Santo del giorno per l’8 gennaio: la storia di Sant’Angela da Foligno

(1248-4 gennaio 1309)

La storia di Sant’Angela da Foligno

Alcuni santi mostrano segni di santità molto presto. Non Angela! Nata da una famiglia importante a Foligno, in Italia, si è immersa nella ricerca della ricchezza e della posizione sociale. Come moglie e madre, ha continuato questa vita di distrazione.

Intorno ai 40 anni, ha riconosciuto il vuoto della sua vita e ha cercato l’aiuto di Dio nel Sacramento della Penitenza. Il suo confessore francescano ha aiutato Angela a chiedere il perdono di Dio per la sua vita precedente ea dedicarsi alla preghiera e alle opere di carità.

Poco dopo la sua conversione, suo marito e i suoi figli morirono. Vendendo la maggior parte dei suoi beni, è entrata nell’Ordine Francescano Secolare. Era assorbita alternativamente dalla meditazione sul Cristo crocifisso e dal servizio ai poveri di Foligno come nutrice e mendicante per i loro bisogni. Altre donne si unirono a lei in una comunità religiosa.

Su consiglio del suo confessore, Angela scrisse il suo Libro di visioni e istruzioni . In essa ricorda alcune delle tentazioni subite dopo la sua conversione; esprime anche il suo ringraziamento a Dio per l’incarnazione di Gesù. Questo libro e la sua vita valsero ad Angela il titolo di “Insegnante di teologi”. Fu beatificata nel 1693 e canonizzata nel 2013.

Riflessione

Le persone che vivono oggi negli Stati Uniti possono comprendere la tentazione di Sant’Angela di aumentare il suo senso di autostima accumulando denaro, fama o potere. Sforzandosi di possedere sempre di più, è diventata sempre più egocentrica. Quando si rese conto di non avere prezzo perché creata e amata da Dio, divenne molto penitenziale e molto caritatevole con i poveri. Ciò che era sembrato sciocco all’inizio della sua vita ora divenne molto importante. Il percorso dello svuotamento di sé che ha seguito è il percorso che tutti i santi uomini e donne devono seguire. La festa liturgica di Sant’Angela da Foligno è il 7 gennaio.

La perversione: attribuita alla Chiesa Cattolica

La perversione: attribuita alla Chiesa Cattolica

La croce: simbolo religioso della cristianità

La croce: simbolo religioso della cristianità

Il mese di marzo è dedicato a San Giuseppe

Il mese di marzo è dedicato a San Giuseppe

Il buddismo alla luce della nostra fede cattolica

Il buddismo alla luce della nostra fede cattolica

I pettegolezzi sono un peccato?

I pettegolezzi sono un peccato?

Chiesa: la verginità consacrata

Chiesa: la verginità consacrata

Santa Faustina ci dice come pregare per gli altri

Santa Faustina ci dice come pregare per gli altri