‘Un martire morto ridendo’: La causa del prete imprigionato da nazisti e comunisti avanza

La causa della santità di un prete cattolico imprigionato sia dai nazisti che dai comunisti è avanzata con la conclusione della fase diocesana iniziale della causa.

P. Adolf Kajpr era un sacerdote e giornalista gesuita che è stato imprigionato nel campo di concentramento di Dachau dopo aver pubblicato riviste cattoliche critiche nei confronti dei nazisti. Un numero in particolare nel 1939 aveva una copertina che raffigurava Cristo che vince la morte rappresentato con simboli del nazismo.

Cinque anni dopo la sua liberazione da Dachau nel 1945, Kajpr fu arrestato dalle autorità comuniste di Praga e condannato a 12 anni in un gulag per aver scritto articoli “sediziosi”.

Kajpr ha trascorso più della metà dei suoi 24 anni da prete imprigionato. Morì nel 1959 in un gulag a Leopoldov, in Slovacchia.

La fase diocesana della causa Kajpr si è conclusa il 4 gennaio. Il cardinale Dominik Duka ha offerto una messa nella chiesa di Sant’Ignazio a Praga per celebrare l’occasione.

“Adolf Kajpr sapeva cosa significava dire la verità”, ha detto Duka nella sua omelia, secondo la provincia ceca dei gesuiti.

Vojtěch Novotný, vice postulatore della causa di Kajpr, ha detto che il fascicolo di indagine diocesano inviato a Roma includeva documenti d’archivio, testimonianze personali e file che erano stati raccolti per essere valutati dal Vaticano per stabilire se p. Kajpr è morto martire.

Novotný ha scritto che studiando la vita di p. Kajpr, “ho capito perché i santi cristiani sono dipinti con un’aureola: irradiano Cristo e gli altri credenti sono attratti da loro come falene alla luce”.

Ha citato p. Le stesse parole di Kajpr: “Possiamo noi sapere quanto sia bello inebriante lottare al servizio di Cristo, trascorrervi del tempo con naturalezza spontanea e un sorriso, letteralmente come una candela sull’altare”.

Come giornalista e sacerdote, Kajpr era convinto dell’idea che “il Vangelo dovrebbe essere proclamato sulle pagine dei giornali”, ha detto Novotný.

“Egli ha consapevolmente chiesto: ‘Come possiamo portare l’intero messaggio di Cristo puro alle persone di oggi, e come raggiungerle, come parlare loro in modo che possano capirci?'”

Kajpr è nato nel 1902 in quella che oggi è la Repubblica Ceca. I suoi genitori morirono a un anno l’uno dall’altro, lasciando Kajpr orfano all’età di quattro anni. Una zia ha allevato Kajpr e i suoi fratelli, educandoli alla fede cattolica.

A causa della povertà della sua famiglia, Kajpr è stato costretto ad abbandonare la scuola e lavorare come apprendista calzolaio nella sua prima adolescenza. Dopo aver completato due anni di servizio militare nell’esercito cecoslovacco poco più che ventenne, si iscrisse a una scuola secondaria a Praga gestita dai gesuiti.

Kajpr si iscrisse al noviziato dei gesuiti nel 1928 e fu ordinato sacerdote nel 1935. Ha servito la parrocchia della chiesa di Sant’Ignazio a Praga a partire dal 1937 e ha insegnato filosofia alla scuola diocesana di teologia.

Tra il 1937 e il 1941, ha lavorato come editore di quattro riviste. Le sue pubblicazioni cattoliche attirarono l’attenzione della Gestapo che lo rimproverò ripetutamente per i suoi articoli fino a quando non fu finalmente arrestato nel 1941.

Kajpr trascorse del tempo in più campi di concentramento nazisti, spostandosi da Terezín a Mauthausen e infine a Dachau, dove rimase fino alla liberazione del campo nel 1945.

Al suo ritorno a Praga, Kajpr riprese a insegnare e pubblicare. Nei suoi periodici si è espresso contro il marxismo ateo, per il quale è stato arrestato e accusato di aver scritto articoli “sediziosi” dalle autorità comuniste. Fu riconosciuto colpevole di alto tradimento nel 1950 e condannato a 12 anni nei gulag.

Secondo il suo vice postulatore, gli altri detenuti di Kajpr hanno successivamente testimoniato che il sacerdote ha dedicato il suo tempo in prigione a un ministero segreto, oltre a istruire i prigionieri sulla filosofia e la letteratura.

Kajpr morì in un ospedale della prigione il 17 settembre 1959, dopo aver subito due attacchi di cuore. Un testimone ha detto che nel momento in cui è morto stava ridendo di uno scherzo.

Il Superiore Generale dei Gesuiti ha approvato l’apertura della causa di beatificazione di Kajpr nel 2017. La fase diocesana del processo è iniziata ufficialmente nel settembre 2019 dopo che il cardinale Duka ha ottenuto il consenso del vescovo dell’arcidiocesi dove Kajpr è morto in Slovacchia.

“È stato attraverso il servizio della Parola che Kajpr ha irritato i seguaci dell’umanesimo ateo e agnostico”, ha detto Novotný. “I nazisti e i comunisti hanno cercato di eliminarlo attraverso una lunga prigionia. È morto in prigione a causa di questa tortura “.

“Il suo cuore indebolito si spezzò quando, nel mezzo della persecuzione, rise di gioia. È un martire morto ridendo. “

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Papa Francesco: il diavolo è bugiardo

Papa Francesco: il diavolo è bugiardo

Perù: manca l'ossigeno, il papa: nessuno deve essere lasciato solo

Perù: manca l'ossigeno, il papa: nessuno deve essere lasciato solo