San Giovanni Crisostomo: Il più grande predicatore della chiesa primitiva

fu uno dei predicatori più articolati e influenti della chiesa paleocristiana . Originario di Antiochia, Crisostomo fu eletto Patriarca di Costantinopoli nel 398 d.C., sebbene fosse nominato alla carica contro i suoi desideri. La sua predicazione eloquente e senza compromessi fu così straordinaria che a 150 anni dalla sua morte, gli fu dato il cognome Crisostomo , che significa “la bocca d’oro” o “la lingua d’oro”.

Fatti veloci
Conosciuto anche come: Giovanni d’Antiochia
Conosciuto per: Arcivescovo di Costantinopoli del IV secolo, di lingua dorata , famoso soprattutto per i suoi numerosi ed eloquenti sermoni e lettere
Genitori: Secundus e Anthusa di Antiochia
Nato: 347 d.C. ad Antiochia, in Siria
Deceduto il 14 settembre 407 a Comana, nel nord-est della Turchia
Citazione degna di nota: “La predicazione mi migliora. Quando inizio a parlare, la stanchezza scompare; quando comincio a insegnare, anche la fatica scompare. “
Primi anni di vita
Giovanni d’Antiochia (il nome che era conosciuto tra i suoi contemporanei) nacque intorno al 347 d.C. ad Antiochia, la città in cui i credenti in Gesù Cristo furono chiamati cristiani ( Atti 11:26 ). Suo padre, Secundus, era un distinto ufficiale militare dell’esercito imperiale della Siria. È morto quando John era un bambino. La madre di Giovanni, Anthusa, era una devota donna cristiana e aveva solo 20 anni quando divenne vedova.

Ad Antiochia, la capitale della Siria e uno dei principali centri educativi della giornata, Chrysostom studiò retorica, letteratura e legge sotto l’insegnante pagano Libanio. Per un breve periodo dopo aver completato gli studi, Crisostomo praticò la legge, ma presto iniziò a sentirsi chiamato a servire Dio. Fu battezzato nella fede cristiana a 23 anni e subì una radicale rinuncia al mondo e una dedica a Cristo.

Inizialmente, Crisostomo perseguì la vita monastica . Durante il suo periodo da monaco (374-380 d.C.), trascorse due anni vivendo in una grotta, stando in piedi continuamente, dormendo a stento e memorizzando l’intera Bibbia . Come risultato di questa estrema auto-mortificazione, la sua salute fu gravemente compromessa e dovette abbandonare la vita dell’ascetismo .

Dopo essere tornato dal monastero, Crisostomo divenne attivo nella chiesa di Antiochia, servendo sotto Meletius, il vescovo di Antiochia e Diodoro, il capo di una scuola catechistica in città. Nel 381 d.C., Crisostomo fu ordinato diacono da Meletius, e poi, cinque anni dopo, fu ordinato sacerdote da Flavian. Immediatamente, la sua predicazione eloquente e il suo carattere serio gli fecero guadagnare l’ammirazione e il rispetto di tutta la chiesa di Antiochia.

I sermoni chiari, pratici e potenti di Chrysostom hanno attirato enormi folle e hanno avuto un impatto significativo sulle comunità religiose e politiche di Antiochia. Il suo entusiasmo e la chiarezza della comunicazione piacevano alla gente comune, che spesso si spingeva verso la chiesa per ascoltarlo meglio. Ma il suo insegnamento conflittuale lo metteva spesso nei guai con i leader ecclesiastici e politici del suo tempo.

Un tema ricorrente dei sermoni di Crisostomo era l’essenziale cristiano per prendersi cura dei bisognosi . “È una follia e una follia pubblica riempire gli armadi di vestiti”, ha detto in un sermone, “e permettere agli uomini che sono creati a immagine e somiglianza di Dio di stare nudi e tremanti per il freddo in modo che difficilmente possano tenersi in piedi “.

Patriarca di Costantinopoli
Il 26 febbraio 398, contro le sue stesse obiezioni, Crisostomo divenne arcivescovo di Costantinopoli. Al comando di Eutropio, un funzionario del governo, fu portato con la forza militare a Costantinopoli e consacrato arcivescovo. Eutropio credeva che la chiesa della capitale meritasse di avere il miglior oratore. Crisostomo non aveva cercato la posizione patriarcale, ma l’ha accettata come la volontà divina di Dio.

Crisostomo, ora ministro di una delle più grandi chiese della cristianità, divenne sempre più famoso come predicatore mentre contestava allo stesso tempo le sue critiche disapprovanti ai ricchi e il loro continuo sfruttamento dei poveri. Le sue parole ferirono le orecchie dei ricchi e dei potenti mentre denunciava i loro malvagi abusi di autorità. Piercing ancora di più delle sue parole era il suo stile di vita, che continuava a vivere nell’austerità, usando il suo sostanzioso assegno familiare per prestare servizio ai poveri e costruire ospedali.

