Tre cattolici americani diventeranno Santi

Tre cattolici cajun della diocesi di Lafayette, Louisiana, stanno per diventare santi canonizzati dopo una cerimonia storica all’inizio di quest’anno.

Durante la cerimonia dell’11 gennaio, il vescovo J. Douglas Deshotel di Lafayette ha aperto ufficialmente le cause di due cattolici della Louisiana, la signorina Charlene Richard e il signor Auguste “Nonco” Pelafigue.

La causa per un terzo candidato alla canonizzazione, il tenente padre Verbis Lafleur, è stata riconosciuta dal vescovo, ma il processo di apertura del caso richiede più tempo, in quanto è necessario collaborare con altri due vescovi – passaggi extra frutto del servizio militare di Lafleur .

Alla cerimonia erano presenti i rappresentanti di ogni candidato, che hanno presentato al vescovo brevi resoconti della vita della persona e una richiesta ufficiale per l’apertura della loro causa. Bonnie Broussard, una rappresentante degli Amici di Charlene Richard, ha parlato alla cerimonia e ha sottolineato la precoce fede di Charlene in così giovane età.

Charlene Richard è nata a Richard, in Louisiana, il 13 gennaio 1947, una cattolica romana cajun che era “una giovane normale” che amava il basket e la sua famiglia, ed era ispirata dalla vita di Santa Teresa di Lisieux, ha detto Broussard.

Quando era solo una studentessa delle medie, Charlene ha ricevuto una diagnosi terminale di leucemia, un cancro del midollo osseo e del sistema linfatico.

Charlene ha gestito la triste diagnosi con “una fede al di là delle capacità della maggior parte degli adulti, e determinata a non sprecare le sofferenze che avrebbe dovuto affrontare, si è unita a Gesù sulla sua croce e ha offerto il suo intenso dolore e sofferenza per gli altri”, ha detto Broussard.

Nelle ultime due settimane della sua vita, Charlene ha chiesto a p. Joseph Brennan, un prete che veniva a servirla ogni giorno: “Ok Padre, chi sono io per offrire le mie sofferenze per oggi?”

Charlene morì l’11 agosto 1959 all’età di 12 anni.

“Dopo la sua morte, la devozione a lei si è diffusa rapidamente, molte testimonianze sono state fornite da persone che hanno beneficiato della preghiera a Charlene”, ha detto Broussard.

Migliaia di persone visitano la tomba di Charlene ogni anno, ha aggiunto Broussard, mentre 4.000 hanno partecipato alla messa in occasione del 30 ° anniversario della sua morte.

La seconda causa di canonizzazione approvata sabato è stata quella di Auguste “Nonco” Pelafigue, un laico il cui soprannome “Nonco” significa “zio”. Nacque il 10 gennaio 1888 vicino a Lourdes in Francia ed emigrò con la sua famiglia negli Stati Uniti, dove si stabilirono ad Arnaudville, in Louisiana.

Charles Hardy, un rappresentante della Fondazione Auguste “Nonco” Pelafigue, ha detto che Auguste alla fine si è guadagnato il soprannome di “Nonco” o zio perché era “come un buon zio per tutti coloro che sono entrati nella sua (cerchia) di influenza”.

Nonco ha studiato per diventare insegnante e ha insegnato alla scuola pubblica in una zona rurale vicino alla sua città natale prima di diventare l’unico membro laico della facoltà della Little Flower School di Arnaudville.

Durante gli studi per diventare insegnante, Nonco divenne anche membro dell’Apostolato della Preghiera, un’organizzazione nata in Francia e il cui carisma è promuovere e diffondere la devozione al Sacro Cuore di Gesù e pregare per il papa. La sua devozione al Sacro Cuore di Gesù sarebbe arrivata a colorare tutta la vita di Nonco.

“Nonco era noto per la sua appassionata devozione al Sacro Cuore di Gesù e alla Beata Vergine Maria”, ha detto Hardy.

“Partecipava devotamente alla messa quotidiana e serviva ovunque fosse necessario. Forse la cosa più ispiratrice, con un rosario avvolto attorno al braccio, Nonco ha attraversato le strade principali e secondarie della sua comunità, diffondendo devozione al Sacro Cuore di Gesù “.

Percorreva a piedi le strade di campagna per visitare i malati ei bisognosi e rifiutava le corse dei vicini anche nelle condizioni meteorologiche più rigide, perché considerava le sue passeggiate un atto di penitenza per la conversione delle anime sulla Terra e la purificazione di quelle in purgatorio, aggiunse Hardy.

“Era veramente un evangelista porta a porta”, ha detto Hardy. Nei fine settimana, Nonco insegnava religione agli studenti delle scuole pubbliche e organizzava La Lega del Sacro Cuore, che distribuiva opuscoli mensili sulla devozione alla comunità. Ha anche organizzato spettacoli creativi per il periodo natalizio e altre feste speciali che hanno rappresentato storie bibliche, vite dei santi e devozione al Sacro Cuore in modo drammatico.

