Vangelo e Santo del giorno: 7 Dicembre 2019

Libro di Isaia 30,19-21.23-26.
Così dice il Signore Dio d’Israele:
Popolo di Sion che abiti in Gerusalemme, tu non dovrai più piangere; a un tuo grido di supplica ti farà grazia; appena udrà, ti darà risposta.
Anche se il Signore ti darà il pane dell’afflizione e l’acqua della tribolazione, tuttavia non si terrà più nascosto il tuo maestro; i tuoi occhi vedranno il tuo maestro,
i tuoi orecchi sentiranno questa parola dietro di te: “Questa è la strada, percorretela”, caso mai andiate a destra o a sinistra.
Allora egli concederà la pioggia per il seme che avrai seminato nel terreno; il pane, prodotto della terra, sarà abbondante e sostanzioso; in quel giorno il tuo bestiame pascolerà su un vasto prato.
I buoi e gli asini che lavorano la terra mangeranno biada saporita, ventilata con la pala e con il vaglio.
Su ogni monte e su ogni colle elevato, scorreranno canali e torrenti d’acqua nel giorno della grande strage, quando cadranno le torri.
La luce della luna sarà come la luce del sole e la luce del sole sarà sette volte di più, quando il Signore curerà la piaga del suo popolo e guarirà le lividure prodotte dalle sue percosse.

Salmi 147(146),1-2.3-4.5-6.
Lodate il Signore:
è bello cantare al nostro Dio,
dolce è lodarlo come a lui conviene.
Il Signore ricostruisce Gerusalemme,
raduna i dispersi d’Israele.

Il Signore risana i cuori affranti
e fascia le loro ferite;
egli conta il numero delle stelle
e chiama ciascuna per nome.

Grande è il Signore, onnipotente,
la sua sapienza non ha confini.
Il Signore sostiene gli umili
ma abbassa fino a terra gli empi.

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Matteo 9,35-38.10,1.6-8.
In quel tempo, Gesù percorreva tutte le città e i villaggi, insegnando nelle sinagoghe, predicando il vangelo del Regno e curando ogni malattia e infermità.
Vedendo le folle ne sentì compassione, perché erano stanche e sfinite, come pecore senza pastore.
Allora disse ai suoi discepoli: «La messe è molta, ma gli operai sono pochi!
Pregate dunque il padrone della messe che mandi operai nella sua messe!».
Chiamati a sé i dodici discepoli, diede loro il potere di scacciare gli spiriti immondi e di guarire ogni sorta di malattie e d’infermità.
rivolgetevi piuttosto alle pecore perdute della casa d’Israele.
E strada facendo, predicate che il regno dei cieli è vicino.»
Guarite gli infermi, risuscitate i morti, sanate i lebbrosi, cacciate i demòni. Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date».

07 DICEMBRE

SANT’AMBROGIO

Treviri, Germania, c. 340 – Milano, 4 aprile 397

Vescovo di Milano e dottore della Chiesa, che si addormentò nel Signore il 4 aprile, ma è venerato in particolare in questo giorno, nel quale ricevette, ancora catecumeno, l’episcopato di questa celebre sede, mentre era prefetto della città. Vero pastore e maestro dei fedeli, fu pieno di carità verso tutti, difese strenuamente la libertà della Chiesa e la retta dottrina della fede contro l’arianesimo e istruì nella devozione il popolo con commentari e inni per il canto. (Martirologio Romano)

PREGHIERA A SANT’AMBROGIO

O glorioso Sant’Ambrogio, volgete uno sguardo pietoso alla nostra Diocesi di cui voi siete il Patrono; dissipate da essa l’ignoranza delle cose di religione; impedite all’errore ed all’eresia di diffondersi; affezionateci sempre più alla Santa Sede; otteneteci la vostra fortezza cristiana, affinchè, ricchi di meriti ci troviamo un giorno vicino a voi in Cielo. Così sia.

Vangelo del giorno 28 Febbraio 2021

Vangelo del giorno 28 Febbraio 2021

Vangelo del giorno 27 Febbraio 2021

Vangelo del giorno 27 Febbraio 2021

Vangelo del giorno 26 Febbraio 2021

Vangelo del giorno 26 Febbraio 2021

Vangelo del giorno: 25 Febbraio 2021

Vangelo del giorno: 25 Febbraio 2021

Vangelo del giorno 24 Febbraio 2021

Vangelo del giorno 24 Febbraio 2021

Vangelo del giorno 23 Febbraio 2021 con il commento di papa Francesco

Vangelo del giorno 23 Febbraio 2021 con il commento di papa Francesco

Vangelo del giorno 18 Febbraio 2021 con il commento di papa Francesco

Vangelo del giorno 18 Febbraio 2021 con il commento di papa Francesco