San Giovanni Paolo II: 1.700 professori rispondono a ‘ondata di accuse’ contro il papa polacco

Centinaia di professori hanno firmato un appello in difesa di San Giovanni Paolo II a seguito delle critiche del papa polacco sulla scia del Rapporto McCarrick.

L’appello “senza precedenti” è stato firmato da 1.700 professori delle università e degli istituti di ricerca polacchi. I firmatari includono Hanna Suchocka, la prima donna premier polacca, l’ex ministro degli esteri Adam Daniel Rotfeld, i fisici Andrzej Staruszkiewicz e Krzysztof Meissner e il regista Krzysztof Zanussi.

“Una lunga lista impressionante di meriti e realizzazioni di Giovanni Paolo II viene oggi messa in discussione e cancellata”, hanno detto i professori nell’appello.

“Per i giovani, nati dopo la sua morte, l’immagine deformata, falsa e sminuita del papa potrebbe diventare l’unica che conosceranno”.

“Facciamo appello a tutte le persone di buona volontà affinché tornino in sé. Giovanni Paolo II, come ogni altra persona, merita di essere parlato onestamente. Diffamando e respingendo Giovanni Paolo II, facciamo un grande danno a noi stessi, non a lui “.

I professori hanno detto che stavano rispondendo alle accuse mosse contro Giovanni Paolo II, papa dal 1978 al 2005, in seguito alla pubblicazione il mese scorso di un rapporto vaticano sull’ex cardinale Theodore McCarrick caduto in disgrazia. Il papa polacco ha nominato McCarrick arcivescovo di Washington nel 2000 e lo ha nominato cardinale un anno dopo.

I professori hanno detto: “In questi giorni abbiamo assistito a un’ondata di accuse mosse contro Giovanni Paolo II. È accusato di aver insabbiato atti di pedofilia tra preti cattolici e ci sono richieste per la rimozione dei suoi memoriali pubblici. Questi atti hanno lo scopo di trasformare l’immagine di una persona degna della massima stima in una che è stata complice di crimini ripugnanti “.

“Un pretesto per fare richieste radicali è stata la pubblicazione da parte della Santa Sede del ‘Rapporto sulla conoscenza istituzionale e il processo decisionale della Santa Sede relativo all’ex cardinale Theodore Edgar McCarrick’. Tuttavia, un’analisi attenta del rapporto non indica alcun fatto che possa costituire una base per livellare le accuse sopra menzionate contro Giovanni Paolo II “.

I professori hanno continuato: “C’è un enorme divario tra la promozione di uno dei reati più gravi e il prendere decisioni sbagliate sul personale a causa di una conoscenza inadeguata o di informazioni completamente false”.

“Il detto Theodore McCarrick era considerato affidabile da molte persone eminenti, compresi i presidenti degli Stati Uniti, mentre era in grado di nascondere profondamente il lato oscuro criminale della sua vita”.

“Tutto questo ci porta a supporre che le calunnie e gli attacchi senza fonte contro la memoria di Giovanni Paolo II siano motivati ​​da una teoria preconcetta che ci rattrista e ci preoccupa profondamente”.

I professori hanno riconosciuto l’importanza di indagare attentamente le vite di personaggi storici significativi. Ma hanno chiesto “una riflessione equilibrata e un’analisi onesta”, piuttosto che una critica “emotiva” o “ideologicamente motivata”.

Hanno sottolineato che San Giovanni Paolo II ha esercitato “un’influenza positiva sulla storia del mondo”. Hanno citato il suo ruolo nel crollo del blocco comunista, la sua difesa della santità della vita e i suoi “atti rivoluzionari” come la sua visita nel 1986 a una sinagoga di Roma, il suo vertice interreligioso ad Assisi nello stesso anno, e il suo appello, nell’anno 2000, per il perdono dei peccati commessi in nome della Chiesa.

“Un altro grande gesto, particolarmente importante per noi, è stata la riabilitazione di Galileo, che il papa aveva anticipato già nel 1979 durante un solenne ricordo di Albert Einstein nel centenario della sua nascita”, scrivevano.

“Questa riabilitazione, realizzata su richiesta di Giovanni Paolo II dalla Pontificia Accademia delle Scienze 13 anni dopo, è stato un riconoscimento simbolico dell’autonomia e dell’importanza della ricerca scientifica”.

L’appello dei professori segue un intervento all’inizio di questa settimana dell’arcivescovo Stanisław Gądecki, presidente della Conferenza episcopale polacca. In una dichiarazione del 7 dicembre , Gądecki ha deplorato quelli che ha definito “attacchi senza precedenti” contro San Giovanni Paolo II. Ha insistito sul fatto che la “massima priorità” del papa fosse combattere gli abusi clericali e proteggere i giovani.

Il mese scorso, il collegio del rettore dell’Università cattolica Giovanni Paolo II di Lublino ha anche affermato che le critiche non avevano alcun fondamento fattuale, lamentando “le accuse fallaci, le calunnie e le calunnie rivolte di recente contro il nostro santo patrono”.

Il rettore e i vicecancellieri dell’università nella Polonia orientale hanno commentato: “Le tesi soggettive espresse da alcuni circoli non sono affatto suffragate da fatti e riscontri oggettivi – ad esempio, presentate nel rapporto della Segreteria di Stato della Santa Sede su Teodoro McCarrick. “

Nel loro appello, i 1.700 professori hanno sostenuto che, se la denigrazione di Giovanni Paolo II non fosse stata contestata, si sarebbe stabilito nella mente dei giovani polacchi un’immagine “fondamentalmente falsa” della storia polacca.

Hanno detto che la conseguenza più grave di ciò sarebbe “la convinzione della prossima generazione che non vi è alcun motivo per sostenere una comunità con un tale passato”.

Gli organizzatori dell’iniziativa hanno descritto l’appello come “un evento senza precedenti, che ha riunito le comunità accademiche e ha superato le nostre più rosee aspettative”.

Daniela Molinari, la madre accetta di fare il prelievo per salvarle la vita

Daniela Molinari, la madre accetta di fare il prelievo per salvarle la vita

Luana D'Orazio, 23 anni, muore sul posto di lavoro

Luana D'Orazio, 23 anni, muore sul posto di lavoro

San Gennaro, ore 17,18 finalmente il miracolo!

San Gennaro, ore 17,18 finalmente il miracolo!

India ospedale invia le persone a trovare l'ossigeno

India ospedale invia le persone a trovare l'ossigeno

Infermiera malata di tumore, la madre si rifiuta di curarla

Infermiera malata di tumore, la madre si rifiuta di curarla

Nave scomparsa nel nulla, continuano le ricerche

Nave scomparsa nel nulla, continuano le ricerche

Rosalia Lombardo rinvenuto il corpo in perfette condizione

Rosalia Lombardo rinvenuto il corpo in perfette condizione