santi cirillo e metodio

Santo del giorno per il 14 febbraio: storia dei santi Cirillo e Metodio

Poiché il loro padre era un ufficiale in una parte della Grecia abitata da molti slavi, questi due fratelli greci alla fine divennero missionari, insegnanti e patroni dei popoli slavi. Dopo un brillante corso di studi, Cirillo (chiamato Costantino fino a quando non divenne monaco poco prima della sua morte) rifiutò il governatorato di un distretto come suo fratello aveva accettato tra la popolazione di lingua slava. Cirillo si ritirò in un monastero dove suo fratello Metodio era diventato monaco dopo alcuni anni in un incarico governativo. Un cambiamento decisivo nella loro vita avvenne quando il Duca di Moravia chiese all’Imperatore Michele d’Oriente l’indipendenza politica dal dominio tedesco e l’autonomia ecclesiastica (avendo il proprio clero e liturgia). Cirillo e Metodio intrapresero il compito missionario. Il primo lavoro di Cirillo fu quello di inventare un alfabeto, ancora usato in alcune liturgie orientali. I suoi seguaci probabilmente formavano l’alfabeto cirillico. Insieme tradussero in slavo i Vangeli, il salterio, le lettere di Paolo e i libri liturgici, e componevano una liturgia slava, allora molto irregolare. Questo e il loro libero uso del volgare nella predicazione portarono all’opposizione del clero tedesco. Il vescovo si rifiutò di consacrare vescovi e sacerdoti slavi e Cirillo fu costretto a fare appello a Roma. Durante la visita a Roma, lui e Metodio hanno avuto la gioia di vedere la loro nuova liturgia approvata da Papa Adriano II. Cirillo, da tempo invalido, morì a Roma 50 giorni dopo aver preso l’abito monastico. Metodio continuò il lavoro di missione per altri 16 anni. Fu legato pontificio per tutti i popoli slavi, consacrò vescovo e poi gli fu assegnata un’antica sede (ora nella Repubblica Ceca). Quando gran parte del loro ex territorio fu rimosso dalla loro giurisdizione, i vescovi bavaresi si vendicarono con una violenta tempesta di accuse contro Metodio. Di conseguenza, l’imperatore Ludovico il tedesco esiliato Metodio per tre anni. Papa Giovanni VIII ha ottenuto la sua liberazione.

Poiché il clero franco, ancora irritato, continuava le sue accuse, Metodio dovette recarsi a Roma per difendersi dalle accuse di eresia e sostenere il suo uso della liturgia slava. È stato nuovamente rivendicato. La leggenda narra che in un periodo febbrile di attività, Metodio tradusse l’intera Bibbia in slavo in otto mesi. È morto il martedì della Settimana Santa, circondato dai suoi discepoli, nella sua chiesa cattedrale. L’opposizione continuò dopo la sua morte e l’opera dei fratelli in Moravia terminò ei loro discepoli furono dispersi. Ma le espulsioni hanno avuto il benefico effetto di diffondere il lavoro spirituale, liturgico e culturale dei frati in Bulgaria, Boemia e Polonia meridionale. I patroni della Moravia, e particolarmente venerati dai cattolici cechi, slovacchi, croati, serbi ortodossi e bulgari, Cirillo e Metodio sono eminentemente adatti a custodire l’unità tanto desiderata tra Oriente e Occidente. Nel 1980, Papa Giovanni Paolo II li nominò ulteriori compatroni d’Europa (con Benedetto). Riflessione: santità significa reagire alla vita umana con l’amore di Dio: la vita umana così com’è, incrociata con il politico e il culturale, il bello e il brutto, l’egoista e il santo. Per Cirillo e Metodio gran parte della loro croce quotidiana aveva a che fare con il linguaggio della liturgia. Non sono santi perché hanno convertito la liturgia in slavo, ma perché lo hanno fatto con il coraggio e l’umiltà di Cristo.

29 aprile Caterina da Siena chi è oggi

29 aprile Caterina da Siena chi è oggi

San Turibio di Mogrovejo, santo del giorno

San Turibio di Mogrovejo, santo del giorno

Beato Giovanni da Parma: il santo del giorno

Beato Giovanni da Parma: il santo del giorno

Santo del giorno: San Salvatore di Horta

Santo del giorno: San Salvatore di Horta

Santo del giorno: San Giuseppe, sposo di Maria

Santo del giorno: San Giuseppe, sposo di Maria

San Cirillo di Gerusalemme, santo del giorno

San Cirillo di Gerusalemme, santo del giorno

Santo del giorno: San Leandro di Siviglia

Santo del giorno: San Leandro di Siviglia