Кардинал Паролин подвлачи недавно ватиканско писмо из 1916. године у којем се осуђује антисемитизам

Il Segretario di Stato vaticano ha affermato giovedì che “una memoria comune viva e fedele” è uno strumento indispensabile per combattere l’antisemitismo.

“Negli ultimi anni abbiamo assistito al diffondersi di un clima di malvagità e antagonismo, in cui l’odio antisemita si è manifestato attraverso numerosi attacchi in vari Paesi. La Santa Sede condanna ogni forma di antisemitismo, ricordando che tali atti non sono né cristiani né umani ”, ha detto il cardinale Pietro Parolin in un simposio virtuale il 19 novembre.

Intervenendo all’evento virtuale “Never Again: Confronting the Global Rise of Antisemitism” organizzato dall’Ambasciata degli Stati Uniti presso la Santa Sede, il cardinale ha sottolineato l’importanza del senso della storia nella lotta all’antisemitismo.

“In questo contesto, è particolarmente interessante considerare quanto solo di recente è stato rinvenuto nell’Archivio Storico della Sezione per i Rapporti con gli Stati della Segreteria di Stato. Vorrei condividere con voi un piccolo esempio che è particolarmente memorabile per la Chiesa cattolica ”, ha detto.

“Il 9 febbraio 1916, il mio predecessore, il cardinale Pietro Gasparri, segretario di Stato, scrisse una lettera all’American Jewish Committee di New York, dove afferma: ‘Il Sommo Pontefice […], capo della Chiesa cattolica, che – – fedele alla sua dottrina divina e alle sue tradizioni più gloriose – considera tutti gli uomini come fratelli e insegna ad amarsi gli uni gli altri, non cesserà di inculcare l’osservanza tra gli individui, come tra le nazioni, dei principi del diritto naturale, e di rimproverare ogni loro violazione. Questo diritto dovrebbe essere osservato e rispettato in relazione ai figli di Israele come dovrebbe essere come per tutti gli uomini, poiché non sarebbe conforme alla giustizia e alla religione stessa derogarvi solo a causa di una differenza di fede religiosa “.

La lettera è stata scritta in risposta alla richiesta dell’American Jewish Committee il 30 dicembre 1915, chiedendo a Papa Benedetto XV di fare una dichiarazione ufficiale “a nome dell’orrore, delle crudeltà e delle difficoltà subite dagli ebrei nei paesi belligeranti dallo scoppio del Prima guerra mondiale.”

Parolin ha ricordato che l’American Jewish Committee ha accolto con favore questa risposta, scrivendo sull’American Hebrew and Jewish Messenger che si trattava di “virtualmente un’enciclica” e “tra tutte le bolle papali mai emesse nei confronti degli ebrei nel corso della storia del Vaticano, dichiarazione che eguaglia questo appello diretto e inconfondibile per l’uguaglianza per gli ebrei e contro i pregiudizi su basi religiose. […] È gratificante che si sia levata una voce così potente, una forza così influente, in particolare nelle regioni in cui si sta verificando la tragedia ebraica, chiedendo l’uguaglianza e la legge dell’amore. È destinato ad avere un effetto benefico di vasta portata. “

Parolin ha detto che questa corrispondenza era solo “un piccolo esempio … una piccola goccia in un oceano di acque torbide – mostrando come non ci siano basi per discriminare qualcuno a causa della fede”.

Il cardinale ha aggiunto che la Santa Sede considera il dialogo interreligioso un mezzo importante per contrastare l’antisemitismo oggi.

Secondo i dati pubblicati all’inizio di questa settimana dall’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE), in Europa sono stati commessi più di 1.700 crimini d’odio antisemiti nel 2019. Gli incidenti includevano omicidio, tentato incendio doloso, graffiti sulle sinagoghe, aggressioni a persone che indossavano abiti religiosi e la profanazione di tombe.

L’OSCE ha anche pubblicato dati che documentano 577 crimini ispirati dall’odio guidati da un pregiudizio contro i cristiani e 511 da un pregiudizio contro i musulmani nel 2019.

“Il riemergere dell’odio contro gli ebrei, insieme ad altre forme di persecuzione contro cristiani, musulmani e membri di altre religioni, deve essere analizzato alla radice”, ha detto il cardinale Parolin.

“Nella lettera enciclica ‘ Fratelli tutti ‘, Sua Santità Papa Francesco ha offerto una serie di considerazioni e modi tangibili su come costruire un mondo più giusto e fraterno, nella vita sociale, nella politica e nelle istituzioni”, ha detto.

Il cardinale Parolin ha fornito le osservazioni conclusive del simposio. Altri oratori includevano il rabbino Dr.David Meyer, docente di letteratura rabbinica e pensiero ebraico contemporaneo presso il Cardinal Bea Center for Judaic Studies presso la Pontificia Università Gregoriana di Roma, e la dott.ssa Suzanne Brown-Fleming del Museo Memoriale dell’Olocausto degli Stati Uniti.

L’ambasciatore statunitense Callista Gingrich ha affermato che gli incidenti antisemiti sono saliti a “livelli quasi storici” negli Stati Uniti, sottolineando che “questo è inconcepibile”.

“Il governo degli Stati Uniti sta anche facendo pressioni su altri governi per fornire un’adeguata sicurezza alle loro popolazioni ebraiche e sta sostenendo l’indagine, il perseguimento e la punizione dei crimini d’odio”, ha detto.

“Attualmente, il nostro governo collabora con l’Unione europea, l’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa, l’Alleanza internazionale per la memoria dell’Olocausto e altre organizzazioni internazionali per affrontare e combattere l’antisemitismo”.

“Anche le comunità di fede, attraverso partenariati, coalizioni, dialogo e rispetto reciproco, hanno un ruolo importante da svolgere”.

Папин милостиња монс. Крајевски нас позива да се сетимо сиромашних током ватрених вакцинација

Папин милостиња монс. Крајевски нас позива да се сетимо сиромашних током ватрених вакцинација

Два Италијана двадесетог века напредују на путу ка светости

Два Италијана двадесетог века напредују на путу ка светости

Папа Фрањо честита фудбалској репрезентацији Ла Специја победу против Роме

Папа Фрањо честита фудбалској репрезентацији Ла Специја победу против Роме

Папа Фрања венецуеланском свештенству: служити са 'радошћу и одлучношћу' усред пандемије

Папа Фрања венецуеланском свештенству: служити са 'радошћу и одлучношћу' усред пандемије

У другом таласу коронавируса у Италији умрла су 43 католичка свештеника

У другом таласу коронавируса у Италији умрла су 43 католичка свештеника

Католички свештеник у Нигерији пронађен мртав након отмице

Католички свештеник у Нигерији пронађен мртав након отмице

„Речи могу бити пољупци“, али и „мачеви“, пише тата у новој књизи

„Речи могу бити пољупци“, али и „мачеви“, пише тата у новој књизи