Ufficio dottrinale vaticano: non promuovere presunte apparizioni legate a ‘Signora di tutti i Popoli’

L’ufficio dottrinale del Vaticano ha esortato i cattolici a non promuovere “le presunte apparizioni e rivelazioni” associate al titolo mariano di “Signora di tutti i Popoli”, secondo un vescovo olandese.

L’appello della Congregazione per la Dottrina della Fede è stato annunciato in un chiarimento diffuso il 30 dicembre dal Vescovo Johannes Hendriks di Haarlem-Amsterdam.

Il chiarimento riguarda le presunte visioni che Ida Peerdeman, segretaria residente nella capitale olandese Amsterdam, affermò di aver ricevuto tra il 1945 e il 1959.

Hendriks, che in qualità di vescovo locale è il principale responsabile della valutazione delle apparizioni, ha affermato di aver deciso di emettere la dichiarazione dopo essersi consultato con la congregazione dottrinale del Vaticano, che guida i vescovi nel processo di discernimento.

Il vescovo ha affermato che la congregazione vaticana considerava il titolo “Signora di tutti i Popoli” per Maria come “teologicamente accettabile”.

“Tuttavia, il riconoscimento di questo titolo non può essere inteso – nemmeno implicitamente – come il riconoscimento della soprannaturalità di alcuni fenomeni da cui sembra provenire”, ha scritto nel chiarimento, pubblicato in cinque lingue sul sito di Diocesi di Haarlem-Amsterdam.

“In questo senso, la Congregazione per la Dottrina della Fede riafferma la validità del giudizio negativo sulla soprannaturalità delle presunte ‘apparizioni e rivelazioni’ alla Sig.ra Ida Peerdeman approvato da San Paolo VI il 04/05/1974 e pubblicato il 25/05/1974. “

“Questo giudizio implica che tutti siano esortati a cessare ogni propaganda riguardo alle presunte apparizioni e rivelazioni della Signora di tutti i Popoli. Pertanto, l’uso delle immagini e della preghiera non può in alcun modo essere considerato un riconoscimento – nemmeno implicitamente – della soprannaturalità degli eventi in questione ”.

Peerdeman è nato il 13 agosto 1905 ad Alkmaar, nei Paesi Bassi. Affermò che il 25 marzo 1945 vide la sua prima apparizione di una donna inondata di luce che si riferiva a se stessa come “la Signora” e “Madre”.

Nel 1951, la donna avrebbe detto a Peerdeman che desiderava essere conosciuta come “la Signora di tutti i Popoli”. Quell’anno, l’artista Heinrich Repke creò un dipinto della “Signora”, raffigurandola in piedi su un globo davanti a una croce.

La serie di 56 presunte visioni si concluse il 31 maggio 1959.

Nel 1956, il vescovo Johannes Huibers di Haarlem dichiarò che dopo un’indagine “non aveva trovato prove della natura soprannaturale delle apparizioni”.

Il Sant’Uffizio, il precursore della CDF, ha approvato il verdetto del vescovo un anno dopo. La CDF ha confermato la sentenza nel 1972 e nel 1974 .

Nella sua precisazione, il vescovo Hendriks ha riconosciuto che “attraverso la devozione a Maria, la Madre di tutti i Popoli, molti fedeli esprimono il loro desiderio e il loro sforzo per la fraternità universale dell’umanità con l’aiuto e il sostegno dell’intercessione di Maria”.

Ha citato l’ enciclica di papa Francesco “ Fratelli tutti ”, pubblicata il 3 ottobre, in cui il papa ha scritto che “per molti cristiani questo cammino di fraternità ha anche una Madre, che si chiama Maria. Avendo ricevuto questa maternità universale ai piedi della croce, si prende cura non solo di Gesù ma anche del “resto dei suoi figli”. Nella potenza del Signore risorto, vuole dare alla luce un mondo nuovo, dove tutti siamo fratelli e sorelle, dove c’è spazio per tutti coloro che le nostre società scartano, dove risplendono la giustizia e la pace “.

Hendriks ha detto: “In questo senso, l’uso del titolo Signora di tutti i Popoli per Maria è di per sé teologicamente accettabile. La preghiera con Maria e per intercessione di Maria, Madre dei nostri popoli, serve alla crescita di un mondo più unito, in cui tutti si riconoscano fratelli e sorelle, tutti creati a immagine di Dio, nostro Padre comune ”.

