Santo del giorno: Santi Perpetua e Felicità

Santo del giorno: Santi Perpetua e Felicità: “Quando mio padre nel suo affetto per me stava cercando di allontanarmi dal mio scopo con argomenti e quindi indebolire la mia fede, gli ho detto: ‘Vedi questo vaso, vaso d’acqua o qualunque cosa sia? Può essere chiamato con un nome diverso da quello che è? “No”, ha risposto. ‘Così anche io non posso chiamarmi con un nome diverso da quello che sono: un cristiano’ “.

Così scrive Perpetua: giovane, bella, colta, nobildonna di Cartagine in Nord Africa, madre di un figlio neonato e cronista della persecuzione dei cristiani da parte dell’imperatore Settimio Severo.

La madre di Perpetua era una cristiana e suo padre un pagano. La supplicava continuamente di negare la sua fede. Ha rifiutato ed è stata incarcerata a 22 anni.

Nel suo diario, Perpetua descrive il suo periodo di prigionia: “Che giornata di orrore! Calore terribile, a causa della folla! Trattamento duro da parte dei soldati! Per coronare il tutto, ero tormentato dall’ansia per il mio bambino…. Ho sofferto tali ansie per molti giorni, ma ho ottenuto il permesso per il mio bambino di rimanere in prigione con me, ed essendo sollevato dai miei problemi e dall’ansia per lui, ho subito recuperato la mia salute e la mia prigione è diventata un palazzo per me e Avrei preferito essere lì che altrove “.

Nonostante le minacce di persecuzione e morte, Perpetua, Felicita – una schiava e madre incinta – e tre compagni, Revocatus, Secundulus e Saturninus, si rifiutarono di rinunciare alla loro fede cristiana. Per la loro riluttanza, tutti furono mandati ai giochi pubblici nell’anfiteatro. Là Perpetua e Felicita furono decapitate e le altre uccise dalle bestie.

Santi Perpetua e Felicità

Felicita ha dato alla luce una bambina pochi giorni prima dell’inizio dei giochi. Il verbale del processo e della prigionia di Perpetua termina il giorno prima dei giochi. “Di ciò che è stato fatto nei giochi stessi, lascia che scriva chi lo farà.” Il diario è stato terminato da un testimone oculare.

Riflessione: La persecuzione per le credenze religiose non è limitata ai cristiani nei tempi antichi. Considera Anne Frank, la ragazza ebrea che con la sua famiglia fu costretta a nascondersi e in seguito morì a Bergen-Belsen, uno dei campi di sterminio di Hitler durante la seconda guerra mondiale. Anne, come Perpetua e Felicity, ha sopportato disagio e sofferenza e infine la morte perché si è impegnata con Dio. Nel suo diario, Anne scrive: “È due volte più difficile per noi giovani mantenere la nostra posizione e mantenere le nostre opinioni, in un momento in cui tutti gli ideali vengono infranti e distrutti, quando le persone mostrano il loro lato peggiore e non lo sanno. se credere nella verità e nel diritto e in Dio “.

2 dicembre, Santa Bibiana, storia e preghiera della martire

2 dicembre, Santa Bibiana, storia e preghiera della martire

1 dicembre, Beato Charles de Foucauld, la storia e la preghiera

1 dicembre, Beato Charles de Foucauld, la storia e la preghiera

Oggi 29 novembre celebriamo San Saturnino, storia e preghiera

Oggi 29 novembre celebriamo San Saturnino, storia e preghiera

Oggi, 26 novembre, preghiamo san Virgilio: la sua storia

Oggi, 26 novembre, preghiamo san Virgilio: la sua storia

La Santa del 25 novembre, Caterina D'Alessandria, origini e preghiera

La Santa del 25 novembre, Caterina D'Alessandria, origini e preghiera

Oggi 19 novembre preghiamo San Fausto, martire: la sua storia

Oggi 19 novembre preghiamo San Fausto, martire: la sua storia

Leonardo di Noblac, il Santo del 6 novembre, storia e preghiera

Leonardo di Noblac, il Santo del 6 novembre, storia e preghiera