Santa Elisabetta d’Ungheria,Santo del giorno per il 17 novembre

Santo del giorno per il 17 novembre
(1207-17 novembre 1231)

Storia di Santa Elisabetta d’Ungheria

Nella sua breve vita, Elisabetta ha manifestato un amore così grande per i poveri e i sofferenti che è diventata la patrona degli enti di beneficenza cattolici e dell’Ordine Francescano Secolare. Figlia del re d’Ungheria, Elisabetta scelse una vita di penitenza e ascetismo quando una vita di svago e lusso avrebbe potuto facilmente essere la sua. Questa scelta l’ha resa cara nei cuori della gente comune in tutta Europa.

All’età di 14 anni, Elisabetta era sposata con Luigi di Turingia, che amava profondamente. Ha dato alla luce tre figli. Sotto la direzione spirituale di un frate francescano, ha condotto una vita di preghiera, sacrificio e servizio ai poveri e ai malati. Cercando di diventare tutt’uno con i poveri, indossava abiti semplici. Ogni giorno portava il pane a centinaia dei più poveri del paese che venivano alla sua porta.

Dopo sei anni di matrimonio, suo marito morì durante le Crociate ed Elisabetta fu addolorata. La famiglia di suo marito la considerava come uno sperpero della borsa reale e la maltrattò, gettandola finalmente fuori dal palazzo. Il ritorno degli alleati di suo marito dalle Crociate portò alla sua reintegrazione, poiché suo figlio era legittimo erede al trono.

Nel 1228 Elisabetta entrò a far parte dell’Ordine Francescano Secolare, trascorrendo gli ultimi anni della sua vita a prendersi cura dei poveri in un ospedale da lei fondato in onore di San Francesco d’Assisi. La salute di Elisabetta peggiorò e morì prima del suo 24 ° compleanno nel 1231. La sua grande popolarità portò alla sua canonizzazione quattro anni dopo.

Riflessione

Elisabetta capì bene la lezione che Gesù insegnò quando lavò i piedi ai suoi discepoli durante l’Ultima Cena: Il cristiano deve essere uno che serve i bisogni più umili degli altri, anche se serve da una posizione elevata. Di sangue reale, Elisabetta avrebbe potuto signoreggiare sui suoi sudditi. Eppure li ha serviti con un cuore così amorevole che la sua breve vita le ha fatto guadagnare un posto speciale nel cuore di molti. Elisabetta è anche un esempio per noi in lei che segue la guida di un direttore spirituale. La crescita nella vita spirituale è un processo difficile. Possiamo giocare molto facilmente se non abbiamo qualcuno che ci sfidi.

La straordinaria storia di una donna che si è nutrita di sola Eucaristia per tutta la vita

La straordinaria storia di una donna che si è nutrita di sola Eucaristia per tutta la vita

Santo del giorno per il 23 gennaio: la storia di Santa Marianne Cope

Santo del giorno per il 23 gennaio: la storia di Santa Marianne Cope

Santo del giorno per il 22 gennaio: la storia di San Vincenzo di Saragozza

Santo del giorno per il 22 gennaio: la storia di San Vincenzo di Saragozza

Il vangelo del giorno 22 Gennaio 2021 con il commento di papa Francesco

Il vangelo del giorno 22 Gennaio 2021 con il commento di papa Francesco

Rifletti, oggi, su quanto sia risoluta la tua devozione al nostro Signore

Rifletti, oggi, su quanto sia risoluta la tua devozione al nostro Signore

Santo del giorno per il 21 gennaio: storia di Sant'Agnese

Santo del giorno per il 21 gennaio: storia di Sant'Agnese

Santo del giorno il 19 Gennaio: la storia di San Fabiano

Santo del giorno il 19 Gennaio: la storia di San Fabiano