Studio biblico: chi ha ordinato a Gesù di essere crocifisso?

La morte di Cristo ha coinvolto sei cospiratori, ciascuno facendo la propria parte per portare avanti il ​​processo. I loro motivi andavano dall’avidità all’odio al dovere. Erano Giuda Iscariota, Caifa, il Sinedrio, Ponzio Pilato, Erode Antipa e un centurione romano senza nome.

Centinaia di anni prima, i profeti dell’Antico Testamento avevano affermato che il Messia sarebbe stato condotto come un agnello sacrificale al macello. Era l’unico modo in cui il mondo poteva essere salvato dal peccato . Scopri il ruolo svolto da ciascuno degli uomini che hanno ucciso Gesù nella prova più importante della storia e come hanno cospirato per metterlo a morte.

Giuda Iscariota – Traditore di Gesù Cristo
Giuda Iscariota

Giuda Iscariota fu uno dei 12 discepoli scelti da Gesù Cristo . Come tesoriere del gruppo, era responsabile del sacco di soldi comune. Mentre non aveva una parte nell’ordinare che Gesù fosse crocifisso, la Scrittura ci dice che Giuda ha tradito il suo Maestro per 30 pezzi d’argento, il prezzo standard pagato per uno schiavo. Ma lo ha fatto per avidità o per costringere il Messia a rovesciare i romani, come suggeriscono alcuni studiosi? Giuda è passato dall’essere uno dei più intimi amici di Gesù a un uomo il cui nome di battesimo è diventato traditore. Ulteriori informazioni sul ruolo di Giuda nella morte di Gesù .

Il Sommo sacerdote del Tempio di Gerusalemme

Joseph Caiafa, sommo sacerdote del tempio di Gerusalemme dal 18 al 37 d.C., fu uno degli uomini più potenti dell’antica Israele, eppure si sentì minacciato dal rabbino amante della pace Gesù di Nazaret. Ha giocato un ruolo chiave nel processo e nell’esecuzione di Gesù Cristo . Caifa temeva che Gesù potesse iniziare una ribellione, provocando una repressione da parte dei romani, di cui Caiafa serviva. Quindi Caifa decise che Gesù doveva morire. Ha accusato il Signore di blasfemia , un crimine punibile con la morte secondo la legge ebraica. Ulteriori informazioni sul ruolo di Caifa nella morte di Gesù .

Il Sinedrio – Alto Consiglio ebraico

Il Sinedrio, la corte suprema di Israele, impose la legge mosaica. Il suo presidente era il sommo sacerdote, Joseph Caiafa, che mise in atto accuse di blasfemia contro Gesù. Sebbene Gesù fosse innocente, il Sinedrio (con l’eccezione di Nicodemo e Giuseppe d’Arimatea ) votò per condannarlo. La pena era la morte, ma questo tribunale non aveva l’autorità effettiva per ordinare l’esecuzione. Per questo, avevano bisogno dell’aiuto del governatore romano, Ponzio Pilato. Scopri di più sul ruolo del Sinedrio nella morte di Gesù .

Ponzio Pilato – Governatore romano di Giudea

Come governatore romano, Ponzio Pilato deteneva il potere della vita e della morte nell’antica Israele. Solo lui aveva l’autorità di eseguire un criminale. Ma quando Gesù fu mandato a lui per il processo, Pilato non trovò motivo di metterlo a morte. Invece, fece frustare brutalmente Gesù, poi lo rimandò a Erode, che lo rimandò indietro. Tuttavia, il sinedrio e i farisei non erano soddisfatti. Chiesero che Gesù fosse crocifisso , una morte tortuosa riservata solo ai criminali più violenti. Sempre il politico, Pilato, si lavò simbolicamente le mani sulla questione e consegnò Gesù a uno dei suoi centurioni per eseguire la condanna a morte. Scopri di più sul ruolo di Ponzio Pilato nella morte di Gesù .

Erode Antipa – Tetrarca di Galilea
Erodiade in trionfo

Erode Antipa era tetrarca, o sovrano di Galilea e Perea, nominato dai romani. Pilato mandò Gesù da lui perché Gesù era un Galileo, sotto la giurisdizione di Erode. Erode aveva precedentemente ucciso il grande profeta Giovanni Battista , amico e parente di Gesù. Invece di cercare la verità, Erode ordinò a Gesù di compiere un miracolo per lui. Quando Gesù rimase in silenzio, Erode, che aveva paura dei capi sacerdoti e del Sinedrio, lo rimandò a Pilato per l’esecuzione. Ulteriori informazioni sul ruolo di Erode nella morte di Gesù .

Centurione – Ufficiale dell’esercito dell’antica Roma

I centurioni romani erano ufficiali dell’esercito induriti, addestrati a uccidere con la spada e la lancia. Un centurione, il cui nome non è riportato nella Bibbia, ricevette un ordine che cambia il mondo: crocifiggere Gesù di Nazaret. Agendo sotto gli ordini del governatore Pilato, il centurione e gli uomini al suo comando eseguirono la crocifissione di Gesù, in modo freddo ed efficiente. Ma quando l’atto terminò, quest’uomo fece una dichiarazione straordinaria mentre guardava Gesù appeso alla croce: “Sicuramente quest’uomo era il Figlio di Dio !” (Marco 15:39 NIV ). Scopri di più sul ruolo del Centurione nella morte di Gesù .

Articoli correlati