Vaticano: nessuna benedizione per le coppie gay

Rispondendo agli sforzi in alcune parti del mondo cattolico di escogitare “benedizioni” delle unioni dello stesso sesso da parte della Chiesa, il cane da guardia dottrinale del Vaticano ha rilasciato lunedì una dichiarazione in cui afferma che tali benedizioni sono “non legittime”, poiché le unioni omosessuali “non lo sono”. ordinato al piano del Creatore. “

“In alcuni contesti ecclesiali si stanno avanzando progetti e proposte di benedizioni di unioni di persone dello stesso sesso”, afferma il documento della Congregazione per la Dottrina della Fede. “Tali progetti non di rado sono motivati ​​da un sincero desiderio di accogliere e accompagnare persone omosessuali, alle quali vengono proposti percorsi di crescita nella fede, ‘affinché chi manifesta un orientamento omosessuale possa ricevere l’assistenza di cui ha bisogno per comprendere e volontà nelle loro vite “.”

Il documento, firmato dal cardinale gesuita spagnolo Luis Ladaria e approvato da Papa Francesco, è stato diffuso lunedì, insieme a una nota esplicativa che chiarisce che la dichiarazione arriva come risposta a una domanda, nota anche come dubium , presentata da pastori e fedeli richiedenti chiarimenti e indicazioni su una questione che potrebbe sollevare controversie.

papa francesco

La nota aggiunge che lo scopo della risposta della CDF è quello di “aiutare la Chiesa universale a rispondere meglio alle richieste del Vangelo, a risolvere le controversie e a promuovere una sana comunione tra il santo popolo di Dio”.

La dichiarazione non specifica chi ha posato il dubium , anche se negli ultimi anni ci sono state pressioni per una sorta di cerimonia di benedizione dello stesso sesso in alcuni angoli. I vescovi tedeschi, ad esempio, hanno sollecitato un dibattito sulla benedizione delle coppie gay.

La risposta sostiene che le benedizioni sono “sacramentali”, per cui la Chiesa “ci chiama a lodare Dio, ci incoraggia a implorare la sua protezione e ci esorta a cercare la sua misericordia mediante la nostra santità di vita”.

Quando si invoca una benedizione sui rapporti umani, si dice, oltre alla “retta intenzione” di chi partecipa, è necessario che ciò che è benedetto possa essere “oggettivamente e positivamente ordinato per ricevere ed esprimere la grazia, secondo i disegni di Dio inscritto nella creazione e completamente rivelato da Cristo Signore “.

Quindi non è “lecito” benedire relazioni e unioni dello stesso sesso

Quindi non è “lecito” benedire relazioni e unioni che, sebbene stabili, comportano attività sessuale al di fuori del matrimonio, nel senso che “l’unione indissolubile di un uomo e di una donna aperta in sé alla trasmissione della vita, come lo è il caso delle unioni tra persone dello stesso sesso. “

Anche quando possono esserci elementi positivi presenti in queste relazioni, “che sono di per sé da valorizzare e apprezzare”, esse non giustificano queste relazioni e non le rendono oggetto legittimo di una benedizione ecclesiale.

Se tali benedizioni si verificano, sostiene il documento della CDF, non possono essere considerate “lecite”, perché, come ha scritto Papa Francesco nella sua esortazione post-sinodale del 2015 sulla famiglia, Amoris Laetitia , non ci sono “assolutamente motivi per considerare essere in qualche modo simile o anche lontanamente analogo al piano di Dio per il matrimonio e la famiglia “.

La risposta rileva anche che il Catechismo della Chiesa Cattolica afferma: “Secondo l’insegnamento della Chiesa, uomini e donne con tendenze omosessuali ‘devono essere accettati con rispetto, compassione e sensibilità. Ogni segno di ingiusta discriminazione nei loro confronti dovrebbe essere evitato “.”

La nota dice anche che il fatto che queste benedizioni siano considerate illegali dalla Chiesa non intende essere una forma di ingiusta discriminazione, ma un promemoria della natura stessa dei sacramentali.

I cristiani sono chiamati ad accogliere “con rispetto e sensibilità” le persone con inclinazioni omosessuali, pur essendo coerenti con l’insegnamento della Chiesa e proclamando il Vangelo nella sua pienezza. Allo stesso tempo, la Chiesa è chiamata a pregare per loro, ad accompagnarli e a condividere il loro cammino di vita cristiana.

Il fatto che le unioni gay non possano essere benedette, secondo la CDF, non significa che gli individui gay che esprimono la volontà di vivere in fedeltà ai piani rivelati di Dio non possano essere benedetti. Il documento dice anche che anche se Dio non smette mai di “benedire ciascuno dei suoi figli pellegrini”, non benedice il peccato: “benedice l’uomo peccatore, in modo che possa riconoscere che fa parte del suo piano d’amore e permettere a se stesso di essere cambiato da lui. “

Papa emerito Benedetto XVI rompe il silenzio, dura critica

Papa emerito Benedetto XVI rompe il silenzio, dura critica

Vuole accogliere Gesù nel suo cuore ma il marito la caccia di casa

Vuole accogliere Gesù nel suo cuore ma il marito la caccia di casa

Palla di fuoco illumina il cielo della Norvegia (VIDEO)

Palla di fuoco illumina il cielo della Norvegia (VIDEO)

Papa Francesco: "I nonni e gli anziani non sono avanzi di vita"

Papa Francesco: "I nonni e gli anziani non sono avanzi di vita"

Guarisce dal Covid ed esce dall'ospedale con un'immagine della Madonna

Guarisce dal Covid ed esce dall'ospedale con un'immagine della Madonna

Servirà il Green Pass anche per entrare in Chiesa?

Servirà il Green Pass anche per entrare in Chiesa?

Messe antiche, Papa Francesco cambia tutto, "non si potrà più fare"

Messe antiche, Papa Francesco cambia tutto, "non si potrà più fare"