Папа Фрања о Христу Краљу: доношење избора размишљајући о вечности

La domenica di Cristo Re, Papa Francesco ha incoraggiato i cattolici a fare delle scelte pensando all’eternità, pensando non a ciò che vogliono fare, ma a ciò che è meglio fare.

“Questa è la scelta che dobbiamo fare ogni giorno: cosa mi sento di fare o cosa è meglio per me?” lo ha detto il papa il 22 novembre.

“Questo discernimento interiore può sfociare in scelte frivole o in decisioni che plasmano la nostra vita. Dipende da noi ”, ha detto nella sua omelia. “Guardiamo a Gesù e chiediamogli il coraggio di scegliere ciò che è meglio per noi, per permetterci di seguirlo sulla via dell’amore. E in questo modo per scoprire la gioia. “

Papa Francesco ha celebrato la messa nella Basilica di San Pietro per la solennità di Nostro Signore Gesù Cristo, Re dell’Universo. Al termine della messa, i giovani di Panama hanno consegnato la croce della Giornata Mondiale della Gioventù e l’icona mariana a una delegazione del Portogallo in vista del raduno internazionale del 2023 a Lisbona.

L’omelia del Papa nel giorno della festa ha riflettuto sulla lettura del Vangelo di san Matteo, in cui Gesù racconta ai suoi discepoli la seconda venuta, quando il Figlio dell’uomo separerà le pecore dai capri.

“All’ultimo giudizio, il Signore ci giudicherà sulle scelte che abbiamo fatto”, ha detto Francis. “Si limita a tirare fuori le conseguenze delle nostre scelte, le porta alla luce e le rispetta. La vita, veniamo a vedere, è un momento per fare scelte robuste, decisive ed eterne “.

Secondo il papa, diventiamo ciò che scegliamo: così, “se scegliamo di rubare, diventiamo ladri. Se scegliamo di pensare a noi stessi, diventiamo egocentrici. Se scegliamo di odiare, ci arrabbiamo. Se scegliamo di passare ore su un telefono cellulare, diventiamo dipendenti. “

“Tuttavia, se scegliamo Dio”, ha continuato, “ogni giorno cresciamo nel suo amore e se scegliamo di amare gli altri, troviamo la vera felicità. Perché la bellezza delle nostre scelte dipende dall’amore “.

“Gesù sa che se siamo egocentrici e indifferenti, restiamo paralizzati, ma se ci doniamo agli altri, diventiamo liberi. Il Signore della vita vuole che siamo pieni di vita e ci racconta il segreto della vita: arriviamo a possederlo solo dandolo via ”, ha sottolineato.

Francesco ha parlato anche delle opere di misericordia corporale, descritte da Gesù nel Vangelo.

“Se stai sognando la vera gloria, non la gloria di questo mondo che passa ma la gloria di Dio, questa è la strada da seguire”, ha detto. “Leggi il brano evangelico di oggi, riflettici. Perché le opere di misericordia danno gloria a Dio più di ogni altra cosa “.

Ha anche incoraggiato le persone a chiedersi se mettono in pratica queste opere. “Faccio qualcosa per qualcuno che ha bisogno? O faccio del bene solo ai miei cari e ai miei amici? Aiuto qualcuno che non può restituirmi niente? Sono l’amico di una persona povera? ‘Eccomi’, ti dice Gesù, ‘ti aspetto lì, dove meno pensi e forse non vuoi nemmeno guardare: lì, nei poveri’ “.

Реклама
Dopo la messa, Papa Francesco ha pronunciato il suo Angelus domenicale da una finestra che si affaccia su Piazza San Pietro. Ha riflettuto sulla festa del giorno di Cristo Re, che segna la fine dell’anno liturgico.

“È l’Alfa e l’Omega, l’inizio e il compimento della storia; e la liturgia di oggi si concentra sull ‘”omega”, cioè sull’obiettivo finale ”, ha detto.

Il papa ha spiegato che nel vangelo di san Matteo, Gesù pronuncia il suo discorso sul giudizio universale al termine della propria vita terrena: “Colui che gli uomini stanno per condannare, è in realtà il giudice supremo”.

“Nella sua morte e risurrezione, Gesù si mostrerà come il Signore della storia, il Re dell’universo, il Giudice di tutti”, ha detto.

Il giudizio finale riguarderà l’amore, ha osservato: “Non sul sentimento, no: saremo giudicati sulle opere, sulla compassione che diventa vicinanza e aiuto premuroso”.

Francesco ha concluso il suo messaggio indicando l’esempio della Vergine Maria. “La Madonna, assunta in Cielo, ha ricevuto la corona regale da suo Figlio, perché lo ha seguito fedelmente – è la prima discepola – sulla via dell’Amore”, ha detto. “Impariamo da lei ad entrare nel Regno di Dio proprio ora, attraverso la porta del servizio umile e generoso”.

Папин милостиња монс. Крајевски нас позива да се сетимо сиромашних током ватрених вакцинација

Папин милостиња монс. Крајевски нас позива да се сетимо сиромашних током ватрених вакцинација

Два Италијана двадесетог века напредују на путу ка светости

Два Италијана двадесетог века напредују на путу ка светости

Папа Фрањо честита фудбалској репрезентацији Ла Специја победу против Роме

Папа Фрањо честита фудбалској репрезентацији Ла Специја победу против Роме

Папа Фрања венецуеланском свештенству: служити са 'радошћу и одлучношћу' усред пандемије

Папа Фрања венецуеланском свештенству: служити са 'радошћу и одлучношћу' усред пандемије

У другом таласу коронавируса у Италији умрла су 43 католичка свештеника

У другом таласу коронавируса у Италији умрла су 43 католичка свештеника

Католички свештеник у Нигерији пронађен мртав након отмице

Католички свештеник у Нигерији пронађен мртав након отмице

„Речи могу бити пољупци“, али и „мачеви“, пише тата у новој књизи

„Речи могу бити пољупци“, али и „мачеви“, пише тата у новој књизи