Uno stile di vita, non un compito: il Vaticano ricorda ai vescovi la priorità ecumenica

Il ministero di un vescovo cattolico deve riflettere l’impegno della Chiesa cattolica per l’unità dei cristiani e deve dare all’impegno ecumenico lo stesso tipo di attenzione del lavoro per la giustizia e la pace, afferma un nuovo documento vaticano.

“Il vescovo non può considerare la promozione della causa ecumenica come un compito in più nel suo variegato ministero, che potrebbe e dovrebbe essere rimandato in vista di altre, apparentemente più importanti priorità”, afferma il documento, “Il vescovo e l’unità dei cristiani: un Vademecum ecumenico “.

Preparato dal Pontificio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani, il documento di 52 pagine è stato diffuso il 4 dicembre dopo che la sua pubblicazione è stata approvata da Papa Francesco.

Il testo ricorda ad ogni vescovo cattolico la sua responsabilità personale di ministro di unità, non solo tra i cattolici della sua diocesi, ma anche con gli altri cristiani.

Come “vademecum” o guida, fornisce elenchi di passi pratici che il vescovo può e deve intraprendere per adempiere a tale responsabilità in ogni aspetto del suo ministero, dall’invito di altri leader cristiani a importanti celebrazioni diocesane per evidenziare le attività ecumeniche sul sito web diocesano.

E, come capo insegnante nella sua diocesi, deve garantire che il contenuto delle conferenze, dei programmi di educazione religiosa e delle omelie a livello diocesano e parrocchiale promuova l’unità dei cristiani e rifletta accuratamente gli insegnamenti dei partner della chiesa nel dialogo.

A dimostrazione dell’importanza del documento, la conferenza stampa online di presentazione non ha visto uno, ma quattro alti funzionari vaticani: i cardinali Kurt Koch, presidente del Pontificio Consiglio per la promozione dell’unità dei cristiani; Marc Ouellet, prefetto della Congregazione per i vescovi; Luis Antonio Tagle, Prefetto della Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli; e Leonardo Sandri, prefetto della Congregazione per le Chiese orientali.

Con le sue spiegazioni e i suoi suggerimenti concreti, ha detto Ouellet, il libretto fornisce gli strumenti per realizzare “la conversione ecumenica dei vescovi e di ogni discepolo di Cristo che desidera incarnare meglio la gioia del Vangelo nel nostro tempo”.

Tagle ha detto che il vademecum ricorda ai vescovi delle terre missionarie che non devono importare divisioni cristiane in nuove parti del mondo e chiede ai cattolici di capire quanto le divisioni all’interno del cristianesimo allontanino le persone che “cercano un senso nella vita, per la salvezza”.

“I non cristiani sono scandalizzati, davvero scandalizzati, quando noi cristiani affermiamo di essere seguaci di Cristo e poi vedono come ci stiamo combattendo l’un l’altro”, ha detto.

Ma l’ecumenismo non cerca una tregua o un “compromesso come se l’unità dovesse essere raggiunta a scapito della verità”, spiega il documento.

La dottrina cattolica insiste che c’è una “gerarchia di verità”, una priorità delle credenze essenziali basata “sulla loro relazione con i misteri salvifici della Trinità e la salvezza in Cristo, la fonte di tutte le dottrine cristiane”.

Nelle conversazioni con altri cristiani, si legge nel documento, “soppesando le verità piuttosto che semplicemente enumerandole, i cattolici acquisiscono una comprensione più accurata dell’unità che esiste tra i cristiani”.

Quell’unità, basata prima sul battesimo in Cristo e nella sua chiesa, è il fondamento su cui l’unità dei cristiani è costruita passo dopo passo, afferma il documento. I passaggi includono: preghiera comune; azione comune per alleviare le sofferenze e promuovere la giustizia; dialogo teologico per chiarire punti in comune e differenze; e la volontà di riconoscere il modo in cui Dio ha operato in un’altra comunità e di imparare da esso.

Il documento trattava anche la questione della condivisione dell’Eucaristia, una questione che è stata a lungo una questione spinosa nel dialogo ecumenico così come all’interno della stessa Chiesa cattolica, come dimostrato dai recenti sforzi del Vaticano per mettere in guardia i vescovi della Germania sull’emissione di ampi inviti per i luterani sposato con cattolici per ricevere la Comunione.

I cattolici non possono condividere l’Eucaristia con altri cristiani solo per essere “educati”, ma ci sono situazioni pastorali in cui i singoli vescovi possono decidere quando “un’eccezionale condivisione sacramentale è appropriata”, afferma il documento.

Nel discernere le possibilità di condividere i sacramenti, ha detto, i vescovi devono tenere a mente due principi in ogni momento, anche quando quei principi creano tensione: un sacramento, specialmente l’Eucaristia, è un “testimone dell’unità della chiesa”, e un sacramento è una “condivisione dei mezzi di grazia”.

Quindi, ha detto, “in generale, la partecipazione ai sacramenti dell’Eucaristia, la riconciliazione e l’unzione è limitata a coloro che sono in piena comunione”.

Tuttavia, osserva il documento, il “Direttorio per l’applicazione dei principi e delle norme dell’ecumenismo” del Vaticano del 1993 afferma anche che “in via eccezionale e a determinate condizioni, l’accesso a questi sacramenti può essere consentito, o addirittura lodato, altre chiese e comunità ecclesiali “.

“La ‘Communicatio in sacris’ (condivisione della vita sacramentale) è quindi consentita per la cura delle anime in determinate circostanze”, diceva il testo, “e quando questo è il caso deve essere riconosciuto come desiderabile e lodevole”.

Koch, rispondendo a una domanda, ha detto che il rapporto tra i sacramenti e la piena unità delle chiese è il principio “fondamentale”, il che significa che nella maggior parte dei casi la condivisione eucaristica non sarà possibile finché le chiese non saranno completamente unite.

La Chiesa cattolica, ha detto, non vede la condivisione dei sacramenti come “un passo in avanti”, come fanno alcune comunità cristiane. Tuttavia, “per una persona, una sola persona, ci può essere un’opportunità per condividere questa grazia in diversi casi” purché la persona soddisfi i requisiti del diritto canonico, che dice che un non cattolico deve richiedere l’Eucaristia del suo di propria iniziativa, “manifestare la fede cattolica” nel sacramento ed essere “adeguatamente disposti”.

La Chiesa cattolica riconosce la piena validità dell’Eucaristia celebrata dalla Chiesa ortodossa e, con molte meno restrizioni, consente ai cristiani ortodossi di richiedere e ricevere i sacramenti da un ministro cattolico.

Sandri, intervenendo in conferenza stampa, ha detto che il documento “è un’ulteriore affermazione che non è più legittimo per noi ignorare l’Oriente cristiano, né possiamo fingere di aver dimenticato i fratelli e le sorelle di quelle venerabili chiese che, insieme con noi, costituisce la famiglia dei credenti nel Dio di Gesù Cristo “.

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Papa Francesco: il diavolo è bugiardo

Papa Francesco: il diavolo è bugiardo

Perù: manca l'ossigeno, il papa: nessuno deve essere lasciato solo

Perù: manca l'ossigeno, il papa: nessuno deve essere lasciato solo