Presto Chrysostom cadde in disgrazia con la corte di Costantinopoli, in particolare l’imperatrice Eudoxia, che fu personalmente offeso dai suoi rimproveri morali. Voleva che Chrysostom fosse messo a tacere e decise di farlo bandire. Solo sei anni dopo la sua nomina ad Arcivescovo, il 20 giugno 404, Giovanni Crisostomo fu scortato lontano da Costantinopoli, per non tornare mai più. Il resto dei suoi giorni visse in esilio.

San Giovanni Crisostomo, arcivescovo di Costantinopoli, di fronte all’imperatrice Eudoxia. Mostra il patriarca che incolpa l’imperatrice d’Occidente, Eudoxia (Aelia Eudoxia), per la sua vita di lusso e splendore. Dipinto di Jean Paul Laurens, 1893. Museo Augustins, Tolosa, Francia.
L’eredità della lingua d’oro
Il contributo più significativo di John Chrysostom alla storia cristiana fu di tramandare più parole di qualsiasi altro padre di chiesa primitiva di lingua greca. Lo ha fatto attraverso i suoi numerosi commenti biblici , omelie, lettere e sermoni. Più di 800 di questi sono ancora disponibili oggi.

Crisostomo era di gran lunga il predicatore cristiano più articolato e influente della sua epoca. Con uno straordinario dono di spiegazione e applicazione personale, le sue opere includono alcune delle più belle esposizioni sui libri della Bibbia , in particolare Genesi , Salmi , Isaia , Matteo , Giovanni , Atti e le epistole di Paolo . Le sue opere esegetiche sul Libro degli Atti sono l’unico commento sopravvissuto sul libro dei primi mille anni del cristianesimo.

Oltre ai suoi sermoni, altre opere durature includono un primo discorso, contro quelli che si oppongono alla vita monastica , scritto per genitori i cui figli stavano prendendo in considerazione una vocazione monastica. Scrisse anche Istruzioni per i catecumeni , Sull’incomprensibilità della natura divina e Sul sacerdozio , in cui dedicò due capitoli all’arte della predicazione.

Giovanni d’Antiochia ricevette il titolo postumo di “Crisostomo”, o “lingua d’oro”, 15 decenni dopo la sua morte. Per la Chiesa cattolica romana , Giovanni Crisostomo è considerato un “Dottore della Chiesa”. Nel 1908, Papa Pio X lo designò il santo patrono degli oratori, predicatori e oratori cristiani. Anche le chiese ortodosse , copte e anglicane orientali lo stimano come un santo.

In Prolegomena: The Life and Work of St. John Chrysostom , lo storico Philip Schaff descrive Chrysostom come “uno di quegli uomini rari che combinano grandezza e bontà, genio e pietà, e continuano a esercitare con i loro scritti ed esempi una felice influenza sul cristiano Chiesa. Era un uomo per il suo tempo e per tutti i tempi. Ma dobbiamo guardare allo spirito piuttosto che alla forma della sua pietà, che portava il marchio della sua epoca. “

Morte in esilio

John Chrysostom trascorse tre brutali anni in esilio sotto scorta armata nella remota città di Cucusus, sulle montagne dell’Armenia. Anche se la sua salute fallì rapidamente, rimase fermo nella sua devozione a Cristo, scrivendo lettere di incoraggiamento agli amici e ricevendo visite da fedeli seguaci. Durante il trasferimento in un remoto villaggio sulla sponda orientale del Mar Nero, Crisostomo crollò e fu portato in una piccola cappella vicino a Comana, nel nord-est della Turchia, dove morì.

Trentuno anni dopo la sua morte, i resti di Giovanni furono trasportati a Costantinopoli e sepolti nella Chiesa dei SS. Apostoli. Durante la Quarta Crociata, nel 1204, le reliquie di Crisostomo furono saccheggiate dai predoni cattolici e portate a Roma, dove furono collocate nella chiesa medievale di San Pietro in Vaticano. Dopo 800 anni, i suoi resti furono trasferiti nella nuova Basilica di San Pietro, dove rimasero per altri 400 anni.

Nel novembre del 2004, tra i continui sforzi per la riconciliazione tra le chiese ortodosse orientali e cattoliche romane , Papa Giovanni Paolo II restituì le ossa di Crisostomo al patriarca ecumenico Bartolomeo I, il leader spirituale del cristianesimo ortodosso. La cerimonia è iniziata nella Basilica di San Pietro a Città del Vaticano sabato 27 novembre 2004 e è proseguita più tardi nel corso della giornata mentre i resti di Crisostomo sono stati ripristinati in una solenne cerimonia presso la Chiesa di San Giorgio a Istanbul, in Turchia.

La perversione: attribuita alla Chiesa Cattolica

La perversione: attribuita alla Chiesa Cattolica

La croce: simbolo religioso della cristianità

La croce: simbolo religioso della cristianità

Il mese di marzo è dedicato a San Giuseppe

Il mese di marzo è dedicato a San Giuseppe

Il buddismo alla luce della nostra fede cattolica

Il buddismo alla luce della nostra fede cattolica

I pettegolezzi sono un peccato?

I pettegolezzi sono un peccato?

Chiesa: la verginità consacrata

Chiesa: la verginità consacrata

Santa Faustina ci dice come pregare per gli altri

Santa Faustina ci dice come pregare per gli altri