Santo del giorno per il 7 gennaio: la storia di San Raimondo di Peñafort

Santo del giorno per il 7 gennaio
(1175-6 gennaio 1275)

La storia di San Raimondo di Peñafort

Poiché Raymond ha vissuto fino al centesimo anno, ha avuto la possibilità di fare molte cose. Come membro della nobiltà spagnola, aveva le risorse e l’istruzione per iniziare bene la vita.

All’età di 20 anni insegnava filosofia. Poco più che trentenne ha conseguito un dottorato sia in diritto canonico che in diritto civile. A 41 anni diventa domenicano. Papa Gregorio IX lo chiamò a Roma per lavorare per lui e per essere il suo confessore. Una delle cose che il papa gli ha chiesto di fare è stata di raccogliere tutti i decreti dei papi e dei concili che erano stati fatti in 80 anni da una raccolta simile di Graziano. Raymond ha compilato cinque libri chiamati Decretals . Fino alla codificazione del diritto canonico del 1917 erano considerati una delle raccolte meglio organizzate di diritto della Chiesa.

In precedenza, Raymond aveva scritto per i confessori un libro di casi. Si chiamava Summa de Casibus Poenitentiae . Più che un semplice elenco di peccati e penitenze, ha discusso le dottrine e le leggi della Chiesa pertinenti che riguardavano il problema o il caso portato al confessore.

All’età di 60 anni, Raimondo fu nominato arcivescovo di Tarragona, la capitale dell’Aragona. Non gli piaceva affatto l’onore e finì per ammalarsi e dimettersi in due anni.

Non riuscì a godere a lungo della sua pace, però, perché a 63 anni fu eletto dai suoi concittadini domenicani a capo dell’intero Ordine, il successore di San Domenico. Raimondo lavorò sodo, visitò a piedi tutti i domenicani, riorganizzò le loro costituzioni e riuscì a far passare una disposizione che consentisse a un comandante generale di dimettersi. Quando le nuove costituzioni furono accettate, Raymond, allora 65enne, si dimise.

Aveva ancora 35 anni per opporsi all’eresia e lavorare per la conversione dei Mori in Spagna. Convinse San Tommaso d’Aquino a scrivere la sua opera Contro i Gentili .

Nel suo centesimo anno, il Signore lasciò Raymond andare in pensione.

Riflessione

Raymond era un avvocato, un canonista. Il legalismo può risucchiare la vita dalla religione genuina se diventa una preoccupazione troppo grande per la lettera della legge per trascurare lo spirito e lo scopo della legge. La legge può diventare fine a se stessa, in modo che il valore che la legge intendeva promuovere venga trascurato. Ma dobbiamo stare attenti a non andare all’estremo opposto e vedere la legge come inutile o qualcosa da considerare con leggerezza. Le leggi stabiliscono idealmente quelle cose che sono per il miglior interesse di tutti e assicurano che i diritti di tutti siano salvaguardati. Da Raymond possiamo imparare il rispetto della legge come mezzo per servire il bene comune.

San Raimondo di Peñafort è il patrono di:

Avvocati

Cosa insegnò Gesù Cristo sulla preghiera

Cosa insegnò Gesù Cristo sulla preghiera

Cosa rappresentano i fiori per la Chiesa?

Cosa rappresentano i fiori per la Chiesa?

3 versetti che non troverai nella tua Bibbia

3 versetti che non troverai nella tua Bibbia

Perché i sacerdoti vestono sempre di nero?

Perché i sacerdoti vestono sempre di nero?

5 lezioni di vita da imparare da Gesù

5 lezioni di vita da imparare da Gesù

Quali sono i simboli dell'Eucaristia? il loro significato?

Quali sono i simboli dell'Eucaristia? il loro significato?

La perversione: attribuita alla Chiesa Cattolica

La perversione: attribuita alla Chiesa Cattolica