“Con l’uso del dramma, ha condiviso l’amore appassionato di Cristo con i suoi studenti e l’intera comunità. In questo modo, ha aperto non solo le menti ma anche i cuori dei suoi studenti “, ha detto Hardy. Il pastore di Nonco si riferiva a Nonco come un altro prete nella sua parrocchia, e alla fine Nonco ricevette la medaglia Pro Ecclesia Et Pontifice da Papa Pio XII nel 1953, “in riconoscimento del suo servizio umile e devoto alla Chiesa cattolica”, ha detto Hardy.

“Questa decorazione papale è una delle più alte onorificenze assegnate ai membri dei fedeli laici”, ha aggiunto Hardy. “Per altri 24 anni fino alla sua morte nel 1977, all’età di 89 anni, Nonco diffuse continuamente la devozione al Sacro Cuore di Gesù per un totale di 68 anni fino al giorno in cui morì il 6 giugno 1977, che era la festa del Sacro Cuore di Gesù “, ha detto Hardy.

P. Mark Ledoux, un rappresentante degli Amici di p. Joseph Verbis LaFleur, durante la cerimonia di gennaio ha dichiarato che il cappellano militare è ricordato soprattutto per il suo eroico servizio durante la seconda guerra mondiale.

“P. Joseph Verbis LaFleur ha vissuto una vita straordinaria in soli 32 anni ”, ha detto Ledoux.

Lafleur è nato il 24 gennaio 1912 a Ville Platte Louisiana. Anche se proveniva da “inizi molto umili … (e) da una famiglia distrutta”, LaFleur aveva a lungo sognato di essere un prete, ha detto Ledoux.

Durante le sue vacanze estive dal seminario Notre Dame a New Orleans, Lafleur trascorreva il suo tempo insegnando catechismo e primi comunicandi.

Fu ordinato sacerdote il 2 aprile 1938 e chiese di essere cappellano militare, poco prima dello scoppio della seconda guerra mondiale. Inizialmente, la sua richiesta è stata negata dal suo vescovo, ma quando il sacerdote ha chiesto una seconda volta, è stata accolta.

“Come cappellano ha mostrato un eroismo oltre la chiamata del dovere, guadagnandosi la Distinguished Service Cross, il secondo più alto onore per valore”, ha osservato Ledoux.

“Tuttavia è stato come un prigioniero di guerra giapponese che Lafleur avrebbe rivelato l’intensità del suo amore” e la santità.

“Anche se preso a calci, schiaffeggiato e picchiato dai suoi carcerieri, ha sempre cercato di migliorare le condizioni dei suoi compagni di prigionia”, ha detto Ledoux.

“Ha anche lasciato passare le opportunità per la sua fuga per rimanere dove sapeva che i suoi uomini avevano bisogno di lui.”

Alla fine, il sacerdote finì su una nave con altri prigionieri di guerra giapponesi che fu silurata, inconsapevolmente, da un sottomarino americano che non si rese conto che la nave trasportava prigionieri di guerra.

“Fu visto l’ultima volta il 7 settembre 1944 mentre aiutava gli uomini a uscire dallo scafo della nave che affondava per la quale si guadagnò postumo un cuore viola e una stella di bronzo. E nell’ottobre 2017, per le sue azioni come prigioniero di guerra, a mio padre è stata assegnata una seconda Distinguished Service Cross “, ha detto Ledoux.

Il corpo di Lafleur non è mai stato recuperato. Il vescovo Deshotel sabato ha dichiarato la sua intenzione di aprire ufficialmente la causa del sacerdote una che ha ricevuto gli opportuni permessi dagli altri vescovi coinvolti nella causa.

Lafleur è stato riconosciuto in un discorso alla National Catholic Prayer Breakfast a Washington, DC, il 6 giugno 2017, dall’arcivescovo Timothy Broglio dell’arcidiocesi militare, che ha detto: “Era un uomo per gli altri fino alla fine … Padre Lafleur ha risposto alla sua situazione di prigionia con coraggio creativo. Ha attinto alla sua virtù per prendersi cura, proteggere e fortificare gli uomini imprigionati con lui “.

“Molti sono sopravvissuti perché era un uomo di virtù che ha dato senza sosta se stesso. Parlare della grandezza del nostro Paese è parlare di uomini e donne di virtù che hanno dato se stessi a beneficio di tutti. Costruiamo per un nuovo domani quando attingiamo da quella sorgente di virtù “.

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Papa Francesco: il diavolo è bugiardo

Papa Francesco: il diavolo è bugiardo

Causa Covid nessun ritiro in Quaresima per la curia di Roma "papa Francesco invia un libro a ogni ministro"

Causa Covid nessun ritiro in Quaresima per la curia di Roma "papa Francesco invia un libro a ogni ministro"

Esortazione pastorale di papa Francesco "conversione e cambiamento per i ministri della Chiesa"

Esortazione pastorale di papa Francesco "conversione e cambiamento per i ministri della Chiesa"

L'impatto del gruppo di preghiera sui pazienti Covid e come hanno risposto con la preghiera

L'impatto del gruppo di preghiera sui pazienti Covid e come hanno risposto con la preghiera