno successivo fu istituita una gerarchia dissidente, e il suo numero opposto diffuse l’accusa che Giosafat fosse “diventato latino” e che tutta la sua gente avrebbe dovuto fare lo stesso. Non è stato sostenuto con entusiasmo dai vescovi latini della Polonia.

Nonostante gli avvertimenti, è andato a Vitebsk, ancora un focolaio di guai. Si tentò di fomentare guai e di cacciarlo dalla diocesi: un prete fu mandato a gridargli insulti dal suo cortile. Quando Giosafat lo fece rimuovere e rinchiudere in casa sua, l’opposizione suonò il campanello del municipio e una folla si radunò. Il sacerdote è stato rilasciato, ma i membri della folla hanno fatto irruzione nella casa del vescovo. Josaphat fu colpito con un’alabarda, poi colpito e il suo corpo fu gettato nel fiume. Successivamente è stato recuperato ed è ora sepolto nella Basilica di San Pietro a Roma. Fu il primo santo della Chiesa d’Oriente ad essere canonizzato da Roma.

La morte di Giosafat portò un movimento verso il cattolicesimo e l’unità, ma la controversia continuò e anche i dissidenti ebbero il loro martire. Dopo la spartizione della Polonia, i russi costrinsero la maggior parte dei ruteni a unirsi alla Chiesa ortodossa russa.

Riflessione

I semi della separazione furono seminati nel IV secolo, quando l’Impero Romano fu diviso in Oriente e Occidente. La vera frattura avvenne a causa di usanze come l’uso di pane azzimo, il digiuno del sabato e il celibato. Senza dubbio il coinvolgimento politico dei leader religiosi di entrambe le parti è stato un fattore importante, ed era presente un disaccordo dottrinale. Ma nessuna ragione era sufficiente per giustificare l’attuale tragica divisione nella cristianità, che è composta per il 64% da cattolici romani, per il 13% da chiese orientali – per lo più ortodosse – e per il 23% da protestanti, e questo quando il 71% del mondo che non è cristiano dovrebbe essere sperimentare l’unità e la carità simile a quella di Cristo da parte dei cristiani!

Cosa insegnò Gesù Cristo sulla preghiera

Cosa insegnò Gesù Cristo sulla preghiera

Cosa rappresentano i fiori per la Chiesa?

Cosa rappresentano i fiori per la Chiesa?

3 versetti che non troverai nella tua Bibbia

3 versetti che non troverai nella tua Bibbia

Perché i sacerdoti vestono sempre di nero?

Perché i sacerdoti vestono sempre di nero?

5 lezioni di vita da imparare da Gesù

5 lezioni di vita da imparare da Gesù

Quali sono i simboli dell'Eucaristia? il loro significato?

Quali sono i simboli dell'Eucaristia? il loro significato?

La perversione: attribuita alla Chiesa Cattolica

La perversione: attribuita alla Chiesa Cattolica