mercoledì delle ceneri

Vaticano: le ceneri segnano l’inizio, non la fine, di una nuova vita

Il Mercoledì delle Ceneri e la Quaresima sono un momento per ricordare che dalle ceneri emerge nuova vita e che la primavera sboccia dalla desolazione dell’inverno, ha detto un noto teologo italiano. E quando le persone digiunano per il sovraccarico dei media, come Papa Francesco ha chiesto alle persone di fare per la Quaresima, dovrebbero rivolgere la loro attenzione alle persone reali intorno a loro, ha detto a Vatican News il 16 febbraio il servite padre Ermes Ronchi. Invece di essere “incollati” a Internet, “e se guardassimo le persone negli occhi come guardiamo i nostri telefoni, 50 volte al giorno, guardandole con la stessa attenzione e intensità, quante cose cambierebbero? Quante cose scopriremmo? ” chiese. Il sacerdote italiano, che è stato scelto da Papa Francesco per guidare il suo ritiro annuale quaresimale nel 2016, ha parlato con Vatican News di come capire la Quaresima e il Mercoledì delle Ceneri durante una pandemia globale, in particolare quando molte persone hanno già perso così tanto.

Ha ricordato i cicli naturali nella vita agricola quando le ceneri di legno provenienti dal riscaldamento delle case durante un lungo inverno sarebbero state restituite al suolo per fornirgli importanti nutrienti per la primavera. “Le ceneri sono ciò che resta quando non rimane niente, è il minimo indispensabile, il quasi nulla. Ed è da qui che si può e si deve ricominciare “, ha detto, invece di fermarsi disperato. Le ceneri macchiate o spruzzate sui fedeli quindi “non riguardano tanto il ‘ricorda che devi morire’, ma ‘ricorda che devi essere semplice e fruttuoso'”. La Bibbia insegna “l’economia delle piccole cose” in cui non c’è niente di meglio che essere “niente” davanti a Dio, ha detto.

“Non abbiate paura di essere fragili, ma pensate alla Quaresima come alla trasformazione dalla cenere alla luce, da ciò che è rimasto alla pienezza”, ha detto. “Lo vedo come un tempo che non è penitenziale, ma vivo, non un tempo di mortificazione, ma come rivitalizzazione. È il momento in cui il seme è nella terra “. Per chi ha subito grandi perdite durante la pandemia, padre Ronchi ha detto che la tensione e la lotta portano anche a nuovi frutti, come un giardiniere che pota gli alberi “non per penitenza”, ma “per riportarli all’essenziale” e stimolare una nuova crescita ed energia. “Stiamo vivendo un tempo che può riportarci all’essenziale, riscoprendo ciò che è permanente nella nostra vita e ciò che è fugace. Pertanto, questo momento è un dono per essere più fruttuosi, non per castigare “. Indipendentemente dalle misure o dalle restrizioni in atto a causa della pandemia, le persone hanno ancora tutti gli strumenti di cui hanno bisogno, che nessun virus può portare via: carità, tenerezza e perdono, ha detto. “È vero che questa Pasqua sarà segnata dalla fragilità, da tanti crocifissi, ma quello che mi viene chiesto è un segno di carità”, ha aggiunto. “Gesù è venuto per portare una rivoluzione di tenerezza e perdono senza limiti. Queste sono le due cose che costruiscono la fraternità universale “.

Un uomo muore in ginocchio davanti all'altare nella chiesa

Un uomo muore in ginocchio davanti all'altare nella chiesa

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Vaticano: abusi al Preseminario San Pio

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Il papa: una lettera per le vittime del Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Luca Attanasio ambasciatore italiano: ucciso in Congo

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Papa celebra l'apparizione della Divina Misericordia

Il Vaticano prevede un deficit di quasi 50 milioni di euro a causa delle perdite del COVID

Il Vaticano prevede un deficit di quasi 50 milioni di euro a causa delle perdite del COVID