San Leone Magno, Santo del giorno per il 10 novembre

Santo del giorno per il 10 novembre
(m. 10 novembre 461)

La storia di San Leone Magno

Con un’apparente forte convinzione dell’importanza del vescovo di Roma nella Chiesa e della Chiesa come segno continuo della presenza di Cristo nel mondo, Leone Magno mostrò una dedizione infinita come papa. Eletto nel 440, ha lavorato instancabilmente come “successore di Pietro”, guidando i suoi confratelli vescovi come “uguali nell’episcopato e nelle infermità”.

Leone è conosciuto come uno dei migliori papi amministrativi della Chiesa antica. Il suo lavoro si è ramificato in quattro aree principali, indicative della sua nozione di responsabilità totale del papa per il gregge di Cristo. Ha lavorato a lungo per controllare le eresie del pelagianesimo – enfatizzando eccessivamente la libertà umana – il manicheismo – vedendo tutto ciò che è materiale come un male – e altri, ponendo richieste ai loro seguaci in modo da garantire le vere credenze cristiane.

Una seconda grande area della sua preoccupazione era la controversia dottrinale nella Chiesa in Oriente, alla quale ha risposto con una classica lettera che enunciava l’insegnamento della Chiesa sulle due nature di Cristo. Con forte fede guidò anche la difesa di Roma contro l’attacco dei barbari, assumendo il ruolo di pacificatore.

In queste tre aree, il lavoro di Leo è stato molto apprezzato. La sua crescita alla santità ha le sue basi nella profondità spirituale con cui si è avvicinato alla cura pastorale del suo popolo, che era il quarto fulcro del suo lavoro. È noto per i suoi sermoni spiritualmente profondi. Strumento della chiamata alla santità, esperto nella Scrittura e nella consapevolezza ecclesiastica, Leone ha avuto la capacità di raggiungere i bisogni e gli interessi quotidiani del suo popolo. Uno dei suoi sermoni è usato nell’Ufficio delle Letture a Natale.

Di Leone si dice che il suo vero significato risiede nella sua insistenza dottrinale sui misteri di Cristo e della Chiesa e nei carismi soprannaturali della vita spirituale donata all’umanità in Cristo e nel suo Corpo, la Chiesa. Così Leone riteneva fermamente che tutto ciò che faceva e diceva come papa per l’amministrazione della Chiesa rappresentava Cristo, il capo del Corpo mistico, e San Pietro, al posto del quale Leone agiva.

Riflessione

In un momento in cui c’è una critica diffusa alle strutture della Chiesa, sentiamo anche critiche secondo cui vescovi e sacerdoti – anzi, tutti noi – siamo troppo preoccupati per l’amministrazione delle questioni temporali. Papa Leone è un esempio di un grande amministratore che ha usato i suoi talenti in aree in cui spirito e struttura sono inscindibilmente combinati: dottrina, pace e cura pastorale. Ha evitato un “angelismo” che cerca di vivere senza il corpo, così come la “praticità” che si occupa solo di esterni.

Fede Cristiana: Che cos'è il perdono?

Fede Cristiana: Che cos'è il perdono?

Chiesa: i sogni non sono premonitori

Chiesa: i sogni non sono premonitori

Come posso ottenere risposta alle mie preghiere?

Come posso ottenere risposta alle mie preghiere?

La perversione: attribuita alla Chiesa Cattolica

La perversione: attribuita alla Chiesa Cattolica

La croce: simbolo religioso della cristianità

La croce: simbolo religioso della cristianità

Il mese di marzo è dedicato a San Giuseppe

Il mese di marzo è dedicato a San Giuseppe

Chiesa: differenza tra madrina e comare di fazzoletto

Chiesa: differenza tra madrina e comare di fazzoletto