Santo del giorno per il 24 novembre: la storia di Saint Andrew Dung-Lac e dei compagni

Santo del giorno per il 24 novembre
(1791-21 dicembre 1839; Companions m. 1820-1862)

la storia di Saint Andrew Dung-Lac e dei compagni

Andrew Dung-Lac, un cattolico convertito ordinato al sacerdozio, fu una delle 117 persone martirizzate in Vietnam tra il 1820 e il 1862. I membri del gruppo dei compagni diedero la vita per Cristo nei secoli XVII, XVIII e XIX e ricevettero la beatificazione durante quattro diverse occasioni tra il 1900 e il 1951. Tutte furono canonizzate durante il pontificato di san Giovanni Paolo II.

Il cristianesimo è arrivato in Vietnam attraverso i portoghesi. I gesuiti aprirono la prima missione permanente a Da Nang nel 1615. Essi prestarono servizio presso i cattolici giapponesi che erano stati cacciati dal Giappone.

Gravi persecuzioni furono lanciate almeno tre volte nel XIX secolo. Durante i sei decenni successivi al 1820, tra 100.000 e 300.000 cattolici furono uccisi o furono sottoposti a grandi difficoltà. I missionari stranieri martirizzati nella prima ondata includevano sacerdoti della Società Missionaria di Parigi e sacerdoti e terziari domenicani spagnoli.

Nel 1832, l’imperatore Minh-Mang bandì tutti i missionari stranieri e cercò di indurre tutti i vietnamiti a negare la loro fede calpestando un crocifisso. Come i preti in Irlanda durante la persecuzione inglese, molti nascondigli furono offerti nelle case dei fedeli.

La persecuzione scoppiò di nuovo nel 1847, quando l’imperatore sospettò che missionari stranieri e cristiani vietnamiti simpatizzassero con una ribellione guidata da uno dei suoi figli.

Gli ultimi martiri furono 17 laici, di cui uno di 9 anni, giustiziato nel 1862. Quell’anno un trattato con la Francia garantì la libertà religiosa ai cattolici, ma non fermò tutte le persecuzioni.

Nel 1954 c’erano oltre un milione di cattolici, circa il sette per cento della popolazione, nel nord. I buddisti rappresentavano circa il 60 per cento. La persecuzione persistente ha costretto circa 670.000 cattolici ad abbandonare terre, case e possedimenti e fuggire nel sud. Nel 1964 c’erano ancora 833.000 cattolici nel nord, ma molti erano in prigione. Nel sud, i cattolici stavano godendo del primo decennio di libertà religiosa da secoli, il loro numero aumentava di profughi.

Durante la guerra vietnamita, i cattolici hanno nuovamente sofferto nel nord e si sono trasferiti di nuovo in gran numero al sud. Ora riunito, l’intero paese è sotto il dominio comunista.

Riflessione

Può aiutare un popolo che associa il Vietnam solo a una guerra del XX secolo a rendersi conto che la croce è stata a lungo una parte della vita della gente di quel paese. Anche se alcune persone pongono nuovamente le domande senza risposta sul coinvolgimento e il disimpegno degli Stati Uniti, la fede radicata nel suolo del Vietnam si rivela più duro delle forze che hanno voluto distruggerlo.

La perversione: attribuita alla Chiesa Cattolica

La perversione: attribuita alla Chiesa Cattolica

La croce: simbolo religioso della cristianità

La croce: simbolo religioso della cristianità

Il mese di marzo è dedicato a San Giuseppe

Il mese di marzo è dedicato a San Giuseppe

Il buddismo alla luce della nostra fede cattolica

Il buddismo alla luce della nostra fede cattolica

I pettegolezzi sono un peccato?

I pettegolezzi sono un peccato?

Chiesa: la verginità consacrata

Chiesa: la verginità consacrata

Santa Faustina ci dice come pregare per gli altri

Santa Faustina ci dice come pregare per gli altri