San Giuseppe è un padre spirituale che combatterà per te

Don Donald Calloway ha scritto un’opera comprensiva e piena di calore personale. In effetti, il suo amore ed entusiasmo per il suo argomento sono evidenti in ogni pagina di questo libro. Quindi vale la pena menzionare il suo passato, che è sicuramente sotto la protezione di questo santo a cui è, insieme alla riverenza per la Madonna, chiaramente devoto (è un padre mariano dell’Immacolata Concezione).

Apprendiamo che “prima della sua conversione, era un abbandono del liceo che era stato espulso da un paese straniero, istituzionalizzato due volte e gettato in prigione più volte”. Tutto questo era prima della sua “conversione radicale”. Uno è attratto da storie di conversione come questa, sebbene il sommario allettante lasci alcune domande senza risposta.

Molti cattolici conosceranno la popolare promozione di Saint Louis de Montfort della consacrazione di 33 giorni a Nostra Signora e potrebbero averle già consacrato ufficialmente. Don Calloway ricorda loro che essere consacrati a San Giuseppe sosterrà e approfondirà solo il precedente. “Non sei un membro di una famiglia spirituale con un solo genitore”, sottolinea, “Maria è la tua madre spirituale e San Giuseppe è il tuo padre spirituale” – così come il fatto che “i cuori di Gesù, Maria e Giuseppe sono uno”.

Quindi perché è importante la consacrazione a San Giuseppe? È la tesi dell’autore che è giunto il momento di Joseph. I cattolici che hanno un senso della storia provvidenziale capiranno questa osservazione e, in effetti, Calloway aggiunge molti eventi negli ultimi 150 anni per sostenere la sua tesi. Nel 1870, Pio IX dichiarò San Giuseppe Patrono della Chiesa universale. Nel 1871 il cardinale Vaughan fondò l’ordine giuseppino. Nel 1909, San Pio X approvò la Litania di San Giuseppe. Nel 1917 a Fatima (significativamente, nell’ultima apparizione del 13 ottobre), San Giuseppe appare e benedice il mondo.

Nel 1921 Benedetto XV aggiunse una menzione particolare di San Giuseppe alle Divine Lode. Pio XII istituì la festa di San Giuseppe Lavoratore il 1 maggio. Nel 1962 Giovanni XXIII includeva il nome di San Giuseppe nel Canone della Messa. Nel 2013, Papa Francesco inserì il nome di San Giuseppe in tutte le preghiere eucaristiche.

Questa è solo una selezione della crescente inclusione di San Giuseppe nel culto e nella coscienza ufficiali della Chiesa. Ci ricordano che Dio non fa nulla senza uno scopo soprannaturale – a volte discernendo solo molto tempo dopo l’evento. Per don Calloway, l’elevazione di San Giuseppe è particolarmente necessaria per i nostri tempi, “per aiutarci a proteggere il matrimonio e la famiglia”. Anzi, continua osservando che “molte persone non sanno più cosa significhi essere un uomo o una donna, figuriamoci cosa costituisce un matrimonio e una famiglia”. Aggiunge che “tutto il mondo ha bisogno di essere evangelizzato, compresa la stragrande maggioranza dei cristiani battezzati”.

Nessun cattolico che segue gli affari pubblici potrà contestare questo, o il commento che “i paesi una volta stabiliti sui principi giudaico-cristiani sono stati travolti da ideologie e organizzazioni che cercano di spogliare la società di tutto ciò che è sacro”.

Il punto della consacrazione formale significa che San Giuseppe diventa il proprio padre spirituale in modo che “tu vuoi essere come lui”, in tutte le sue virtù maschili. Per coloro che preferiscono mantenere la loro vita devozionale il più semplice possibile, l’autore commenta che farà una semplice preghiera di incarico, oppure può seguire un programma di preparazione alla consacrazione formale. Lui stesso ha scelto di emulare il metodo di 33 giorni di St Louis de Montfort.

Il libro di Calloway è diviso in tre parti. La parte I descrive la preparazione di 33 giorni. La parte II contiene “Le meraviglie di San Giuseppe” e la parte III elenca le preghiere per lui.

La parte I esamina tutte le sante sfaccettature del personaggio di San Giuseppe, con citazioni delle Scritture e dei santi. Alcuni di questi, come “Guardiano della Vergine”, saranno familiari; altri, come “Terror of Demons” potrebbero essere nuovi. Don Calloway ci ricorda che Satana è reale, insieme agli spiriti maligni: “In tempi di paura, oppressione, pericolo mortale ed estrema tentazione” dovremmo invocare l’aiuto di San Giuseppe: “Combatterà per te”.

La parte II include molte testimonianze di santi come André Bessette, San Giovanni Paolo II e Josemaría Escrivá per illustrare quanto la devozione a San Giuseppe fosse importante nel loro progresso spirituale.

Sul retro del libro, padre Calloway include opere d’arte che ha commissionato a San Giuseppe. Di questi, quello che mi piace di più è l’icona di un artista sconosciuto. Questo perché riflette la qualità orante e senza età dell’iconografia, in contrasto con le altre opere che tendono allo stile pio, un po ‘sentimentalizzato delle popolari illustrazioni religiose, comuni alle immagini sacre.

L’importante per i cattolici, che scelgano o meno di fare la consacrazione a San Giuseppe, è imparare di più su questo più grande dei santi, nominato da Dio come nostro guardiano e protettore come lo era per la Madonna e Gesù.

La perversione: attribuita alla Chiesa Cattolica

La perversione: attribuita alla Chiesa Cattolica

La croce: simbolo religioso della cristianità

La croce: simbolo religioso della cristianità

Il mese di marzo è dedicato a San Giuseppe

Il mese di marzo è dedicato a San Giuseppe

Il buddismo alla luce della nostra fede cattolica

Il buddismo alla luce della nostra fede cattolica

I pettegolezzi sono un peccato?

I pettegolezzi sono un peccato?

Chiesa: la verginità consacrata

Chiesa: la verginità consacrata

Santa Faustina ci dice come pregare per gli altri

Santa Faustina ci dice come pregare per gli altri