Una coppia cattolica deve avere figli?

Mandy Easley sta cercando di ridurre le dimensioni della sua impronta di consumatore sul pianeta. È passata a cannucce riutilizzabili. Lei e il suo fidanzato riciclano plastica e altri oggetti domestici. La coppia ha l’abitudine di nutrire gli altri che non hanno accesso a risorse illimitate – i cani da salvataggio trovano una casa adottiva nella famiglia Easley e, in qualità di ex-alunna della Bellarmine University, Easley si reca in Guatemala per accompagnare gli studenti in una primavera orientata ai servizi rompere.

Easley, 32 anni, e il suo fidanzato, Adam Hutti, non hanno in programma di dare alla luce bambini, in parte perché non possono fare a meno di vedere il mondo attraverso l’obiettivo di climi in rapido cambiamento. * Si rese conto Easley mentre accompagnava un viaggio di missione in Il Guatemala afferma che il suo attivismo per il clima è alimentato dai problemi dei senzatetto e della povertà. Guardando le famiglie che estraevano rifiuti elettronici da una discarica per bruciare la plastica e vendere alluminio e vetro in modo che potessero permettersi di mandare i loro figli a scuola, ha capito che l’immenso spreco di una moderna cultura usa e getta diventa il peso di altri paesi, altre città e altre persone che cercano di prosperare.

Attivi nella loro comunità di Louisville e consapevoli della mancanza di risorse che tante persone sperimentano, Easley e Hutti sono interessati a ricercare agenzie di adozione locali dopo essersi sposati.

“Ci sono un sacco di cose che stanno arrivando all’orizzonte e non sembra responsabile portare una nuova vita in quel caos”, ha detto Easley. “Non ha senso portare più bambini nel mondo quando ci sono, specialmente nel Kentucky, così tanti bambini che si soffermano in affido”.

Easley sa che i cambiamenti sistemici apportati da governi e aziende potrebbero essere più efficaci dei piccoli passi che sta compiendo nella sua vita, ma si sente potenziata dalla sua visione e da come riflette i suoi valori cattolici.

Ricorda le parole di Gesù in un passo delle Scritture di Matteo: “Qualunque cosa tu abbia fatto per il minimo di quelli, hai fatto per me”.

“Che dire di quei bambini che stanno aspettando di essere adottati?” lei disse. “Devo credere che se scegliamo l’adozione o la promozione dei bambini che stanno nascendo, ciò ha un certo valore agli occhi di Dio. Deve.”

” Laudato Si ‘ , on Care for Our Common Home” ispira il servizio di Easley alla sua comunità e al mondo in generale. “L’enciclica di Francesco sul cambiamento climatico che ha avuto un impatto sui poveri è stata una delle risposte pastorali più rivoluzionarie a ciò che sta accadendo nel mondo”, ha detto.

Come scrive Francis, così Easley agisce: “Dobbiamo renderci conto che un vero approccio ecologico diventa sempre un approccio sociale; deve integrare questioni di giustizia nei dibattiti sull’ambiente, in modo da ascoltare sia il grido della terra che il grido di il povero “( LS , 49).

Quando una coppia si sposa nella Chiesa cattolica, giurano durante il sacramento di essere aperti alla vita. Il Catechismo della Chiesa Cattolica sottolinea questa responsabilità, affermando che “l’amore coniugale è ordinato alla procreazione e all’educazione della prole ed è in esse che trova la sua gloria incoronante”.

Forse perché la posizione della chiesa sulla procreazione, cementata dal documento di Papa Paolo VI Humanae Vitae nel 1968, è immutabile, i cattolici che si pongono alla domanda se avere figli tendono a rivolgersi ovunque tranne che alla chiesa per ottenere risposte.

Julie Hanlon Rubio insegna etica sociale presso la Scuola di Teologia dei Gesuiti presso l’Università di Santa Clara, e riconosce il divario tra la promozione dell’insegnamento ufficiale della chiesa, come la pianificazione familiare naturale, e il desiderio che i cattolici debbano partecipare a gruppi che offrono autenticità e concretezza aiuto di discernimento.

“È difficile fare tutto questo da soli”, ha detto. “Quando ci sono posti strutturati per questo tipo di conversazioni, penso che sia davvero positivo.”

L’insegnamento sociale cattolico chiama i cattolici alla famiglia come una “struttura fondamentale”, ma chiede anche ai credenti di essere solidali con gli altri e di prendersi cura della Terra, valori che molti millennial della classe media abbracciano, essendo cresciuti in un mondo globale e connesso digitalmente più piccolo dalle vaste industrie del consumismo e della tecnologia.

Questo abbraccio può portare all’ansia per i cambiamenti climatici e al ruolo delle famiglie americane nel consumo di risorse. La sensazione ha persino il suo nome: “eco-ansia”. Hanlon Rubio afferma che nei suoi stessi studenti sente spesso parlare di eco-ansia e mentre può sembrare travolgente considerare il pianeta nelle scelte di stile di vita, è importante ricordare che la perfezione non è un obiettivo finale.

“Penso che sia bello avere questa consapevolezza mentre ci si rende conto anche che la tradizione cattolica in realtà si rende conto che nessuno può evitare qualsiasi cooperazione materiale con il male”, ha detto Hanlon Rubio. “Gli scienziati ambientali stanno anche dicendo: ‘Non lasciare che la perfezione personale ti soffoca in modo da non avere energia per la difesa politica”.

Articoli correlati