Santo del giorno per il 18 gennaio: storia di San Carlo da Sezze

(19 ottobre 1613-6 gennaio 1670)

Charles pensava che Dio lo stesse chiamando ad essere un missionario in India, ma non ci è mai arrivato. Dio aveva qualcosa di meglio per questo successore del 17 ° secolo al fratello Juniper.

Nato a Sezze, a sud-est di Roma, Charles è stato ispirato dalle vite di Salvator Horta e Paschal Baylon per diventare un francescano; lo fece nel 1635. Charles ci dice nella sua autobiografia: “Nostro Signore mise nel mio cuore la determinazione a diventare un fratello laico con un grande desiderio di essere povero e di chiedere l’elemosina per il suo amore”.

Carlo servì come cuoco, facchino, sacrestano, giardiniere e mendicante in vari conventi in Italia. In un certo senso, era “un incidente in attesa di accadere”. Una volta ha acceso un enorme incendio in cucina quando l’olio in cui stava friggendo le cipolle ha preso fuoco.

Una storia mostra quanto Carlo abbia adottato lo spirito di San Francesco. Il superiore ordinò a Carlo, allora facchino, di dare da mangiare solo ai frati viaggianti che si presentavano alla porta. Charles obbedì a questa direzione; contemporaneamente diminuiva l’elemosina ai frati. Charles convinse il superiore che i due fatti erano collegati. Quando i frati ripresero a dare i beni a quanti chiedevano alla porta, aumentarono anche le elemosine ai frati.

Sotto la direzione del suo confessore, Charles scrisse la sua autobiografia, The Grandeurs of the Mercies of God . Ha anche scritto molti altri libri spirituali. Ha fatto buon uso dei suoi vari direttori spirituali nel corso degli anni; lo aiutarono a discernere quali delle idee o ambizioni di Carlo provenivano da Dio. Lo stesso Carlo fu ricercato per un consiglio spirituale. Il papa morente Clemente IX chiamò Carlo al suo capezzale per una benedizione.

Carlo aveva un fermo senso della provvidenza di Dio. Padre Severino Gori ha detto: “Con la parola e con l’esempio ha ricordato in tutti la necessità di perseguire solo ciò che è eterno” (Leonard Perotti, San Carlo di Sezze: Un’autobiografia , p. 215).

Morì a San Francesco a Ripa a Roma e vi fu sepolto. Papa Giovanni XXIII lo canonizzò nel 1959.

Riflessione

Il dramma nella vita dei santi è soprattutto interiore. La vita di Carlo fu spettacolare solo nella sua collaborazione con la grazia di Dio. Era affascinato dalla maestà di Dio e dalla grande misericordia verso tutti noi.

5 lezioni di vita da imparare da Gesù

5 lezioni di vita da imparare da Gesù

Quali sono i simboli dell'Eucaristia? il loro significato?

Quali sono i simboli dell'Eucaristia? il loro significato?

Cosa dice la Bibbia sul perdono dell'adulterio?

Cosa dice la Bibbia sul perdono dell'adulterio?

Fede Cristiana: Che cos'è il perdono?

Fede Cristiana: Che cos'è il perdono?

Chiesa: i sogni non sono premonitori

Chiesa: i sogni non sono premonitori

Come posso ottenere risposta alle mie preghiere?

Come posso ottenere risposta alle mie preghiere?

I pettegolezzi sono un peccato?

I pettegolezzi sono un peccato?