Scopri Sant’Agostino: da peccatore a teologo Cristiano

Sant’Agostino, vescovo di Ippona nell’Africa settentrionale (dal 354 al 430 d.C.), fu una delle grandi menti della chiesa paleocristiana, un teologo le cui idee influenzarono per sempre sia i cattolici che i protestanti romani .

Ma Agostino non è venuto al cristianesimo da una strada semplice. In giovane età iniziò a cercare la verità nelle filosofie e nei culti popolari pagani dei suoi tempi. La sua giovane vita è stata anche segnata dall’immoralità. La storia della sua conversione , raccontata nel suo libro Confessioni , è una delle più grandi testimonianze cristiane di tutti i tempi.

Sentiero storto di Agostino
Agostino nacque nel 354 a Thagaste, nella provincia nordafricana di Numidia, oggi Algeria. Suo padre, Patrizio, era un pagano che lavorava e salvava in modo che suo figlio potesse ricevere una buona educazione. Monica, sua madre, era una cristiana impegnata che pregava costantemente per suo figlio.

Da una formazione di base nella sua città natale, Agostino ha iniziato a studiare letteratura classica, poi è andato a Cartagine per allenarsi in retorica, sponsorizzato da un benefattore di nome Rumeno. Una cattiva compagnia ha portato a cattivi comportamenti. Agostino prese un’amante e generò un figlio, Adeodatus, che morì nel 390 d.C.

Guidato dalla sua fame di saggezza, Agostino divenne un manicheo. Il manicheismo, fondato dal filosofo persiano Mani (dal 216 al 274 d.C.), insegnò il dualismo, una rigida divisione tra bene e male. Come lo gnosticismo , questa religione sosteneva che la conoscenza segreta fosse la via della salvezza . Tentò di combinare gli insegnamenti di Buddha , Zoroastro e Gesù Cristo .

Nel frattempo, Monica aveva pregato per la conversione di suo figlio. Ciò avvenne infine nel 387, quando Agostino fu battezzato da Ambrogio, vescovo di Milano, Italia. Agostino tornò nella sua città natale di Thagaste, fu ordinato sacerdote e pochi anni dopo fu nominato vescovo della città di Ippona.

Agostino possedeva un brillante intelletto ma manteneva una vita semplice, molto simile a un monaco . Incoraggiò i monasteri e gli eremiti all’interno del suo vescovato in Africa e accolse sempre i visitatori che potevano impegnarsi in conversazioni apprese. Ha funzionato più come un parroco che come un vescovo distaccato, ma per tutta la vita ha sempre scritto.

Scritto sui nostri cuori
Agostino insegnò che nell’Antico Testamento (Vecchia Alleanza), la legge era fuori di noi, scritta su tavolette di pietra, i Dieci Comandamenti . Quella legge non poteva comportare giustificazione , solo trasgressione.

Nel Nuovo Testamento, o Nuova Alleanza, la legge è scritta dentro di noi, nei nostri cuori, ha detto, e siamo resi giusti attraverso un’infusione della grazia di Dio e dell’amore agape .

Quella giustizia non viene dalle nostre stesse opere, tuttavia, ma è vinta per noi attraverso la morte espiatoria di Cristo sulla croce , la cui grazia ci viene attraverso lo Spirito Santo , attraverso la fede e il battesimo .

Agostino credeva che la grazia di Cristo non fosse accreditata sul nostro conto per risolvere il nostro peccato , ma piuttosto che ci aiuta a osservare la legge. Ci rendiamo conto che da soli non possiamo rispettare la legge, quindi siamo guidati a Cristo. Per grazia, non teniamo la legge per paura, come nell’Antica Alleanza, ma per amore, ha detto.

Nel corso della sua vita, Agostino scrisse della natura del peccato, della Trinità , del libero arbitrio e della natura peccaminosa dell’uomo, dei sacramenti e della provvidenza di Dio . Il suo pensiero era così profondo che molte delle sue idee hanno fornito le basi per la teologia cristiana per secoli a venire.

L’influenza di vasta portata di Agostino
Le due opere più conosciute di Agostino sono Confessioni e La città di Dio . In Confessions , racconta la storia della sua immoralità sessuale e la preoccupazione inesorabile di sua madre per la sua anima. Riassume il suo amore per Cristo, dicendo: “Quindi potrei smettere di essere miserabile in me stesso e trovare la felicità in te”.

La città di Dio , scritta verso la fine della vita di Agostino, fu in parte una difesa del cristianesimo nell’impero romano . L’imperatore Teodosio aveva fatto del cristianesimo trinitario la religione ufficiale dell’impero nel 390. Venti anni dopo, il barbaro Visigoto, guidato da Alarico I, saccheggiò Roma . Molti romani accusarono il cristianesimo, sostenendo che allontanarsi dagli antichi dei romani aveva causato la loro sconfitta. Il resto di City of God contrappone le città terrene e celesti.

Quando fu vescovo di Ippona, Sant’Agostino fondò monasteri per uomini e donne. Scrisse anche una regola, o un insieme di istruzioni, per il comportamento dei monaci e delle monache. Fu solo nel 1244 che un gruppo di monaci ed eremiti si unì in Italia e fu fondato l’Ordine di Sant’Agostino, usando quella regola.

Circa 270 anni dopo, un frate agostiniano, anch’egli studioso della Bibbia come Agostino, si ribellò a molte delle politiche e dottrine della chiesa cattolica romana. Si chiamava Martin Lutero e divenne una figura chiave nella Riforma protestante .

Risorse e ulteriori letture
Apologetica Cristiana e Ministero della Ricerca
Ordine di Sant’Agostino
Fordham University,
The Rule of St. Augustine
Il cristianesimo oggi
L’avvento
Confessioni , Sant’Agostino, Oxford University Press, traduzione e note di Henry Chadwick.

Articoli correlati