San Martino di Tours, Santo del giorno per l’11 novembre

Santo del giorno per l’11 novembre
(c. 316 – 8 novembre 397)
Storia di San Martino di Tours

Un obiettore di coscienza che voleva essere un monaco; un monaco che è stato manovrato per diventare vescovo; un vescovo che combatteva il paganesimo e implorava misericordia agli eretici: tale era Martino di Tours, uno dei santi più popolari e uno dei primi a non essere un martire.

Nato da genitori pagani nell’attuale Ungheria e cresciuto in Italia, questo figlio di un veterano fu costretto all’età di 15 anni a prestare servizio nell’esercito. Martin è diventato un catecumeno cristiano e si è battezzato quando aveva 18 anni. Si diceva che vivesse più come un monaco che come un soldato. A 23 anni ha rifiutato un bonus di guerra e ha detto al suo comandante: “Ti ho servito come soldato; ora permettimi di servire Cristo. Dai la ricompensa a coloro che combatteranno. Ma io sono un soldato di Cristo e non mi è lecito combattere “. Dopo grandi difficoltà, fu dimesso e andò a essere un discepolo di Ilario di Poitiers.

Fu ordinato esorcista e lavorò con grande zelo contro gli ariani. Martino divenne monaco, vivendo prima a Milano e poi su una piccola isola. Quando Ilario fu riportato alla sua sede dopo il suo esilio, Martin tornò in Francia e fondò quello che potrebbe essere stato il primo monastero francese vicino a Poitiers. Ha vissuto lì per 10 anni, formando i suoi discepoli e predicando in tutta la campagna.

La gente di Tours ha chiesto che diventasse il loro vescovo. Martin fu attirato in quella città da uno stratagemma – il bisogno di un malato – e fu portato in chiesa, dove con riluttanza si lasciò consacrare vescovo. Alcuni dei vescovi consacratori pensavano che il suo aspetto arruffato e i capelli arruffati indicavano che non era abbastanza dignitoso per l’ufficio.

Insieme a Sant’Ambrogio, Martino respinse il principio del vescovo Ithacius di mettere a morte gli eretici, così come l’intrusione dell’imperatore in tali questioni. Convinse l’imperatore a risparmiare la vita dell’eretico Priscilliano. Per i suoi sforzi, Martin fu accusato della stessa eresia e Priscillian fu giustiziato dopotutto. Martin ha quindi chiesto la cessazione della persecuzione dei seguaci di Priscillian in Spagna. Sentiva ancora di poter collaborare con Ithacius in altre aree, ma in seguito la sua coscienza lo turbò per questa decisione.

Con l’avvicinarsi della morte, i seguaci di Martin lo pregarono di non lasciarli. Pregò: “Signore, se il tuo popolo ha ancora bisogno di me, non rifiuto il lavoro. La tua volontà sia fatta. “

Riflessione

La preoccupazione di Martin per la cooperazione con il male ci ricorda che quasi nulla è tutto nero o tutto bianco. I santi non sono creature di un altro mondo: affrontano le stesse decisioni sconcertanti che facciamo noi. Ogni decisione di coscienza comporta sempre qualche rischio. Se scegliamo di andare a nord, potremmo non sapere mai cosa sarebbe successo se fossimo andati a est, ovest o sud. Un ritiro iper-cauto da tutte le situazioni sconcertanti non è la virtù della prudenza; è infatti una pessima decisione, perché “non decidere è decidere”.

Discussione del giorno "sesso prima del matrimonio"

Discussione del giorno "sesso prima del matrimonio"

Chiesa: differenza tra madrina e comare di fazzoletto

Chiesa: differenza tra madrina e comare di fazzoletto

l'incesto: perché la chiesa lo condanna?

l'incesto: perché la chiesa lo condanna?

3 cose da fare per avere un rapporto con Dio

3 cose da fare per avere un rapporto con Dio

Santa Faustina ci dice come pregare per gli altri

Santa Faustina ci dice come pregare per gli altri

Incenso: significato religioso e non solo

Incenso: significato religioso e non solo

Capitolo 1: Decisioni e risoluzioni di vita

Capitolo 1: Decisioni e risoluzioni di vita