Uno studente universitario crea una cattedrale di pan di zenzero, raccoglie fondi per i senzatetto

Fare case di marzapane è una tradizione natalizia per alcune famiglie, in particolare quelle con origini tedesche.

Risalente al XVI secolo e resa popolare dalla fiaba tedesca dei fratelli Grimm, “Hansel e Gretel”, la creazione di case di marzapane è persino una sfida nel Guinness dei primati.

L’attuale detentore del record mondiale, eretto nel novembre 2013 presso il Traditions Golf Club di Byran, in Texas, si estende su quasi 40.000 piedi cubi. Quell’anno, la casa di marzapane fu usata come laboratorio di Babbo Natale, dove i visitatori incontrarono Babbo Natale in cambio di una donazione a un ospedale cattolico.

Mentre Joel Kiernan, un membro della parrocchia di St. Matthew ad Allouez, nel Wisconsin, non stava cercando di battere un record mondiale costruendo un pan di zenzero, ma stava progettando di raccogliere fondi per il rifugio per senzatetto di St. John.

La casa è stata completata il 21 dicembre, che era anche la scadenza per l’acquisto dei biglietti della lotteria, portando quasi $ 3,890 per il rifugio.

Kiernan, una matricola alla Stanford University che studia ingegneria meccanica, ha appena trascorso un paio di settimane a creare una casa di marzapane sul modello della Cattedrale di Notre Dame a Parigi. Il progetto gli è venuto in mente durante una pausa dagli studi.

Secondo Kiernan, il suo desiderio di preparare una casa di marzapane risale alla sua infanzia.

“Quando ero più giovane, la professione del mio sogno era quella di essere uno chef”, ha detto a The Compass , quotidiano della diocesi di Green Bay. “Avevamo questo ricettario di biscotti natalizi e sul retro c’era una cosa, una versione di pan di zenzero di Notre Dame. Hanno parlato di come realizzarlo e ne hanno fatto delle foto. “

Kiernan ha detto di aver detto a sua madre che un giorno avrebbe costruito la cattedrale usando il pan di zenzero.

“Con il passare del tempo e della vita, diventare uno chef è diventato qualcosa del passato”, ha detto. “Ora sto studiando per diventare un ingegnere alla Stanford University, ma mi piace ancora cucinare e cucinare.”

La pandemia e la sua pausa dagli studi hanno motivato Kiernan a rivisitare il progetto del pan di zenzero, ha detto.

“Con COVID, ho una pausa invernale piuttosto lunga”, ha detto. “Ho finito (le lezioni) prima del Ringraziamento e non comincio fino a dopo Natale, quindi stavo solo pensando, ‘Bene, cosa farò del mio tempo?’ Non posso restare seduto per sette settimane “.

Fu allora che lo colpì: “Posso fare un’ambiziosa casa di marzapane. Posso fare quella cattedrale di pan di zenzero “, disse a se stesso.

Tuttavia, Kiernan ha detto che non voleva iniziare il progetto solo per il gusto di farlo. “Ho detto, ‘Non ho intenzione di passare ore e ore a costruire la cosa solo per poterla guardare per un altro paio di settimane. … Volevo che significasse qualcosa di più grande. “

Il rifugio per senzatetto di St. John, che serve la popolazione senzatetto di Green Bay dal 2007, “mi è venuto in mente”, ha detto.

“C’era qualche corollario con una casa di marzapane e le persone che sono senza casa”, ha detto. Quindi ha contattato il rifugio per vedere se il suo progetto poteva essere qualcosa di utile per il rifugio.

Alexa Priddy, direttrice dell’impegno della comunità al rifugio, l’ha adorato, ha detto Kiernan. “Quindi abbiamo progettato in modo molto collaborativo l’intera idea di come pubblicizzarla, con aggiornamenti quotidiani”.

La casa di marzapane misura circa 20 pollici per 12 pollici per 12 pollici e ha preso quasi 10 libbre di farina, quattro barattoli di melassa e circa mezza tazza di cannella “e molte altre spezie”, ha detto. La casa di marzapane non è commestibile, tuttavia, perché Kiernan ha utilizzato la colla nella sua costruzione.

Ha detto a The Compass che c’erano “punti impegnativi” nel progetto, ma durante il suo ultimo trimestre di scuola stava facendo “problemi di calcolo che richiedono una certa attenzione ai dettagli”.

Questo si è trasferito “in modo decente” al progetto di pan di zenzero, ha detto. “Come stendere correttamente il pan di zenzero è in realtà una sorta di curva di apprendimento, ma dopo averlo fatto per tre o quattro giorni, mi sento un esperto di pan di zenzero”.

Figlio di Dan e Rose Kiernan, Joel ha tre fratelli e si è laureato alla Green Bay East High School nel 2019.

Ha preso un anno sabbatico prima di entrare al college per viaggiare in Cina. L’esperienza è stata interrotta a causa dell’epidemia di COVID-19, iniziata in Cina, che gli ha richiesto di tornare a casa nel gennaio 2020.

Joel Kiernan ha detto che la sua fede lo ha aiutato a capire l’importanza di prendersi cura degli altri. La collaborazione con il St. John’s Homeless Shelter è solo un’estensione del vivere la sua fede, ha detto.

“Quello che ho imparato ad apprezzare… riguardo la fede e la religione è che si tratta di guardare fuori più grande di te stesso. È guardare fuori per l’altra persona, come vedere il volto di Gesù in ogni persona “, ha detto.

“Penso che sia stato sicuramente un motivo per cui realizzo progetti come questo”, ha aggiunto. “Ho fatto anche altri progetti, e la religione gioca un ruolo importante in questo, solo in termini di aspirare a guardare oltre te stesso e cercare di aiutare gli altri”

Un uomo muore in ginocchio davanti all'altare nella chiesa

Un uomo muore in ginocchio davanti all'altare nella chiesa

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Vaticano prevede un deficit di quasi 50 milioni di euro a causa delle perdite del COVID

Il Vaticano prevede un deficit di quasi 50 milioni di euro a causa delle perdite del COVID