Concludendo il suo chiarimento, il vescovo scrive: “Riguardo al mero titolo ‘Signora’, ‘Madonna’ o ‘Madre di tutti i Popoli’, la Congregazione generalmente non si oppone al suo presunte apparizioni. “

“Se la Vergine Maria viene invocata con questo titolo, i pastori ei fedeli devono garantire che ogni forma di questa devozione si astenga da ogni riferimento, anche implicito, a presunte apparizioni o rivelazioni”.

Accanto al chiarimento, il vescovo ha rilasciato una spiegazione , anch’essa datata 30 dicembre e pubblicata in cinque lingue.

In esso scrisse: “La devozione a Maria come Signora e Madre di tutti i Popoli è buona e preziosa; deve, tuttavia, restare separata dai messaggi e dalle apparizioni. Questi non sono approvati dalla Congregazione per la Dottrina della Fede. Questo è il nocciolo della chiarificazione avvenuta in accordo con la Congregazione a seguito della recente apparizione di varie relazioni nazionali e internazionali sulla venerazione ”.

Il vescovo ha detto di aver rilasciato il chiarimento a seguito delle conversazioni con i funzionari della CDF a seguito dei resoconti dei media e delle inchieste.

Ha ricordato che la CDF aveva espresso preoccupazione nel 2005 per la formulazione di una preghiera ufficiale che invocava la Beata Vergine come Signora di tutti i Popoli “che una volta era Maria”, consigliando ai cattolici di non usare la frase.

Hendriks ha detto: “È permesso usare l’immagine e la preghiera – sempre nel modo approvato dalla Congregazione per la Dottrina della Fede nel 2005. Sono consentiti anche giorni di preghiera in onore della Signora di tutti i Popoli; tuttavia, non si può fare riferimento alle apparizioni e ai messaggi che non sono approvati “.

“Tutto ciò che potrebbe essere inteso come riconoscimento (implicito) dei messaggi e delle apparizioni deve essere evitato perché la Congregazione ha emesso un giudizio negativo su questi che è stato confermato da Papa Paolo VI”.

Hendriks ha osservato che il vescovo Hendrik Bomers, vescovo di Haarlem dal 1983 al 1998, ha autorizzato la devozione nel 1996, sebbene non si sia pronunciato sulla validità delle apparizioni.

Ha anche riconosciuto che il vescovo Jozef Punt, vescovo di Haarlem dal 2001 al 2020, ha annunciato nel 2002 di credere che le apparizioni fossero autentiche.

Hendriks ha detto che il verdetto negativo di Paolo VI sarebbe quindi “nuovo per molte persone”.

“Nel 2002, cioè quando il vescovo Punt prese posizione sull’autenticità delle apparizioni, si sapeva solo un chiarimento dell’anno 1974”, ha detto.

“Negli anni ’80, il mio predecessore credeva che fosse possibile autorizzare questa devozione, e il vescovo Bomers alla fine decise di farlo nel 1996”.

Hendricks è stato nominato vescovo coadiutore di Haarlem-Amsterdam nel 2018 ed è succeduto a Punt nel giugno 2020 (il nome della diocesi è stato cambiato da Haarlem ad Haarlem-Amsterdam nel 2008.)

Devotion to the Lady of All Nations è incentrato su una cappella ad Amsterdam e promosso dal sito web theladyofallnations.info .

Nella sua spiegazione delle osservazioni della CDF, Hendriks ha scritto: “Per tutti coloro che si sentono uniti nella devozione alla Signora di tutti i Popoli è la buona notizia in questo chiarimento approvato dalla Congregazione per la Dottrina della Fede che la devozione a Maria sotto questo titolo è permesso e parole di apprezzamento sono dedicate ad esso. “

“Per molti fedeli, tuttavia, sarà particolarmente doloroso che la Congregazione per la Dottrina della Fede e Papa Paolo VI abbiano espresso un giudizio negativo sulle apparizioni. Voglio dire a tutti loro che posso capire la loro delusione “.

“Le apparizioni e i messaggi hanno ispirato molte persone. Spero che sia una consolazione per loro che la devozione a Maria sotto il titolo di “Signora di tutti i Popoli” rimanga al suo posto, sia nella cappella di Amsterdam che durante i Giorni di preghiera, in cui in passato io stesso ero presente più volte .

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo