Vescovo nigeriano rapito, i cattolici pregano per la sua sicurezza

I vescovi della Nigeria hanno sollecitato la preghiera per la sicurezza e il rilascio di un vescovo cattolico nigeriano che è stato rapito domenica a Owerri, la capitale dello Stato di Imo in Nigeria.

Il vescovo Moses Chikwe “si dice sia stato rapito nella notte di domenica 27 dicembre 2020”, ha riferito il segretario generale della conferenza episcopale nigeriana.

Mons. Chikwe è il vescovo ausiliare dell’arcidiocesi di Owerri in Nigeria.

“Fino a questo momento non c’è stata comunicazione da parte dei rapitori”, p. Lo ha detto Zacharia Nyantiso Samjumi in un comunicato stampa ottenuto da ACI Africa il 28 dicembre.

“Confidando nell’assistenza materna della Beata Vergine Maria, preghiamo per la sua sicurezza e il suo rapido rilascio”, il segretario generale del CSN ha aggiunto un comunicato stampa diffuso sotto il titolo: “TRISTE EVENTO DA OWERRI”.

Varie fonti hanno confermato all’ACI Africa il rapimento di un vescovo nigeriano di 53 anni, il che indica che l’ubicazione del vescovo rimane sconosciuta.

“Ieri sera ho parlato con l’arcivescovo e gli ho chiesto di farmi sapere se succede qualcosa di nuovo. Ancora niente ”, ha detto ad ACI Africa il 29 dicembre un vescovo cattolico in Nigeria, facendo riferimento all’arcivescovo Anthony Obinna dell’arcidiocesi di Owerri.

Secondo The Sun, il rapimento è avvenuto lungo la strada di Port Harcourt a Owerri verso le 20:00 ora locale.

Il vescovo Chikwe “è stato rapito insieme al suo autista nella sua auto ufficiale”, ha riferito The Sun, citando testimoni oculari, che hanno aggiunto che il veicolo del vescovo “è stato successivamente restituito alla rotonda di Assumpta, mentre si credeva che gli occupanti fossero stati portati in una destinazione sconosciuta”.

Un’unità di polizia anti-rapimento ha iniziato a indagare sul rapimento, ha riferito il quotidiano.

Il rapimento del vescovo Chikwe è l’ultimo di una serie di rapimenti che hanno preso di mira il clero in Nigeria, ma i precedenti rapimenti hanno coinvolto sacerdoti e seminaristi, non vescovi.

Il 15 dicembre, p. Valentine Oluchukwu Ezeagu, un membro dei Figli di Maria Madre della Misericordia (SMMM) è stato rapito nello Stato di Imo mentre si recava al funerale di suo padre nel vicino Stato di Anambra, nel sud-est della Nigeria. Il giorno successivo è stato “rilasciato senza condizioni”.

Il mese scorso, p. Matthew Dajo, sacerdote nigeriano dell’arcidiocesi di Abuja, è stato rapito e rilasciato dopo dieci giorni di prigionia. Diverse fonti in Nigeria hanno riferito ad ACI Africa dei negoziati per il riscatto a seguito di p. Il rapimento di Dajo il 22 novembre, alcune fonti indicano la richiesta dei rapitori di centinaia di migliaia di dollari USA.

All’inizio di questo mese, il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha elencato la Nigeria tra i peggiori paesi per la libertà religiosa, descrivendo la nazione dell’Africa occidentale come un “paese di particolare preoccupazione (PCC)”. Questa è una designazione formale riservata alle nazioni in cui si stanno verificando le peggiori violazioni della libertà religiosa, gli altri paesi sono Cina, Corea del Nord e Arabia Saudita.

L’azione del Dipartimento di Stato americano è stata lodata dalla leadership dei Cavalieri di Colombo, con il Cavaliere Supremo dei Cavalieri di Colombo, Carl Anderson, che il 16 dicembre ha dichiarato: “I cristiani della Nigeria hanno sofferto gravemente per mano di Boko Haram e di altri gruppi”.

Gli omicidi e i rapimenti di cristiani in Nigeria ora “rasentano il genocidio”, ha aggiunto Anderson il 16 dicembre.

“I cristiani della Nigeria, sia cattolici che protestanti, meritano attenzione, riconoscimento e sollievo ora”, ha aggiunto Anderson, aggiungendo: “I cristiani della Nigeria dovrebbero essere in grado di vivere in pace e praticare la loro fede senza paura”.

Secondo un rapporto speciale pubblicato a marzo dalla Società internazionale per le libertà civili e lo Stato di diritto (Intersociety), “non meno di 20 ecclesiastici, tra cui almeno otto preti / seminaristi cattolici, sono stati uccisi a colpi di arma da fuoco negli ultimi 57 mesi 50 rapiti o rapiti. “

I vescovi cattolici in Nigeria, che è la nazione più popolosa dell’Africa, hanno ripetutamente invitato il governo guidato da Muhammadu Buhari a mettere in atto misure rigorose per proteggere i suoi cittadini.

“È semplicemente inimmaginabile e inconcepibile celebrare la Nigeria a 60 anni quando le nostre strade non sono sicure; la nostra gente viene rapita e vendono le loro proprietà per pagare il riscatto ai criminali “, hanno detto i membri della CBCN in una dichiarazione collettiva il 1 ° ottobre

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Come si comporta la chiesa nei confronti dei media?

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Angelus di Papa Francesco "digiunate dai pettegolezzi"

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Vaccino anti covid-19: non ci sono miracoli

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Carlo Acutis: dall'informatica al cielo

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

Il nunzio apostolico in Iraq risulta positivo al COVID-19

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

La nuova moneta italiana onorerà gli operatori sanitari

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo

Papa Francesco elogia gli italiani morti nel Congo