Viene chiesto al Papa di sospendere l’Angelus a causa del coronavirus

Il gruppo italiano per i diritti dei consumatori Codacons sabato ha invitato Papa Francesco a cancellare il suo discorso di Angelus a causa dei timori di diffondere il coronavirus cinese.

“Attualmente tutti i grandi raduni di persone provenienti da più parti del mondo rappresentano un potenziale rischio per la salute umana e alimentano il rischio di diffusione del virus”, ha detto sabato sabato Carlo Rienzi, presidente dell’associazione.

“In questa delicata fase di grande incertezza sono quindi necessarie misure estreme per proteggere la sicurezza pubblica: per questo motivo facciamo appello a Papa Francesco affinché sospenda l’Angelus di domani in Piazza San Pietro e tutte le principali funzioni religiose che attirano un gran numero di fedeli” Lui continuò.

Rienzi ha affermato che se gli eventi in Vaticano continuassero come previsto, il papa dovrebbe invitare i credenti a seguire gli eventi in televisione da casa.

Codacons ha affermato che questa politica dovrebbe applicarsi anche ad altre attrazioni turistiche, come il Colosseo, e ha anche invitato il governo a sospendere la Maratona di Roma, che si terrà il 29 marzo.

Oltre 11.000 persone in Cina sono state confermate infette dal coronavirus e oltre 250 persone sono morte.

Il 23 gennaio, il governo cinese ha sospeso i collegamenti di trasporto con Wuhan, l’epicentro dell’epidemia.

Tuttavia, l’Organizzazione mondiale della sanità ha affermato che esiste un rischio minimo per le persone al di fuori della Cina.

“Ora ci sono 83 casi in 18 paesi [al di fuori della Cina]. Di questi, solo 7 non avevano precedenti di viaggio in Cina. Vi è stata una trasmissione da uomo a uomo in 3 paesi al di fuori della Cina. Uno di questi casi è grave e non ci sono stati decessi “, ha affermato l’OMS in una dichiarazione del 30 gennaio.

L’OMS ha affermato di non raccomandare alcuna restrizione ai viaggi o al commercio in base alle informazioni attualmente disponibili e ha messo in guardia contro “azioni che promuovono lo stigma o la discriminazione”.

Articoli correlati